Home2012Settembre

Circolare Nazionale Rete Radiè Resch

Settembre 2012

A cura della Rete di Saronno

DIZIONARIO DI DECRESCITA

Quello che amo del mio lavoro è che nei migliori successi ci si trova di fronte a una struttura,la si  valuta, la si quantifica, la si osserva e poi si tenta di trasformarla in altra.

Anche se la differenza non necessariamente sostanziale nella forma, si costituisce nella psiche, nello spirito e nel modo di affrontare la quotidianità.

In effetti mi sono venuti in mente molti esempi dalle mie esperienze vicine e lontane che fanno altrettanto.

Ecco allora un mio piccolo dizionario di decrescita, se vogliamo.

E il vostro?

RI-ABILITARE: recuperare una funzione umana al massimo grado possibile in una persona che soffre di una malattia o un trauma.

Pistorius, Markus Rehm e Vanessa Low hanno potuto partecipare alle pararolimpiadi e correre, grazie a protesi in carbonio che costituiscono il prolungamento delle loro gambe e un continuo allenamento che permette di integrare i muscoli a un corpo esterno.

I comunicatori oculari ridanno voce e consentono l’accesso alla vita sociale a chi ha il solo uso della motilità oculare

RI-CICLARE: recuperare e riutilizzare materiali di scarto e di rifiuto

FA’ LA COSA GIUSTA: fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili è un appuntamento decennale che si tiene a Milano.

da un bicchiere di design recuperato da una birra Moretti non ha prezzo.

I ragazzi brasiliani di Casa da Cor come veri e propri artigiani trasformano ciottoli della strada in mobili, accessori di mosaico, pezzi unici!

RE-CUPERARE: raccolta e riutilizzazione di qualcosa

LAST MINUTE MARKET: inventato dal docente Universitario Andrea Segrè ha avuto un boom eccezionale nel 2011, finalmente le mense, gli enti assistenziali e gli ospedali accedono al cibo che massicciamente viene buttato ogni giorno

RI-STRUTTUARE: restaurare una costruzione modificandone la struttura esterna e/o interna

Torchiera senz’acqua, Cascina Autogestita: cascina fortificata storica risalente al 1330. Nel ’92 viene presa in gestione da un gruppo di ragazzi di quartiere che nonostante la sospensione del servizio idrico continuano ogni anno a proporre rassegne teatrali, musicali, mercatini biologici oltre ai lavori di restauro da effettuare ogni anno, sempre molto partecipati.

Art Lab Occupato durante le manifestazioni studentesche dello scorso anno è il tentativo di rendere lo splendido stabile di Borgo Tanzi in centro a Parma un bene comune. Art Lab e tutte le sue iniziative sono state appoggiate e partecipate dal quartiere.