HomeCircolari Locali17-01 Rete di Roma – gennaio 2017

17-01 Rete di Roma – gennaio 2017

CIRCOLARE DELLA RETE ROMANA – GENNAIO 2017

Invitata da Mauro e Angelo a scrivere sulla Palestina per la circolare di Gennaio 2017, non posso non ricordare che siamo alle soglie dei 50 anni di occupazione militare di tutta la Palestina da parte di Israele.

Nel giugno del 1967, durante la cosiddetta guerra dei 6 giorni, io ero là tra Amman e Gerusalemme. Le due sponde del Giordano, ad est la Cisgiordania e ad ovest la Giordania, furono unite sotto il nome di Regno Hascemita di Giordania. Israele, sostenuta dagli Stati Uniti e appoggiata da gran parte dell’Europa, conquistò – insieme al Golan in Siria e al Sinai in Egitto – la Cisgiordania e Gaza facendo sua l’intera Palestina. Da allora, la popolazione palestinese viene sottoposta a vessazioni continue, impedita nella sua libertà di movimento, non rispettata nei suoi diritti fondamentali di persone con pari dignità col popolo occupante.

Ben presto i coloni ebrei, provenienti dai vari paesi arabi e da tutto l’Occidente, invasero le proprietà dei palestinesi, costringendo spesso questi ultimi ad abbandonare le proprie case quando non s’intimava loro di distruggerle, dietro mandato militare con pretesti di irregolarità. In molti casi furono gli stessi palestinesi chiamati a ricostruirle per i coloni in cambio di un misero salario. Ho visto palestinesi lavorare alla costruzione del muro di separazione e alla mia domanda sul perché accettassero di far così del male a se stessi, risposero: “ho moglie e figli da sfamare”.

Tornando a quel giugno del 1967, le persone cacciate dalle loro case di Gerusalemme, Betlemme, Ramallah ecc. riempirono gli uffici della Sicurezza di Amman, dove risiedevo. Gli stranieri, in quei giorni, furono sollecitati a lasciare il paese. La Questura mi chiamò per verificare se la mia richiesta di cittadinanza sarebbe da me confermata o meno. Da un breve colloquio, colsero la mia determinazione mi dissero di considerarmi una di loro per cui non avrebbero voluto che fossi costretta a lasciare il paese. Fui così invitata a recarmi in Tribunale, con la Bibbia in mano, per il mio giuramento di fedeltà alla patria. Per volontà del Re mi fu conferita la cittadinanza giordana, come a qualsiasi palestinese residente in quel paese; ciò fu per me la più grande prova di amore e di stima reciproca tra me e quel popolo.

Furono giorni difficilissimi! I Palestinesi, cacciati da Gerusalemme e da tutta la Cisgiordania, affluirono in massa ad Amman, dopo giorni e giorni di cammino attraverso il deserto, incalzati dall’esercito israeliano con i fucili spianati. Alcuni arrivarono feriti, altri persero dei loro cari lungo il viaggio, specie bambini e anziani, per disidratazione e sfinimento. Grazie alla mia cittadinanza giordana mi fu possibile, insieme ai miei colleghi dell’università di Amman che frequentavo come uditrice, fare del volontariato a Wadi Dilayli, uno dei campi allestiti dalle autorità giordane per accogliere i profughi della Cisgiordania. Per quattro mesi, ogni giorno, partivamo la mattina presto per rientrare a sera inoltrata. Alcuni di noi si occupavano di far scuola ai bambini, altri dell’assistenza sanitaria o della distribuzione di acqua e pane. A me, la più grande per età, affidarono la responsabilità di fare la cucina per 16.000 persone, affiancandomi alcuni giovani dell’esercito e un gruppo di scout. Pensai subito di coinvolgere anche alcuni rifugiati e insieme organizzammo il lavoro di preparazione e distribuzione del cibo. La nostra fu come una grande famiglia dove si respirava angoscia e dolore, ma insieme cercammo di dare una mano a tutti. Tornando a casa la sera, molti degli oggetti di cui ci si serve abitualmente: piatti, bicchieri, posate, contenitori vari, sedie ecc. ecc. mi sembrarono superflui dal momento che nel campo bastava un barattolo vuoto per attingere l’acqua da un bidone e dissetarci tutti. Quel campo profughi fu per me una grande scuola di solidarietà e di umanità condivisa!

50 anni non sono bastati a ristabilire il diritto internazionale in terra di Palestina! Il dramma continua, tra alti e bassi, tra ribellione e resistenza nonviolenta. Ci sarebbe tanto da dire sulle umiliazioni cui è sottoposto il popolo palestinese: le atrocità commesse da militari israeliani e dagli stessi testimoniate, le carcerazioni amministrative di tanti giovani palestinesi e persino di adolescenti e di bambini, le scorribande dei coloni ad Hebron contro i beduini e il loro bestiame, il pestaggio dei palestinesi mentre raccolgono le proprie olive, le barche dei pescatori di Gaza speronate e sequestrate dalla Marina militare israeliana pur trovandosi entro le miglia fissate da Israele e tanto altro: dalla giudeizazione di Gerusalemme Est alle reazioni scomposte di Netanyahu per le decisioni dell’Unesco sui diritti dei palestinesi, ma anche ai traguardi raggiunti dai movimenti dei BDS, sostenuti da un numero crescente di ebrei israeliani, le stesse rivolte interne ad Israele per più giustizia ecc. ma in questo momento credo opportuno dare spazio alla Risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU contro la colonizzazione israeliana della Palestina.

Secondo Barak Ravid su Haaretz del 24 Dic. 2016, gli USA per otto anni hanno messo in guardia Netanyahu da una politica che avrebbe avuto un costo, ma lui ha preferito tenersi buona la lobby delle colonie. Il suo insuccesso al Consiglio di Sicurezza, afferma Barak,“rivela ancora una volta quanto chiaro e netto sia il consenso internazionale contro le colonie”. Non si tratta solo di Obama, ma ha votato a favore della risoluzione il governo inglese di destra, col primo ministro Theresa May e il ministro degli Esteri Boris Johnson, i governi di Spagna, Russia e Cina, forse più interessati alla tecnologia israeliana che ai palestinesi, la Nuova Zelanda, col suo capo di governo di destra, Bill English, che nel 2003 rimproverò il ministro degli Esteri del suo Paese per aver abbracciato Yasser Arafat.

Il prof. Mazin Kumsiyeh, incontrato nel nostro viaggio RRR del 2010 all’Università di Bethlem, attivista per i diritti del suo popolo, nella sua ultima mail riporta che dagli Accordi di Oslo 1994, quando “l’Autorità Palestinesesi fece subappaltatrice dell’occupazione israeliana” i coloni in Cisgiordania, da 150.000 sono diventati 750.000 e i 50 paesi che non avevano riconosciuto Israele lo fecero dopo Oslo.

Molti analisti, a suo dire, considerano la risoluzione ONU una vittoria sebbene manchino i meccanismi di applicazione e la violenza dei coloni sia stata equiparata a quella dei colonizzati, senza mai pronunciare la parola Palestina. Nell’attuale situazione, Kumsiyeh vede due sole opzioni possibili: che l’ANP (Autorità Nazionale Palestinese) non interrompa la collaborare per la sicurezza d’Israele continuando a tarpare le ali ai movimenti di protesta o in alternativa che dica alla comunità internazionale che se entro due settimane Israele non toglie l’assedio a Gaza e non annuncia il congelamento di ogni costruzione sotto la supervisione dell’ONU, l’ANP fermerà ogni azione per la sicurezza di Israele. Opportunità da non perdere in questo passaggio Obama –Trump !

Melman, nel Middle East Eye del 24 Dic.2016, presenta la risoluzione ONU come uno shock per Netanyahu e per il suo governo di destra. Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha più volte approvato risoluzioni contro l’occupazione israeliana e la sua politica illegale di colonizzazione del territorio palestinese. Ma in questa occasione la risoluzione sottolinea il ruolo distruttivo delle colonie nel dividere la Cisgiordania per impedire la nascita di uno Stato palestinese con continuità territoriale.

Che dire del neo presidente eletto Trump quando afferma: “Le cose saranno differenti dopo il 20 gennaio” eal New York Times dichiara: “Mi piacerebbe molto essere quello che ha reso possibile la pace tra Israele e Palestina”. Non è chiaro come si muoverà pur affermando che porterà l’ambasciata USA a Gerusalemme. Come mediatore tra Israele e Palestina potrebbe incaricare il generoJared Kushner, marito della figlia Ivanka, di famiglia ebraico-ortodossa.Alcune delle sue nomine, comunque, fanno già discutere.

Di positivo negli ultimi eventi c’è che finalmente sentiamo parlare di nuovo di Palestina! Mi attendo che i cambiamenti più significativi partano dall’interno di Israele, se la sua popolazione saprà reagire alla politica di isolamento internazionale che Nethanyhau la sta spingendo sempre di più.

Un segno di speranza ci viene dalla commovente marcia che nell’ottobre scorso ha visto migliaia di donne ebre, cristiane e musulmane unirsi in un cammino di pace verso Gerusalemme. La loro canzone è frutto di un’alleanza tra artiste folk israeliane e palestinesi. Essa celebra l’ultima iniziativa del movimento delle “donne per la pace”, WomenWage Peace, nato in Israele nel 2014, promotore di unamarcialunga 200 chilometri. Israeliane, palestinesi e africane, vestite di bianco, tra canti, abbracci e invocazioni di pace, hanno ribadito: “Non ci fermeremo finché non sarà raggiunto un accordo politico che porterà a noi, ai nostri figli e ai nostri nipoti un futuro sicuro”.

Concludo ricordando la prossima conferenza multilaterale di Pace che si terrà a Parigi il 15 Gennaio 2017, vista dall’ANP come il vertice dopo la Risoluzione ONU per fermare le colonie israeliane in Cisgiordania e Gerusalemme Est, e da Lieberman, Ministro della difesa israeliano, come:” un tribunale contro Israele… un incontro di antisemiti”.

La lotta continua…RESISTERE; RESISTERE; RESISTERE!

Auguro a tutti/e BUON ANNO 2017!

Agnese-Anissa Manca

FOLLOW US ON:
17-01 Circolare nazi
17-01 Rete di Quarra
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT