HomeCircolari LocaliRete di Verona Ottobre 2019

Rete di Verona Ottobre 2019

Verona, 14 ottobre 2019

Care e cari, riprendiamo il nostro contatto periodico dopo una lunga pausa. Non siamo restati inoperosi, ma gli impegni personali e le vicende familiari hanno dilatato i tempi dei nostri incontri. Mettiamo qui la comunicazione della morte della mia mamma, Nini Bonazzi Picotti, deceduta in questi giorni. Era stata da sempre amica e sostenitrice della Rete RR, prima con suo marito Marco e poi anche da sola, partecipando per molti anni con noi ai nostri incontri e ai nostri convegni. Aveva la sensibilità di una militante “a tempo pieno”, sempre attenta alla controinformazione, sempre pronta a raccogliere firme per le varie campagne di sensibilizzazione sui temi della dignità umana, della pace e della solidarietà. E’stato bello salutarla, in una confusione di abbracci che sicuramente le sarebbe piaciuta. A livello nazionale, forse oggi ha meno risonanza sui media quell’odio che era stato proclamato ed enfatizzato da Salvini. E’ certamente difficile essere vicini alla vita reale delle persone e, contemporaneamente, stimolare la ricerca del bene comune. Ma questo dovrebbe proprio essere il compito della politica istituzionale, dove invece spesso c’è solo un balbettio confuso e contraddittorio, di cui non c’è molto da rallegrarsi. Del resto, l’Italia da molti anni non ha più una sua politica estera, intesa come ricerca di rapporti corretti e rispettosi nei confronti degli altri stati, e siamo andati spesso alla deriva seguendo impostazioni economiche e militari che non erano certo decise democraticamente. Questi sono giorni drammatici in cui la Turchia riaccende focolai di guerra, di cui le prime vittime sono i curdi, da sempre costretti a fare da ammortizzatori alle prepotenze espansionistiche di altri stati. Possiamo vedere, in diretta televisiva, la tragedia e la disperazione della popolazione civile in fuga sotto le bombe. Ma dobbiamo sapere che, per ammissione dello stesso governo italiano, stiamo vantaggiosamente trafficando armamenti con la Turchia: nel 2018 abbiamo fatto affari per 360 milioni di euro. L’embargo o la rottura dei contratti di fornitura militare saranno per l’Italia un danno economico importante. E’ giusto che sia questo l’unico criterio di scelta? Come ci salveremo dal diventare sempre più bestie? Si smorzano anche un po’ di riflettori sui migranti, indicati come causa dei mali italiani e proposti come facili capri espiatori. Ma proprio in questi giorni l’ennesimo naufragio al largo di Lampedusa è un po’ più evidenziato, perché le vittime sono una trentina di persone, quasi tutte donne e bambini. Il buon senso ci dice che nessuna barriera potrà fermare la fuga dei poveri dalla morte e dalla disperazione esistenziale. Ma ci ostiniamo a difendere il territorio dove viviamo con muri reali, con complicati inghippi burocratici, con discriminazioni economiche e abitative. Da un lato, chi conosce anche un solo straniero presente a Verona, può vedere bene il carico di norme burocratiche che, per anni, devono essere soddisfatte prima di poter avere una minima tranquillità. D’altra parte, sappiamo che la nostra economia (per esempio quella agricola) si basa spesso sullo sfruttamento di braccianti stranieri. Nei centri di accoglienza veronesi sono stati ospitati anche maschi che sono fuggiti da uno stato di vera schiavitù, qui, in provincia di Verona, perché vivevano segregati nell’azienda agricola dove lavoravano per pochi euro, senza orari e senza più i documenti che gli erano stati sequestrati. Soprattutto per chi è credente può consolare, invece, vedere che papa Francesco si sta muovendo controcorrente, con una sua serena lucidità sui tempi lunghi e sulle critiche che deve e dovrà affrontare.
La nomina a cardinale di monsignor Ramazzini, per esempio, per noi che conosciamo il Guatemala, è un segno forte in direzione di quella chiesa che sceglie con chiarezza di stare dalla parte dei poveri e degli sfruttati. E ci pare che in queste settimane si possa ricevere speranza anche dai movimenti spontanei dei giovani in difesa dell’ambiente. Non ci interessa fare un’icona di Greta Thunberg e non pensiamo che tutto si risolva stando in piazza una mattina per fare un corteo. Ma forse sono proprio i giovani, con i loro modi e i loro tempi, gli unici che davvero sono disposti a cambiare. La nostra associazione ha ormai evidenti limiti anagrafici e sappiamo che non saremo eterni, ma tanto più ci piace restare curiosi della vita, farci prendere e sorprendere dai cambiamenti positivi e inaspettati che possono venire da chiunque. E queste… tracce di vita nuova possiamo raccontarcele anche tra noi. Vi invitiamo quindi al nostro prossimo incontro di Rete RR lunedì 21 ottobre in Marsala 12/A (campanello Pettenella – Picotti)
All’ordine del giorno:
– la vita della Rete e il prossimo convegno nazionale, probabilmente nell’aprile 2020;
– il rientro di Olivia dal Ghana, con concrete novità sul progetto che stiamo seguendo;
– un contatto che si è creato con l’addetto culturale dell’Ambasciata Palestinese a Roma, che ci chiede disponibilità per incontri, dibattiti e mostre;
– la partenza (finalmente) del progetto di ristrutturazione dell’appartamento concesso dall’ATER, per accogliere qualcuno che non riesca autonomamente a trovare alloggio;
– le ultime notizie sul nuovo cardinale Ramazzini, vescovo di Huehuetenango in Guatemala, amico di don Luigi Adami e di alcuni di noi.
Arrivederci alla prossima settimana.
Maria P.

FOLLOW US ON:
Verbale coordinament
Rete di Macerata Ott
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT