HomeCircolari Locali16-05 Rete di Verona (bis) – maggio 2016

16-05 Rete di Verona (bis) – maggio 2016

Lettera circolare della Rete di solidarietà internazionale

Radiè Resch di Verona – Maggio 2016 (bis)

Cari amici della solidarietà della Rete Radié Resch di Verona, è sempre più difficile proporvi una discussione regolare sulla solidarietà, gli argomenti sembrano tutti fuori luogo, vecchi, inadatti a cercare possibili soluzioni anche parziali ai problemi che quotidianamente ci affliggono. Il primo argomento di interesse è sempre quello dei migranti. Tutti vogliono venire in Europa dall’Africa e dal Medio Oriente, ed è lo stesso dal Centro America verso gli Stati Uniti, ed anche là c’è chi pensa che l’unica soluzione consista nel costruire muri, nell’impedire l’accesso di chi cerca fortuna, quasi per tenerci noi soli la fortuna che abbiamo, i soldi che ci siamo trovati in casa per non si sa quale occasione, forse per un lavoro che abbiamo saputo far fruttare, per il nostro genio, o non si sa bene come, o con che manovre più o meno criminali o protezionistiche ci hanno fruttato i nostri capitali. Quindi nel fenomeno dei migranti ci sono problemi di chi viene, per il fatto che vuol venire, e problemi di chi resta, perché i soldi sono mal spartiti, e la crisi è in tutto il mondo. Per noi basta pensare alla crisi delle banche, e soprattutto delle banche venete, che sono fallite buttando sul lastrico migliaia di piccoli risparmiatori, ma privilegiando e arricchendo pochi altri dirigenti che hanno approfittato della loro posizione. Nel recente Convegno abbiamo ascoltato sui migranti le parole di padre Mussie Zerai, un sacerdote eritreo molto competente, che ci ha raccontato cosa gira in Somalia, perché tanti giovani fuggono da quel povero paese dove c’è una guerra strana e un servizio militare senza fine e senza soldi. Se volete vedere ciò che ha detto al Convegno di Trevi, battete il suo nome su You tube e vedrete il suo intervento, l’abbiamo registrato e pubblicato. Più che mai il problema con i migranti rimane il cosa si può fare, ma in una associazione di solidarietà come la nostra in questo momento va in crisi qualsiasi impostazione, specialmente se è vecchia, molto vecchia. Sì, da 50 anni destiniamo una parte del nostro stipendio a progetti internazionali di piccolo riequilibrio, ma molti nostri amici, molti nostri figli non hanno questa disponibilità, non sono ricchi come quelli di noi che possono risparmiare una parte del reddito e lo destinano a progetti di liberazione, piccoli e limitati, ma pur sempre un piccolo superfluo. Sì, è circa lo stesso che diamo ai nostri figli disoccupati, ad altre iniziative italiane, in aggiunta a quelle internazionali della Rete, ma noi possiamo permettercelo, e anzi dobbiamo essere trasparenti per il nostro fisco, come se fossero queste poche migliaia di euro a porre problemi al bilancio dello Stato. Tant’è, è giusto che tutti quelli che usano soldi e banche lo facciano in modo onesto e coerente. La Rete è partita con la Palestina, a tutela dei diritti calpestati dei palestinesi, ma da allora in quel posto le cose sono solo peggiorate, e l’unica reazione possibile sembra solo quella degli estremisti islamici. Abbiamo proseguito con il Brasile, seguendo Arturo Paoli e i compagnons batisseurs, sull’onda della liberazione dell’America Latina, coi prigionieri delle carceri brasiliane, e poi del Cile, e dell’Argentina, del Salvador; ed ora sono in crisi politica il Brasile, è in crisi il Venezuela, l’Argentina, l’Uruguay, il Cile. Molte cose in America Latina sono decisamente migliorate, non hanno più bisogno di noi come un tempo, scuole e ospedali sono sostenuti dallo stato e sono pubblici o quasi, ma ci sono altre crisi, sulle quali non possiamo incidere noi, con i nostri piccoli progetti. Abbiamo poi seguito il progetto Rete Santo Domingo (ricordate Miguel e Ida, il Centro Valpiana a el Abanico), anch’esso è poi divenuto autonomo ed è seguito dallo Stato, un grande successo quindi. Seguiamo da 20 anni il Guatemala, ed ancora lo stiamo seguendo, in mezzo a molte difficoltà. E in ognuno di questi paesi abbiamo conosciuto gente impegnata, che con poche risorse hanno saputo dare speranza a tanta gente, e la speranza l’hanno data anche a noi lontani, che li abbiamo conosciuto quasi solo perché abbiamo voluto riservare alcuni dei nostri risparmi per contribuire ad iniziative di liberazione, ed abbiamo così partecipato alla loro lotta. Ora stiamo iniziando con il Ghana, per sostenere alcune ragazze a continuare i loro studi, per cambiare attraverso loro la loro civiltà e il loro paese, e avremo molto da imparare anche da loro. Ma la Colletta nazionale della Rete cala, il numero di aderenti alla rete e di attivi nella colletta si riduce, perché cambia la società, ed alcuni progetti della Rete vanno a rischio. Invece a Verona i numeri della colletta non sono cambiati significativamente. Il gruppo Verona è rimasto abbastanza numeroso e attivo, ci incontriamo, ci parliamo, ci confrontiamo, ma il contesto per tutti è ormai diverso, sta cambiando tutto, in Italia, in Europa, nel mondo. Cambia perfino il clima, questi violenti temporali in giugno sono nuovi, si pensava solo all’aumento del calore estivo, e invece … E allora, come mantenere le nostre relazioni personali? Le nostre motivazioni? La Rete ha saputo mantenere il suo impegno concreto attraverso le collette, la restituzione, non solo con discussioni e motivazioni politiche, se no credo che anche fra noi prevarrebbero liti, divisioni, ideologie, confronti di principio. Le collette sono un impegno concreto, reale, di poca discussione, e sotto c’è sempre il tentativo di restituire, riequilibrare, dare chances a chi forse non le ha avute. E l’altro grande impegno della Rete sono le relazioni interpersonali, ascoltarsi, valorizzare l’altro, l’altro vicino e l’altro lontano, soprattutto quando viene da luoghi diversi, da storie lingue diverse, lontani, in situazioni difficili. Da essi si impara molto, si impara anche a stare insieme. E il nostro prossimo incontro del gruppo veronese è proprio per stare insieme: l’appuntamento prossimo in cui stare insieme è per sabato 11 giugno, come ricorderete. Come ogni anno a fine stagione, all’inizio dell’estate, ci troviamo nel giardino di Maria e Gianni, in Pettenella Gardens, in via Marsala 12 A, dopo le 20. Ognuno porta qualcosa da bere o da mangiare, e aspettiamo anche chi non è venuto spesso e ritiene di non avere abbastanza amicizia con la gente. Le amicizie si fanno incontrandosi, e nell’incontro ci si scopre, ci si osserva, si cerca una solidarietà reale, si parla delle conoscenze trovate nella Rete, e di tante altre cose. Nell’incontro conviviale faremo anche qualche discussione sul nostro gruppo: sarebbe bene ricominciare a assegnare in giro la redazione delle circolari mensili, a dare la parola a tanti cari e stimati amici, a distribuire l’incarico della riflessione, perché vanno sentiti tanti punti di vista, anche copiando articoli di altri o riportando i pensieri di amici o maestri. Ne parleremo. Un caro saluto a tutti, a sabato 11, ciao.

Dino con Silvana

FOLLOW US ON:
16-05 Rete di Quarra
16-05 Rete di Verona
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT