Cambia il capitalismo: il fatto che già nel 2011 Apple abbia superato in termini di capitalizzazione Exxon Mobil e che oggi le due persone più ricche del mondo siano Jeff Bezos, capo di Amazon, e Bill Gates, fondatore di Microsoft, sono fatti indicativi. Cambia la nostra vita, sia negli aspetti materiali (cosa e dove compriamo …) che in quelli più immateriali (cultura, informazione, comunicazioni interpersonali …). Cambia il modo di fare politica e la politica stessa: i governanti comunicano non più attraverso conferenze stampa o comunicati ufficiali, ma via Facebook o Twitter, e pretendono di guidare il paese bypassando la prassi istituzionale, fatta di principi, regole e atti formali. Ma cambia anche la comunicazione privata e interpersonale, rendendo più frettolosi e superficiali i rapporti, frammentando la società e rinchiudendoci in una dimensione più individuale. Incapaci di “ricucire le lacerazioni”, siamo consumatori di relazioni usa e getta, sempre più soli con le nostre paure ma con tanti sempre nuovi amici virtuali, amici che non abbiamo mai visto in faccia e negli occhi. Questo porta poi spesso a espressioni virali di violenza un tempo inaudite, violenza che non sempre rimane a livello verbale. Non si tratta di demonizzare le nuove tecnologie o di ignorarle: volenti o nolenti ne siamo tutti condizionati. Se vogliamo che il nostro operare a livello sociale, politico e di solidarietà sia efficace, serve una maggiore e più approfondita consapevolezza e conoscenza della realtà in cui operiamo. E’ sempre una questione di stile di vita. Si tratta innanzitutto di dedicare tempo alla comprensione della realtà, alla ricerca critica, ai rapporti interpersonali. Dobbiamo sforzarci, da un lato di capire i cambiamenti in atto a livello sociale ed economico, e dall’altro di imparare a conoscere e ad usare in modo critico i nuovi strumenti che le tecnologie digitali ci forniscono. Per questo il Coordinamento della Rete ha deciso di dedicare ai temi dell’informazione nell’era digitale il Seminario di quest’anno, cioè il momento formativo e di approfondimento che la Rete promuove negli anni in cui non c’è il Convegno nazionale. La scelta del Coordinamento è stata quella di dedicare due giornate (il 18 e il 19 maggio) a questi temi, chiamando relatori ed esperti che ci aiuteranno ad analizzare e a capire meglio i vari aspetti di questi fenomeni. Il Seminario vuole tenere conto delle differenze generazionali: per i più giovani (i cosiddetti “nativi digitali”) il focus sarà soprattutto su come rapportarsi in modo critico alla realtà digitale, per loro naturale ma spesso vissuta in modo acritico; per i meno giovani si tratterà di acquisire gli strumenti per usarla in modo efficace e consapevole. La sede del Seminario sarà il Centro Congressi Ca’ Vecchia di Sasso Marconi (Bologna). Informazioni più dettagliate saranno fornite in seguito. Intanto la Segreteria invita tutte le reti locali a organizzarsi per garantire una buona partecipazione.
La Segreteria: Maria Angela, Maria Cristina, Fulvio

Facendo click con il mause sulla parola “VIDEO” sottostante potete vedere il video dell’appello di Margot e Relmu (compagna e figlia di Josè Nain),
sulla situazione nella regione dell’Aracucania e delle Comunità mapuche di Galvarino e Nueva Imperial, dopo i devastanti incendi.

Repubblica Centrafricana: padre Siciliano (cappuccino), “dolore per la morte del confratello Toussaint Zoumaldé”

“Abbiamo vissuto alcuni mesi insieme nella diocesi di Bouar, nello stesso convento, era un giovane sacerdote. Era così buono, non capisco perché sia stato ucciso”. È la reazione di padre Marco Siciliano alla notizia della morte del confratello cappuccino padre Toussaint Zoumaldé, classe 1971, originario della Repubblica Centrafricana, ucciso nella notte con arma bianca. La notizia dell’uccisione è stata ufficialmente diffusa dal superiore della Provincia dei padri cappuccini in Camerun e Repubblica Centrafricana. Padre Siciliano è rientrato solo alcuni giorni fa dalla Repubblica Centrafricana e trascorrerà un periodo di riposo nella Provincia originaria dei Frati minori cappuccini di Calabria. “Ricordo quando ho conosciuto padre Toussaint. Andava spesso in Ciad, altro Paese della nostra Provincia, per raccogliere provviste per la nostra gente – dichiara padre Siciliano, attualmente a Cosenza -. Questa notizia mi rattrista molto, era un sacerdote molto socievole, amava stare tra la gente”. “Due mesi fa – racconta ancora padre Siciliano – abbiamo celebrato il funerale del suo genitore – ed era venuti fedeli dalle zone circostanti. Lo conoscevano in tanti anche perché era un ottimo musicista. Purtroppo nella Repubblica Centrafricana il pericolo è dietro l’angolo a causa della guerra tra governativi e ribelli”.

da SIR Servizio Informazione Religiosa (www.agensir.it)

Catte è al Centro di Accoglienza di Bangui, nella capitale, dove la situazione, nonostante il casino generale, parrebbe relativamente tranquilla.
Si sentono spari ma la vita tutto sommato sembra riuscire a scorrere.
Siccome non è sicuro muoversi gli incontri preventivati si svolgono al Centro di Accoglienza.
Ciò per rassicurare tutti.