HomeCircolari Locali16-01 Rete di Macerata – gennaio 2016

16-01 Rete di Macerata – gennaio 2016

Lettera circolare della Rete di solidarietà internazionale

Radiè Resch di Macerata – Gennaio 2016

Cari amici, rallegriamoci perché ci sono alcune buone notizie che ci fanno aprire l’anno con ottimismo. La prima è l’accordo sul clima, infatti a Parigi i delegati di 195 paesi che hanno partecipano alla Conferenza mondiale sul clima hanno firmato un accordo in cui si impegnano a ridurre le emissioni inquinanti in tutto il mondo. Il New York Times ha definito l’accordo “storico”, un termine utilizzato anche da moltissimi altri giornali di tutto il mondo. L’importanza dell’accordo, a differenza di quello di Copenaghen del 2009, è data dal fatto che è stato sottoscritto da tutti i paesi partecipanti: anche da quelli emergenti, che spesso sfruttano pesantemente fonti di energia non rinnovabile. L’accordo contiene sostanzialmente quattro impegni per gli stati che lo hanno sottoscritto:

–        Mantenere l’aumento di temperatura inferiore ai 2 gradi, e compiere sforzi per mantenerlo entro 1,5 gradi.

–        Smettere di incrementare le emissioni di gas serra il prima possibile e raggiungere nella seconda parte del secolo il momento in cui la produzione di nuovi gas serra sarà sufficientemente bassa da essere assorbita naturalmente.

–        Controllare i progressi compiuti ogni cinque anni, tramite nuove Conferenze.

–        Versare 100 miliardi di dollari ogni anno ai paesi più poveri per aiutarli a sviluppare fonti di energia meno inquinanti.

Tutti i paesi saranno obbligati dal trattato a rispettare l’obiettivo di riduzione delle emissioni a cui mirano e a partecipare al processo di revisione quinquennale. La maggiore critica che viene avanzata al documento è però il fatto che non sono previste sanzioni in caso in cui gli obiettivi non vengano raggiunti, e che sostanzialmente diversi paesi avranno margine per ignorare le raccomandazioni contenute nel documento. Greenpeace ha detto che il documento è stato “depotenziato” rispetto alle loro aspettative, ma ha aggiunto che comunque mette le società petrolifere e i produttori di carbone “dal lato sbagliato della storia”. Secondo il WWF si tratta di un “forte segnale”; secondo ActionAid il testo pur pregevole, non è abbastanza ambizioso; Oxfam sostiene invece che i paesi ricchi non hanno promesso abbastanza finanziamenti ai paesi in via di sviluppo per bilanciare le perdite che subiranno per l’utilizzo di macchinari meno inquinanti ma più costosi. Inizialmente si temeva in particolare l’opposizione dei paesi in via di sviluppo e di quelli che sono importanti esportatori di energia. I delegati cinesi, ritenuti tra i principali oppositori del piano prima della conferenza, hanno definito l’accordo “non ideale”, ma “buono”. Cina, India e molti altri paesi in via di industrializzazione si opponevano da anni a un accordo che imponesse regole troppo severe da rispettare perché in genere le loro industrie sono particolarmente inquinanti e limitare le emissioni potrebbe causare un rallentamento della crescita economica. Per motivi opposti, anche il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha detto che l’accordo non è “perfetto”, ma che è comunque “ambizioso”. Gli Stati Uniti, come l’Europa, hanno da tempo introdotto tecnologie che hanno permesso loro di ridurre le emissioni e durante la conferenza si battevano per l’introduzione di norme severe contro le emissioni. Le obiezioni americane sono state aggirate quando i negoziatori francesi hanno preparato una bozza di piano “prendere o lasciare”. Altra buona notizia viene da Bruxelles, nonostante tutte le altre pessime, poiché si parla0 di un testo definitivo della Tobin Tax, la tassa sulle transazioni finanziarie, che dovrebbe esser pronto per giugno ed entrare in vigore entro il 2016. I ministri dell’Economia di Italia, Germania, Francia, Spagna, Belgio, Austria, Grecia, Portogallo, Slovacchia e Slovenia, hanno raggiunto un accordo che sblocca tre anni di stallo. Il ministro Padoan ha dichiarato che l’imposizione riguarderà le transazioni azionarie, obbligazionarie e di derivati ma non di titoli di Stato per non provocare effetti negativi sul debito pubblico dei Paesi interessati. L’accordo è stato definito da più parti come un “buon risultato” viste le posizioni di partenza molto distanti fra loro, nonché la reazione negativa espressa dalla Gran Bretagna, che, da sempre, è contraria alla tassa. La Commissione Europea ha presentato la Tobin Tax come una tassazione applicabile a tutte le operazioni su titoli emessi in uno stato membro indipendentemente dal luogo in cui avviene lo scambio. Quindi anche una transazione alla borsa di Londra può finire nel mirino del fisco. Grazie alle norme UE, una cooperazione fra stati è possibile se comprende almeno un terzo degli stati membri e i dieci stati favorevoli alla Tobin rappresentano proprio questo limite, pertanto i governi possono procedere a completare l’accordo da chiudere entro i prossimi sei mesi. Altra notizia positiva riguarda il Ttip che, sembra essere stato bloccato in Commissione non solo per l’assenza di controllo democratico, ma principalmente per una asimmetria tra USA e UE che rende ragione delle denunce di quanti ritengono che il risultato finale sarà l’asservimento non solo dell’economia ma dell’intera sfera pubblica europea, agli interessi superiori degli Usa. Uno dei punti chiave del Ttip è l’istituzione di un sistema di arbitraggio, tramite la «clausola Isds» (Investortostate dispute settlement mechanism), affidato a giudici di parte e privati a cui gli operatori econoici, per lo più le multinazionali, possano rivolgersi per far valere le proprie ragioni particolari. Il punto è che l’arbitrato di cui si parla, ha potenza anche contro le leggi di Stati sovrani. L’arbitro, in sintesi, non potrà abro-gare o bloccare leggi nazionali quando sfavorevoli alle imprese, vedi le compatibilità ambientali, il costo del lavoro etc., ma potrà imporre agli Stati in conflitto, il pagamento di indennizzi, come per esempio nel caso di nazionalizzazioni. La posta in gioco è chiara: il trasferimento de facto di forme di potere da istituzioni democratiche ad istituzioni tecnocratiche che non rispondono ai cittadini. Ma c’è di più: mentre gli Usa sono una nazione con regole condivise e legittimate dalla politica, dunque in grado di fare sistema e di difendersi molto meglio, l’approvazione sic et simpliciterdi questo trattato da parte dell’Ue porterebbe a percepire l’Europa come tecnocratica e distante dal corpo democratico della società. La politica europea, spinta dai tanti referendum anti-Ttip, sembra abbia volto lo sguardo verso ciò che conta. E di questo risultato possiamo andare orgogliosi anche noi Rete Radiè Resch vista la nostra partecipazione alle campagne contro il trattato transatlantico. E ancora è una buona la notizia che sale la tensione sul fronte delle trivellazioni in Adriatico con dieci regioni dal Veneto alla Puglia che hanno sottoscritto il referendum abrogativo delle norme dello “Sblocca Italia” che permettono lo sfruttamento dei giacimenti gassosi e petroliferi sottomarini. La Cassazione ha ammesso il referendum, ora la parola è passata alla Corte Costituzionale che deve esprimersi sulla moratoria di tutte le attività offshore richiesta dai comitati NO Triv che anche in Ancona hanno manifestato contro il Governo che ha autorizzato i primi sondaggi petroliferi dei fondali.

Augurando un BUON ANNO a tutti mi accommiato con questa riflessione:

Il sasso

La persona distratta vi è inciampata.

Quella violenta, l’ha usato come proiettile.

L’imprenditore l’ha usato per costruire.

Il contadino stanco invece come sedia.

Per i bambini è un giocattolo.

Davide uccise Golia e

Michelangelo ne fece la più bella scultura.

In ogni caso, la differenza

non l’ha fatta il sasso, ma l’uomo.

Non esiste sasso sul tuo cammino che tu non

possa sfruttare per la tua propria crescita.

Cristina

FOLLOW US ON:
Assemblea Quarrata 2
16-02 Rete di Padova
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT