HomeCircolari LocaliRete di Macerata Ottobre 2019

Rete di Macerata Ottobre 2019

Maria Cristina Angeletti

Care amiche e cari amici, L’estate appena terminata ha segnato un notevole abbassamento della cultura e, oserei dire, e della civiltà del nostro paese a causa di decreti legislativi che hanno trasformato diritti in reati, di atteggiamenti e discorsi pubblici sempre più disumani, di frasi nei media intrise di odio e razzismo. Fra luglio e agosto il “Decreto Sicurezza bis”, presentato dalla Lega, è stato approvato prima dalla Camera ( il 24 luglio)e poi dal Senato ( il 5 agosto) dimostrandosi un provvedimento figlio dell’odio continuamente fomentato con slogan violenti, rancorosi, razzisti, misogini trasmessi attraverso tutti i media e social utilizzabili: da Facebook a Tweet, dalla TV a WhatsApp, per non parlare delle trasmissioni televisive compiacenti. Nell’ultimo anno abbiamo assistito ad azioni inumane nei confronti di persone, fra cui bambini, lasciate per giorni o settimane in mare con il divieto di sbarco e il mondo ha potuto vedere che in Italia si sbarca solo in barella in condizioni di salute estremamente gravi. Il decreto sicurezza bis è composto da 18 articoli ed è suddiviso in due parti: la prima riguarda i migranti, il salvataggio in mare e il soccorso nel Mediterraneo, soprattutto da parte delle navi delle Ong. La seconda si concentra sull’ordine pubblico e le manifestazioni sportive. In particolare, la prima parte dell’articolato riguarda i poteri del Viminale e le sanzioni previste per le Ong, con multe che vanno da 250mila euro a un milione per il mancato rispetto delle direttive del ministero dell’Interno ovvero “se il comandante della nave violi il divieto di ingresso, transito e sosta in acque territoriali italiane”. Come sanzione aggiuntiva è previsto il sequestro della nave. Per quanto riguarda il Comandante della nave che compie il “ delitto di resistenza” si può arrivare all’arresto in flagranza. La principale novità del provvedimento riguarda anche le multe – da 10mila a 50mila euro – per le navi che sbarcano in Italia dopo aver soccorso migranti in mare. Una stretta rivolta soprattutto alle Ong, quindi, riportata nella bozza del decreto approdato in Consiglio dei ministri. Nel testo ci sono state alcune modifiche e sono state escluse dalle sanzioni le navi “militari o in servizio governativo non commerciale”. Le sanzioni saranno rivolte a comandante, armatore o proprietario della nave che sbarca in territorio italiano. Il comandante dell’imbarcazione, secondo quanto recita il decreto, “è tenuto ad operare nel rispetto della normativa internazionale e delle istruzioni operative emanate dalle autorità responsabili dell’area in cui ha luogo l’operazione di soccorso”. Nel testo ci sono state alcune modifiche e sono state escluse dalle sanzioni le navi “militari o in servizio governativo non commerciale”. Altra novità riguarda i poteri del ministro dell’Interno, che può “limitare o vietare il transito o la sosta di navi nel mare territoriale per motivi di ordine e sicurezza pubblica”. Il titolare del Viminale dovrà informare “il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e il ministero della Difesa”. Le novità introdotte alla Camera: dopo un lungo braccio di ferro è stata trovata la quadra tra Movimento 5 Stelle e Lega per gli emendamenti al testo approvati poi alla Camera. Tra le novità più importanti inserite c’è il sequestro delle navi delle Ong con tanto di arresto del comandante dell’imbarcazione ( “nel caso in cui non abbiano rispettato il divieto di transito, ingresso e sosta nelle acque territoriali”) che spetta firmare al ministro dell’Interno. Un’altra modifica prevede l’arresto del comandante delle navi che abbiano compiuto un atto di resistenza contro una nave da guerra, ricalcando quanto avvenuto nel caso della Sea Watch. Il sequestro delle navi delle Ong, (grazie alle modifiche apportate a Montecitorio), è possibile sin dalla prima violazione (e non solo in caso di reiterazione come inizialmente previsto). La nave sequestrata può essere impiegata dalla polizia o dalla protezione civile. Ho letto ancora che sono stati stanziati fondi a favore dei paesi che collaboreranno a contrastare l’immigrazione clandestina anche se trattasi di paesi con regimi che sono le cause principali della fuga nel Mediterraneo. Al “ noi contro loro” (italiani contro stranieri) ormai si è aggiunto “ e anche contro voi che state con loro”. Il “voi” riguarda gli uomini e le donne della società civile italiana ed europea che svolgono un’azione prevista dal diritto internazionale: soccorrere.

Ricordo l’autotassazione libera, ma continuativa a sostegno dei progetti della Rete come nostra forma di giustizia restituiva . IL CONTO CORRENTE della Rete di Macerata è il seguente:

RETE RADIE’ RESCH conto corrente ordinario numero 0000006069
IBAN (IT86D0311113474000000006069 )
Ci possiamo rivolgere presso una qualsiasi delle seguenti filiali della banca UBI di Macerata:
UBI viale Don Bosco, UBI Corso Cavour e UBI Collevario

FOLLOW US ON:
Rete di Verona Ottob
Circolare nazionale
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT