HomeCircolari Locali16-06 Rete di Roma – giugno 2016

16-06 Rete di Roma – giugno 2016

Lettera circolare della Rete di solidarietà internazionale

Radiè Resch di Roma – Giugno 2016

Roma, 14 giugno 2016

Carissimi amiche e amici, “Stiamo vivendo una crisi di civiltà”. Queste parole le disse Ettore Zerbino durante un nostro coordinamento svoltosi a Roma alcuni anni fa, al tempo del governo Monti, e negli ultimi tempi mi tornano in mente con frequenza dinanzi a tutto quello che vediamo accadere nel mondo intero, nessun angolo escluso, con un crescendo impressionante. C’è davvero da demoralizzarsi: gli sforzi delle persone oneste, sagge e coraggiose tesi a raddrizzare le peggiori storture vengono di norma vanificati, anche quando eccezionalmente occupano posti di responsabilità. Mi rendo conto che iniziare una lettera in tal modo non è incoraggiante, né per chi scrive né tanto meno per chi legge. Ne chiedo scusa, specialmente a coloro che più si impegnano giorno per giorno nei nostri progetti, e non solo in quelli, per lenire le sofferenze degli oppressi; e sono tanti gli amici e le amiche che lavorano senza sosta con impegno encomiabile. E ancor più conforta sapere che altri, di associazioni e organizzazioni di vario genere, impiegano tempo e risorse per solidarizzare con chi si trova in estremo bisogno, fornendo esempi di umanità talvolta incredibili. E’ a questo che dobbiamo rifarci per coltivare (o per ritrovare) la speranza nel futuro dell’uomo. Per uscire dal clima di basso impero in cui si è piombati bisogna credere nella riscossa degli onesti, nella loro incrollabile fermezza a non demordere di fronte agli ostacoli che i malvagi, in particolare i bramosi di potere, creano di continuo allo scopo di sconfortare i sostenitori della giustizia. Perché sono appunto i detentori del potere politico-economico-finanziario i responsabili indiretti anche degli avvenimenti orribili che affollano quotidianamente le cronache mondiali per colpa non solo di eserciti, guerriglieri, terroristi ma anche di semplici cittadini fuorviati dagli esempi e dagli incoraggiamenti di chi occupa ogni genere di posti di responsabilità. A volte violenze e omicidi sono da addebitarsi a casi di pazzia, ma siamo certi che la follia non venga indotta, almeno in certi casi, da situazioni o esempi provenienti dall’alto? Vedete bene che evito stavolta di portare esempi concreti, di citare nomi di persone, Stati, luoghi, sì che a qualcuno verrà in mente che le mie siano parole generiche e pertanto di scarso effetto, superfluo vaniloquio di chi – raggiunta una certa età – usa pontificare sui mali dell’umanità senza entrare nel merito delle questioni più scottanti e proporre possibili rimedi. Intanto non ho fatto riferimento ad alcuna situazione perché sono certo che vi teniate informati su quanto avviene sul pianeta. Poi ho ritenuto di puntare in questa semplice lettera sull’esortazione (che rivolgo anche a me stesso) a non desistere dalla nostra azione solidaristica a favore di chiunque si trovi in condizioni di estremo bisogno, moltiplicando se necessario (ed è necessario) gli sforzi e i sacrifici personali, tentando di acquistare alla causa altre persone sensibili, propagandando le finalità che la RRR persegue da oltre 50 anni. Al proposito voglio aggiungere che un giorno la Rete potrà anche estinguersi, nulla essendo eterno; però altri continueranno il nostro lavoro, alcuni già si sono rivolti altrove con apprezzabili risultati. Tutto concorre a quella riscossa degli onesti di cui dicevo prima che spero, forse con eccessiva fiducia, possa farci uscire un giorno augurabilmente vicino dalla “crisi di civiltà” donde ho preso le mosse, citando l’amico Zerbino, il solo nome ricordato in questa breve missiva. Un grande abbraccio a tutte e a tutti.

Per la rete di Roma, Mauro Gentilini.

FOLLOW US ON:
Coord. Sezano 18-19
16-06 Rete di Padova
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT