HomeCircolari LocaliRete di Padova Ottobre 2019

Rete di Padova Ottobre 2019

“La storia si ripete
se non nella mente
di chi non la conosce”
Gibbran

Ciao a tutte/i, quando si facevano le vere lotte si diceva “sarà un autunno caldo”. Oggi, le stagioni sembrano scomparse e, non ci sono nemmeno gli autunni dei sindacati però, ci sono le manifestazioni dei ragazzi che invitano a cambiare. Sarà un autunno dai caldi colori oppure, sarà un autunno delle colorate frasi dei cartelli? Lasciamo l’interrogativo per dirvi che Haiti è sempre presente nelle nostre lettere. Anche in questa circolare troverete tante notizie, alcune delle quali ci anticipano la visita dei nostri amici durante il Convegno Nazionale dell’anno prossimo. Località, titolo e data del Convegno saranno proposte al coordinamento di fine novembre. Preavvisiamo tutti che, per programmare la venuta di Jean e Martine e per analizzare l’attuale drammatica situazione in Haiti, siete invitati a dare suggerimenti per il Convegno del 2020. Pensiamo di ritrovarci come Rete di Padova & c. all’inizio del mese di novembre. Data, orario e luogo, nella prossima circolare. Vi aspettiamo tutti, non solo per salutarci, ma anche per scambiarci gli auguri delle vicine festività. Ciao a tutte e a tutti. La situazione ad Haiti è drammatica. Le ultime preoccupanti notizie ci sono giunte dai nostri amici con cui abbiamo avuto in queste ore un fitto interscambio

Buon giorno Tita, purtroppo il nostro paese attraversa una situazione molto difficile. Da quattro settimane non funziona niente nel paese. La popolazione è nelle strade, nella capitale come nelle città di provincia. Tutte le strade sono bloccate, non possiamo nemmeno raggiungere Fondol (villaggio dove opera FDDPA più vicino), tutti gli uffici sono chiusi, anche le banche sono chiuse e se aprono le porte, è solo per qualche ora per evitare atti di vandalismo. Noi siamo rimasti bloccati in casa senza poter uscire, persino andare a Cabaret in auto è impossibile ora, perché la crisi del carburante si aggiunge alla crisi politica e sociale. E’ difficile la situazione del paese, ma tuttavia questo è un momento molto importante per noi per la nostra storia di popolo. Infatti siamo in un momento in cui il popolo si alza in piedi come un sol uomo per dire no a un sistema che ci opprime da oltre 200 anni. Noi chiediamo il sostegno di tutti gli amici di Haiti per denunciare la violenta usata dal potere contro un popolo che chiede solo il cambiamento da un sistema corrotto e antiquato. Grazie ancora Tita, per la solidarietà che tu e la grande famiglia della Rete ci manifestate sempre. Grazie ancora, ciao, ci auguriamo che il sole brillerà ancora sulla nostra isola. Un’altra Haiti è possibile. Grazie, Jean da Haiti.

Corrispondenza agostana
Salve Tita, sono molto contento di poter rispondere alla tua lettera e scusami per il ritardo con cui lo faccio. Noi stiamo bene, e anche i giovani della casa stanno bene. Anch’io sto bene, ma un po’ dimagrito a causa della dieta che seguo per controllare il diabete. Seguo con molta attenzione quel che accade in Italia e sono un po’ preoccupato, perché ho la sensazione che l’alleanza tra M5S e PD non sia qualcosa di solido e non durerà a lungo, e questo aiuterebbe Salvini che ne approfitterebbe per realizzare il suo piano fascista. Occorre qualcosa di più profondo per pensare a un futuro migliore per l’Italia e soprattutto per i migranti. Spero che il bene avrà la meglio sul male nel paese dei nostri amici. Dunque, come sai, qui la situazione politica e sociale continua a deteriorarsi. Il governo di estrema destra continua a lavorare a danno delle masse e a prendere provvedimenti a favore delle classi dominanti. La situazione economica è precaria, i prezzi dei prodotti di prima necessità sono triplicati, e gettano le famiglie nella disperazione più totale. Purtroppo la comunità internazionale è formata da governi a tendenza prevalente di destra, e di conseguenza mantiene un comportamento sprezzante verso i popoli oppressi della nostra società. A livello sociale non c’è praticamente nessun programma di accompagnamento da parte del governo, le condizioni sanitarie sono peggiori di prima. E noi ci siamo abituati, e queste cattive condizioni materiali di vita sono diventate la nostra quotidianità, per questo siamo obbligati a prendere delle iniziative per trovare un minimo di cure per i contadini. In questo contesto, la FDDPA, in collaborazione con un gruppo di giovani medici, che lavorano in solidarietà, organizzano un ambulatorio a Fondol e a Malingue, per offrire alcune cure mediche ai contadini (ti invio anche delle foto). Per il viaggio, ancora una volta, esprimiamo la nostra gioia e – quel che è più importante per noi, siamo riusciti a sistemare tutto quel che riguarda i nostri passaporti. Siamo consapevoli di quanto impegno vi richieda organizzare un viaggio quando il clima politico non offre molte possibilità. Ma noi attendiamo il momento con pazienza e speriamo che tutto andrà bene. Per quanto riguarda le scuole, è stata fissata la riapertura delle lezioni per
ili 9 settembre, ma la crisi del carburante può turbare questo rientro nelle città. E questo piò condizionare anche le scuole della FDDPA, benché siano situate sulla montagna. Tuttavia stiamo preparandoci a aprire le porte. E gli insegnanti ora si preparano a partecipare ai seminari di formazione. Riguardo a Padre Frantz, lui sta bene, Martine ed io siamo stati con lui durante una cerimonia di consegna di diplomi di una scuola professionale di Saint Marc, l’abbiamo trovato in buona salute e molto contento della solidarietà degli amici di Padova. In conclusione, ancora una volta, sono molto contento di poter parlarti. Un grande ciao a tutti. Jean Bonnélus che vi saluta da Haiti.

Corrispondenza con MariaPaola Rottino di Popoli in Arte che continua a collaborare nel programma di prevenzione salute. In agosto ha visitato Haiti e si è recata dagli amici di Fddpa
Ciao, cari Fabiano e Marianita, vi scrivo in copia al Direttivo di Popoli in Arte, così vi aggiorno in un colpo solo. Ieri e l’altro ieri sono stata con Jean e Martine a Cabaret e Fondol. Prima di tutto, la loro situazione come di tutti per quello che sto capendo. L’aumento del dollaro sembra non avere limiti e si è arrivati a 93 gourde per un dollaro americano. Ovviamente, questo sposta sempre ogni preventivo. Ho chiesto loro come sta andando la riforma del tetto di una delle scuole che sapevo da Jean che era una cosa in corso da parte vostra. Martine mi ha detto che sono riusciti solo ad arrivare a metà perché, quando avevano fatto il calcolo per es. un sacco di cemento costava 105 gourde e ora costa 130 gourde. Inoltre per dare un’idea assurda della situazione, la piccola Anne Martine comincia la prima elementare e appunto assurdamente in teoria i genitori dovrebbero comprare 10 libri. Martine mi ha detto che ne ha comprato 1 e solo uno 1 è costato quasi 5 dollari americani. Insomma questi esempi per dirvi che è tutto fuori controllo rispetto ai prezzi. Due autisti di FDDPA sono immigrati in Cile e anche alcune maestre per cui per una classe Martine deve ricominciare daccapo a formare delle persone: il modo in cui me l’hanno detto è stato piuttosto sconfortante perché non hanno idea se possono contare sulle persone. Inoltre ancora a Fondol un tipo della zona che voleva o vuole fare carriera politica locale ha fatto una cosa molto strana iscrivendo la scuola di Fondol insieme ad una scuola secondaria del tipo che si trova sulla costa a un certo fondo con il nome della sua scuola come se la sua scuola fosse più grande e loro l’hanno scoperto quando sono andati in comune ad iscrivere la scuola a questo fondo e gli hanno detto che loro erano già iscritti. Per concludere questo tipo gli ha portato via degli altri insegnanti formati dando loro qualcosa di più di stipendio. Insomma credo che Jean e Martine stiano vivendo molte amarezze. Veniamo poi a noi. Rispetto alla produzione del cloro, la cosa va avanti in questo modo. Rispetto all’igiene in generale, hanno organizzato comitati in tutte le comunità collegate a FDDPA che si rapportano a Jumel, Martine e altri collaboratori. Questi comitati sono fatti da adulti e relazionano su malattie etc. Rispetto al cloro, hanno capito che era
difficile partire dagli adulti e hanno inserito la formazione sul cloro una volta al mese nelle scuole. La cosa ha attecchito e stanno facendo il cloro circa due volte l’anno una grande quantità. Nessuna comunità ha l’autonomia a causa della mancanza del materiale, ma dicono che usano l’acqua così trattata e va bene. Ora necessità immediate sono: graffite lunga (quello che aveva procurato Fabiano), un apparecchio per testare la qualità dell’acqua ma soprattutto carbone lungo perché lo hanno quasi finito. Jumel mi ha detto espressamente che sta rallentando la produzione di cloro perché non vuole che troppe comunità lo chiedano perché poi, mancando la graffite, non possono rispondere alle richieste. Per l’avvenire, dicono che soprattutto i ragazzi sono tutti capaci e possono farlo. Rispetto alle latrine, contrariamente a quanto io avevo capito al momento sono state fatte 4 latrine e 2 sono in corso di costruzione. Le quattro latrine sono funzionanti da un po’ di mesi e pare che ci siano visite di vicini a vede e come funzionano, addirittura una famiglia ha chiesto l’affitto della latrina per una festa di matrimonio. Apparentemente tutto bene. Da una parte sì e dall’altro no. Il sì è che hanno abbattuto i costi al massimo in questo modo: tutta la manodopera è stata volontaria, per i muri in montagna hanno estratto la pietra dalla montagna stessa e hanno dovuto comprare solo il cemento, di cui una parte di cemento se lo sono fatti dare in comune di Archaie dove sono andati a spiegare il progetto. Dall’altra non va bene perché hanno fatto latrine classiche, un buco scavato nel suolo/ roccia, e adesso quando si riempirà voglio vedere cosa fanno. Jumel mi ha detto che è già uno sforzo enorme fare un buco e come si fa a chiedere alla gente lo sforzo per fare altri buchi. Il punto è che sul modello ideale delle latrine secche di compostaggio siamo incerti anche noi. Spero tornando in Italia di poter visitare quanto prima le latrine secche di Granara di cui mi aveva parlato Fabiano. Rispetto ai buchi in base al terreno sono scesi da 5 a 8 metri. In Artibonite invece è impossibile fare latrine interrate perché hanno detto che a pochissimi piedi di profondità si trova l’acqua essendo zona irrigua e quindi lì capiscono che già di base occorre un altro modello. Ecco come vedete, si sono mosse molte cose e davvero con tanto impegno e tanta buona volontà, sostanzialmente solo pagando Jumel, Benis e qualche altro agente di salute base. Credo che dovrebbero essere sostenuti un pochino di più sia economicamente (lo dico per primo per Popoli in Arte) e sia per monitorare che appunto le latrine fanno la differenza per la salute e la qualità della vita. Ultima cosa, Martine ha finito il suo corso per tecnico di laboratorio per le analisi del sangue e urine e farà ancora 3 mesi di stage in un ospedale pubblico che mi hanno fatto vedere e che non aveva un brutto aspetto (era piuttosto nuovo) sulla strada principale prima di arrivare a Port-au-Prince da Cabaret. Ciao MPaola

Aggiungiamo, come sempre, i numeri dei c.c. per i versamenti:
C.C. postale 15405350 intestato a “Associazione Rete Radiè Resch” c/o Beraldin Elvio, Via Spalato 9, Padova
Conto Corrente presso Banca popolare Etica, Coordinate IBAN: IT 54 N 050 1812 1010 000 1134 8281
intestato a: Associazione Rete Radiè Resch gruppo Padova

FOLLOW US ON:
Circolare nazionale
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT