HomeCircolari LocaliRete di Padova Novembre 2017

Rete di Padova Novembre 2017

Un antropologo propose un gioco ad alcuni bambini di una tribù africana. Mise un cesto di frutta vicino ad un albero e disse ai bambini che chi sarebbe arrivato prima avrebbe vinto tutta la frutta. Quando gli fu dato il segnale per partire, tutti i bambini si presero per mano e si misero a correre insieme, dopodiché, una volta preso il cesto si sedettero e si godettero insieme il premio. Quando fu chiesto ai bambini perché avessero voluto correre insieme, visto che uno solo avrebbe potuto prendersi tutta la frutta, risposero “Ubuntu: come potrebbe uno essere felice se tutti gli altri sono tristi?”.
(“Ubuntu” nella cultura africana sub-sahariana vuol dire “Io sono perché noi siamo”).

Carissime/i, da tanto tempo, da tanti anni adoperiamo questa comunicazione mensile per trasmettervi notizie, inviti della Rete in generale e, in particolare, del nostro gruppo. Il riassunto dell’ultimo incontro, a cura di Maria Rosa e Sandra, mette assieme una bella “storia” e anticipa le date del Convegno del 2018. Come sempre, i nostri amici Haitiani ci aggiornano sull’attività nelle varie comunità e sulle scuole. Sabato 25 e domenica 26 novembre a Pescia, ci sarà il Coordinamento che, come potete vedere nell’odg allegato, definirà il programma del prossimo Convegno Nazionale. Ricordiamo che ai Coordinamenti tutti possono partecipare.

Riassunto serata
Nell’incontro di Rete di Lunedì 23 ottobre a casa di Gianna e Elvio, si è fatto il punto sulla situazione ad Haiti e celebrato il primo anniversario della morte di Gianna. E’ stato un momento di ricordo collettivo, insieme a molti della sua famiglia. Per ricordare il suo affetto e l’attenzione per ogni persona che incontrava, vicina o lontana, sono stati raccolti in un libretto testimonianze di vita, scritti e pensieri che Gianna ci ha lasciato. Il libretto è a disposizione di chi lo desidera. (*) A Souprann dove si trova il Centro professionale, il 23 luglio sono stati consegnati i diplomi a 13 donne. In questa occasione la scuola è stata intitolata ufficialmente a Giovanna Mocellin. Scrive Willot: “Si tratta di una scuola professionale fondata da Dadoue Printemps nel villaggio di Souprann, una, per dare alle donne contadine l’opportunità di apprendere un mestiere che rappresenta un aspetto importante nella loro lotta per l’emancipazione sociale ed economica. Il giorno della consegna dei diplomi abbiamo fatto una presentazione di Gianna, della sua vita e del suo impegno per cambiare la vita dei bambini e delle donne di Haiti e di tutto il mondo. Abbiamo anche detto che Gianna era una sarta. Per celebrare la sua vita e onorare la sua memoria, abbiamo intitolato ufficialmente questa piccola scuola professionale “Centro professionale Giovanna Mocellin”. In questa occasione, 13 donne che hanno perseverato nello studio per tre anni hanno ricevuto il loro diploma”. Questa scuola era stata gravemente danneggiata, ma la solidarietà ha permesso di rimettere in sesto il tetto distrutto dalla violenza degli uragani; per fortuna Haiti è stata risparmiata dall’ultimo uragano Irma. In agosto si è concluso il quarto seminario sulla salute, centrato sulla potabilizzazione dell’acqua. Altre notizie: il Convegno Nazionale si terrà il 13-14-15 aprile 2018 a Trevi sul tema “Cosa significa essere solidali oggi”. Il prossimo convegno avrà una novità perché, in contemporanea, si svolgerà il seminario giovani.

FOLLOW US ON:
Iniziativa della ret
Giro d'Italia: 2 let
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT