HomeCircolari Locali17-01 Rete di Padova – Gennaio 2017

17-01 Rete di Padova – Gennaio 2017

Lettera circolare della Rete di solidarietà internazionale

Radiè Resch di Padova – Gennaio 2017

Il mondo cambia con il tuo esempio non con la tua opinione.

(da un manifesto argentino)

Carissime amiche e carissimi amici che ricevete questa periodica comunicazione: Auguri di buon anno. Anno nuovo vita nuova è la frase, l’augurio, che si ridice ad ogni inizio di anno, ma…come ci scrive padre Filo, comboniano, dal Ciad: […] Trump non promette niente di buono, la guerra in Siria è al suo sesto anno, la guerra in Yemen ha fatto più di 10.000 morti (ma quasi nessuno ne parla), gli attentati colpiscono dappertutto (ma fanno rumore solo a certe latitudini!), si muore per le strade del Congo in questi giorni in cui si protesta per un presidente scaduto che non se ne vuole andare, è caos in Gabon dopo le elezioni truccate, in Centrafrica le esazioni contro la popolazione riprendono, in Sud Sudan la pace è ancora in alto mare, l’intolleranza del mondo contro gli immigrati sale. Può bastare per questo Natale? Qui in Ciad le scuole e le Università sono chiuse (quasi tutte! Poche come le nostre resistono con grandi difficoltà) da più di tre mesi, gli ospedali chiusi, gli studenti per strada, gli insegnanti senza salario e senza speranza. Le famiglie stringono la cinghia e sono costrette a tornare nei villaggi dove almeno il lavoro dei campi non dipende dal buonumore o dal furto delle casse dello stato dell’etnia al potere. Molti fanno fatica anche a mangiare. Fino a quando? Prima di passare alle notizie da Haiti vogliamo esprimere un grande grazie a tutti per la sensibilità dimostrata con un straordinario aiuto per risolvere i drammatici problemi causati dal ciclone e per ricordare Gianna. Le notizie da Haiti, con la nostra continua solidarietà, ci segnalano qualche segno di speranza. Jean e Willot, oltre agli auguri estesi a tutti e a tutte della nostra Rete, ci informano di essere riusciti a far funzionare in modo più efficace i centri di salute grazie alla partecipazione volontaria di medici haitiani. Inoltre hanno fatto un sopralluogo nel nord ovest dove sono cominciati i lavori per la sistemazione della scuola professionale di Marrouge scoperchiata dall’uragano Matthew.

Cara Tita e famiglia Rete, nou kontan anpil resevwa nouvèl ou nan epók nwèl la (siamo contenti di ricevere vostre notizie nel tempo di natale). Approfittiamo anche di questa opportunità per augurare a te, alla tua famiglia e a tutti i membri della RETE un gioioso natale. Come ci hai ben detto nel tuo messaggio, malgrado i problemi e le catastrofi naturali, dobbiamo conservare la nostra serenità. In effetti, la lettera di fine anno della RETE è per noi una boccata di ossigeno sia per la sua profondità che per le parole di conforto che ci avete inviato. Prima di passare ad altre cose, ci teniamo a ringraziarvi per la vostra solidarietà o contributo alle nostre scuole e agli insegnanti che accompagnano i bambini delle montagne nel loro percorso di conoscenza di cui avranno bisogno per assicurare il loro futuro in un mondo che è sempre più esigente. Infine vi ringraziamo ancora una volta per il contributo nel nome di Gianna e il sostegno che contate di darci per costruire una sala per la FDDPA. A questo proposito, vi faremo pervenire il preventivo per la sua costruzione a Dofiné. Per quanto concerne le devastazioni causate dal ciclone Matthieu, all’inizio di questa settimana siamo andati nel Nord-Ovest per fare una valutazione dei danni e anche per lanciare la ricostruzione del tetto della piccola scuola professionale che è stata selvaggiamente smantellato dal ciclone. E’ vero ci sono stati danni materiali inimmaginabili, specialmente la distruzione dei campi dai quali dipendono i contadini per la loro sopravvivenza; ma i membri del comitato della FDDPA del luogo si sono dimostrati molto coraggiosi e resilienti. Benché fosse impossibile proseguire i corsi nell’edificio sprovvisto di tetto, la direttrice della scuola ha fatto sistemare una piccola sala che era utilizzata come deposito di materiali scolastici e altre cose. Vi invieremo delle foto per vedere le devastazioni che Matthieu ha fatto alla scuola professionale della FDDPA. Quanto alla scuola infermieristica per Christmène tutto prosegue bene: a partire dal mese di gennaio 2017 comincerà a frequentarla in una località della regione dell’Arcahaie. Vi daremo più dettagli al più presto sui costi degli studi di Christmène. Per quanto concerne il preventivo per la costruzione di uno spazio di riunione per la FDDPA a Dofiné, è già stato fatto un preventivo in luglio ma questo preventivo deve essere aggiustato secondo i prezzi del mercato attuale. Per ciò vi invieremo molto presto il preventivo per la costruzione dello spazio, infatti i prezzi subiscono ogni giorno variazioni tenendo conte dell’aumento del dollaro americano sul mercato haitiano e del gourde che si deprezza

continuamente. Così, a nome di tutti i membri della FDDPA, vi formuliamo i nostri migliori auguri e ancora Grazie per tutto, che il nostro pianeta sia fonte di vita vera per tutte le specie che vi abitano. Da Haiti, Jean, Martine, Willot e Balanse che vi salutano.

Salve a tutti gli amici della RETE, A nome della FDDPA e mio personale, è sempre importante ribadire la nostra gratitudine per la vostra solidarietà incondizionata con i contadini di Dofiné, Katienne, Fondol e Marre-Rouge. Grazie alla vostra generosità la FDDPA ha potuto mantenere e continuare le opere di Dadoue. Senza la vostra solidarietà, sarebbe impossibile offrire tanti servizi alle comunità succitate. Come Jean ha ricordato nella sua ultima corrispondenza alla RETE, pochi giorno prima di natale, noi siamo andati a Mare-Rouge per ricostruire il tetto della scuola che il ciclone Matthieu aveva completamente distrutto. Ora i lavori sono in corso, quando saranno completati, vi invieremo tutte le foto. Per quanti concerne la coltivazione della Moringa, abbiamo avuto una riunione a Fondol il 23 dicembre in vista di lanciare il progetto verso la fine di questa settimana (sabato 7 gennaio. A questa riunione, hanno partecipato un contadino di Fondol, il direttore della scuola, Jean, Willot e Jackner. Pensando a Gianna che ci ha lasciato e alla sua famiglia, auguriamo coraggio e salute a voi tutti!

12 GENNAIO 2017

Salve Tita, ho appena completato il rapporto ed è con molta gioia che te lo invio e ti auguro buona lettura e buona condivisione con gli altri membri della Rete, specialmente il gruppo di Padova.

In effetti, noi diciamo Grazie a tutti i membri della Rete per il loro supporto e la loro solidarietà che hanno sempre manifestato verso la nostra organizzazione. Grazie al vostro accompagnamento, ancora una volta abbiamo concluso un altro anno, e durante una ventina di anni di collaborazione, voi non vi siete stancati di continuare a supportarci soprattutto nei momenti più difficili, nelle catastrofi naturali come nella nostra lotta per l’uguaglianza sociale. Malgrado i tempi siano molto cambiati, malgrado la vulnerabilità dei nostri membri per avanzare nei nostri programmi di economia solidale, malgrado l’egoismo del nostro mondo, malgrado le morti delle persone che ci sono molto care e quanti ci hanno lasciato durante questa lotta, ma grazie alla vostra solidarietà incondizionata, siamo riusciti a resistere. Perciò vi diciamo Mesi anpil paske nou pemet FDDPA kenbe nan batay la, se sa ki fe nou p ap bay legen nan batay la. Mesi pou tout bagay sa yo (molte grazie perché possiamo resistere nella lotta, è questo che non ci fa desistere dalla lotta, grazie per tutto questo) Jean Bonnélus che vi saluta e vi dice Grazie.

[alla comunicazione segue un dettagliato rendiconto mensile delle spese sostenute per le varie attività]

Prossimo Coordinamento: sabato 28, domenica 29 gennaio a Roma. Informazioni e prenotazioni a: angelociprari1@gmail.com cell. 3403924204. Ricordiamo che tutti possono partecipare.

FOLLOW US ON:
16-12 Rete di Padova
17-02 Rete di Padova
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT