HomeCircolari Nazionali MensiliCircolare nazionale Aprile 2020

Circolare nazionale Aprile 2020

Lettera circolare Rete Radié Resch ai tempi del Coronavirus mese di Aprile 2020.

Care e cari,
non è facile affrontare i problemi in un flusso storico così anomalo, quasi un film di fantascienza.
Le linee di analisi da me scelte e che vi sottopongo – spunti che invitano ad un dibattito – sono almeno tre:
il movimento femminista (nonunadimeno)
le proteste per l’inquinamento globale
le disuguaglianze (1% contro 99%).
Il cinismo dei potenti si esplicita sempre di più: la scomparsa di anziani emarginati, di esclusi, alleggerirà istituti previdenziali e assistenziali. Quel welfare già in parte smantellato.
Meno crudele fu la peste nera: i lavoratori decimati allora favorirono la loro forza contrattuale. Oggi il turbocapitalismo non abbisogna di un esercito industriale di riserva, ma di individui fisicamente separati, connessi al cervello dell’impresa e telecomandati.
Siamo su una macchina impazzita: dove sono le classi dirigenti?
Non abbiamo un Roosevelt o un Keynes.
Non può tornare tutto come prima. Stiamo vivendo la Storia: solo le idee possono cambiare il nostro tempo.
Torniamo quindi al primo percorso: il neo femminismo.
Parliamo di donne, sfruttate da quel vecchio sfinito sistema patriarcale capitalista, che riduce al silenzio i corpi che ancora crede di possedere.
Quante cose possiamo rivendicare?
Non è vetero femminismo, è spiegare il legame tra modello capitalista, che riduce al silenzio ogni corpo oppresso, e la voce delle donne.
Ogni giorno ascolto la loro protesta globale: indigene, europee, italiane.
Proponiamo un’alleanza di corpi, noi stessi e la comunità. Reti e reti senza tregua.
Il secondo percorso è la lotta globale della gioventù contro l’inquinamento.
Da Marcelo Barros a Le Monde diplomatique, ed altri ancora, si pone l’ecologia come freno alle pandemie.
La distruzione della natura è il frutto del modello neoliberista. L’ecologia profonda invece rappresenta il legame tra i viventi, è cosmocentrica e presuppone una continua conversione del cuore. Vi è inoltre una relazione tra difesa della natura e rifiuto dell’ideologia maschilista.
Come Greta insegna, e qui non voglio ripetere, i costi della giustizia climatica non devono ricadere sui popoli poveri, ma sono connessi alla redistribuzione delle ricchezze e all’uguaglianza.
Esaminate le diverse emergenze, devo dire che non siamo tutti sulla stessa barca.
L’1% guadagna dall’inquinamento: sono i grandi magnati che hanno potere e ricchezze.
Noi, il 99%, siamo esclusi dai beni comuni, spesso dall’elementare sopravvivenza.
Ma siamo a un cambiamento radicale di sguardo e di progetto.
La Politica, molto attuale, va vista come strumento di un rinnovamento di civiltà, un approccio etico che ci ha abbandonato.
Come scrive Norberto Bobbio, dobbiamo nutrirci di una “cultura storica, umana e umanistica che permette di distinguere, senza possibilità di sbagliarsi, la civiltà dalla barbarie, i germi di progresso da quelli di decadenza, la durevole conquista dall’avventura, il pensiero dalla retorica”.
Vorrei aggiungere infine il punto di vista di una sedicenne, una voce nuova che ci interroga fuori dagli schemi e forse anche dalle buone maniere.
“Penso agli adulti, marionette lavoratrici, affannate dietro compiti quotidiani. Ecco che comincio a riflettere e penso quanto voglio che sia diversa la mia vita adulta. La voglia di cambiare il mondo che non deve sparire sotto una coperta di frustrazioni, che generalmente recano gli obblighi dell’età.
E come se abbandonando la gioventù, l’uomo entrasse nell’ottica che il divertimento si è chiuso. La vita familiare lavorativa assorbe tutte le energie, prosciuga le forze vitali e annienta gli entusiasmi. L’uomo adulto si sente condannato, vive di rimpianti.
Ma è la società che ci annega in questa idea malata.
Basta!
Basta ottusità!
Svegliatevi generazione di futuri adulti. Le occasioni ci sono basta aprire gli occhi.
Gli ideali per cui lottavate allora sono quelli per cui lottano i vostri figli.
Un’alleanza di generazioni che porterebbe al cambiamento.”

A cura di Maria Teresa Gavazza- Rete di Alessandria

FOLLOW US ON:
Circolare nazionale
Rete di Quarrata Mar
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT