HomeCircolari LocaliRete di Padova Febbraio 2019

Rete di Padova Febbraio 2019

“Gli uomini saggi sono sempre veritieri sia nella loro condotta, sia nei loro discorsi.
Non dicono tutto quello che pensano, ma pensano tutto quello che dicono”.
Gotthold E. Lussing

Carissime/i, riprendiamo con la segnalazione di un articolo apparso su Avvenire dal titolo “Il mondo è ancora più disuguale”, che ci dà questa notizia: ”Da un recente studio in 13 paesi in via di sviluppo risulta che; Investimenti in istruzione e salute hanno determinato il 69% della riduzione totale delle disuguaglianze”. È una buona notizia che ci aiuta nel nostro impegno solidale con le scuole e le borse di studio in Haiti. La lettera di Jean e Martine, che segue, ci conferma la “notizia”. Con un altro articolo diamo notizia anche dei migranti haitiani nel lontano Cile che volontariamente ritornano in patria con un programma umanitario. Notizie: La “circolare nazionale” di questo mese è scritta dalla Rete di Celle-Varazze. Oltre la sintesi delle decisioni assunte dal coordinamento nazionale di fine gennaio a Roma, alleghiamo il verbale della “assemblea straordinaria dei soci” che rappresenta una novità formale del modo con cui la Rete si colloca nel panorama giuridico delle organizzazioni di solidarietà italiane.

SINTESI DELLE DECISIONI ASSUNTE DAL COORDINAMENTO
Assemblea straordinaria dei soci: vedi allegato
I seminari regionali si trasformano in un Seminario unico nazionale, indicativamente a maggio 2019, sul tema “Nuove Tecnologie e Manipolazione del Consenso”, con coinvolgimento di un gruppo di giovani su un percorso parallelo e possibilità di laboratori misti membri della Rete – giovani.
a) Si dà mandato alla Segreteria di “bloccare” una possibile sede.
b) Si decide di creare una commissione per elaborare il progetto, composta da Marco Zamberlan (che potrebbe introdurre l’argomento al seminario) Fulvio Gardumi, Giorgio Gallo, Pier Pertino e la presenza di un giovane
Progetti in discussione
MST – Scuola Florestan Fernandez – Brasile – Rete di Roma. Il Coordinamento decide di:
a) versare il contributo 2018 con modalità concordate con Benedetta Malvolti;
b) Rinnovare il progetto alle stesse condizioni per due anni, con possibilità di estenderlo al terzo anno;
c) Concordare con il comitato italiano SEM TERRA futuri contatti e collaborazioni, con possibile proposta di un viaggio giovani.
Tavus – Armenia – Rete di Quarrata: si approva come progetto straordinario, il versamento €. 1.670 per un anno, per l’acquisto di un macchinario per la produzione di miele bianco (si tratta, in realtà, del terzo anno di un progetto già approvato).
Progetto Lualaba – scuole in Congo – Rete di Mogliano Veneto: si decide di tenere in sospeso il progetto, in attesa di maggiori informazioni.
Case Verdi – Gaza – Rete di Salerno: si decide di tenere ancora in sospeso il progetto, in attesa dell’esito del viaggio a Gaza, in fase di organizzazione per questa estate.

Lettera dalla direzione di FDDPA del 18.1.2019
Cara Tita, che piacere farti ancora una volta il bilancio delle nostre spese, per darlo ai nostri amici della Rete che non cessano ormai da una ventina d’anni di cooperare con la FDDPA. Senza questa solidarietà, la FDDPA non sarebbe mai dove si trova ora. Ancora una volta, con la mia voce esprimo la gratitudine a tutte e tutti della Rete e di altri gruppi amici che non si sono mai scoraggiati continuando a darci il loro supporto e la loro solidarietà per tutti questi anni. GRAZIE E’ anche il momento per noi della FDDPA di formularvi i nostri migliori auguri per questo nuovo anno, malgrado la disperazione, l’egoismo, il razzismo e la xenofobia che continuano a caratterizzare il nostro mondo… La situazione politica resta ancora caotica, infatti le condizioni di vita sono ancora peggiori e le classi dominanti fanno di tutto per conservare i loro privilegi e mantengono la popolazione nello Statu quo. Dopo aver dilapidato il Fondo del Petro Caribe, il governo ha suscitato l’indignazione di tutta la popolazione quando ha votato la risoluzione delle Nazioni Unite che condanna la rielezione del presidente Maduro, questo stesso governo che si era felicitato con Maduro per la sua vittoria alle elezioni. L’amicizia tra Haiti e il Venezuela è storica e dura da 200 anni quando il presidente Pétion ha permesso a Bolivar, il liberatore dell’America latina di trovare armi et munizioni. Dunque, quest’anno si annuncia già nel segno della protesta e noi ci attendiamo agitazioni in tutto il paese. Le scuole funzionano tutte molto bene, e anche quest’anno abbiamo registrato l’aumento del numero degli alunni e io mi preparo a visitare Dofiné nei prossimi giorni. Abbiamo ottenuto la risposta per il progetto di mensa che Willot aveva richiesto per le scuole a una Missione Americana che si trova a Source Matlas, è stata accettata la richiesta per Fondol, si spera bene. Aspettiamo di vedere se funzionerà e poi, se tutto va bene, proveremo a fare domanda per le altre scuole. Per il progetto Gianna – come sapete – abbiamo fatto degli acquisti ed è iniziata la costruzione dell’aula che speriamo di terminare nel corso di quest’anno. Per lo spazio di Dofiné, uno degli ostacoli maggiori è la strada e il trasporto. Con la fine della stagione delle piogge, la FDDPA e altre Associazioni si sono unite per lavorare sulla strada. Questo ha richiesto parecchi giorni e siamo riusciti a trovare un trattore per facilitare il lavoro, ma con l’aumento del prezzo del carburante, la situazione è complicata, ma la strada è sistemata fino a Katien. Proveremo, prima che arrivi la stagione delle piogge, a trasportare i materiali che abbiamo già acquistato. Martine ha cominciato in Ottobre la scuola per analisti e spera di terminare in Agosto. Chrismene, non riesce ancora a trovare una scuola che l’accetti perché i suoi documenti scolastici non sono sufficienti. Ma speriamo di trovare una scuola che possa accettarla. Progetto di Radio di Willot: è un progetto che ho discusso con Willot dopo la visita che ho fatto con voi a Dajabon (con Toni, Duccio, Beppe, Tita, Cesco, Martine, Jean e Balansé), il modello e l’esperienza della Radio Comunitaria Marien che Padre Regino ci ha fatto visitare, mi aveva colpito molto. Mais, come hai potuto comprendere, la questione della fattibilità di un tale progetto è difficile; infatti per noi la realtà per installare una radio è molto complessa. Per quanto riguarda l’energia elettrica, non si può contare sull’elettricità pubblica, perché praticamente non esiste. Questo aumenta il costo di funzionamento, e aggravato ancora oggi per la crisi del carburante. Ci capita ora anche col denaro in mano di non poter nemmeno trovare nei distributori il carburante per alimentare la nostra camionetta. La situazione energetica è difficile. Dunque, la radio richiederebbe un’alimentazione con pannelli fotovoltaici, che costa ancora molto. Infine siamo coscienti che un progetto del genere costerebbe troppo, anche se l’esistenza di una stazione Radio costituirebbe uno strumento estremamente importante per lo sviluppo comunitario. A Verrettes c’è la stazione Radio di Balancé che accompagna i contadini, e noi vediamo e sappiamo già quanto è difficile fare funzionare questa radio. Tuttavia Willot cerca alcuni organismi che hanno l’abitudine di finanziare le radio comunitarie. Ma il problema con questi organismi, è che alcuni di loro possono rendere il funzionamento della radio dipendente, perché impongono a volte delle condizioni e la loro linea ideologica, è il caso per esempio di USAID che impone perfino la loro programmazione. Dunque è un buon progetto, ma che richiede molto per farlo decollare e funzionare.L’incontro con Anna è andato molto bene, infatti siamo andati insieme fino alla città di Belladeres sulla frontiera haitiana per vedere un’esperienza di toilette secca. Abbiamo preso tutte le informazioni relative a costi e funzionamento, ma il problema si pone con i “Boss”, perché bisogna farli venire da Belladeres per fare la costruzione. I nostri “boss”, che abbiamo a Cabaret non hanno ancora la competenza per questo tipo di costruzione. Ma sarebbe una buona esperienza se tuttavia potessimo cominciare a Dubuisson, facendo partecipare il nostro “Boss” nella costruzione per poter apprendere e comprendere la tecnica di costruzione. Dunque è stata una bellissima giornata, ricca e fruttuosa. Per quanto riguarda la partecipazione all’incontro nazionale sull’educazione popolare a Croix des Bouquets, abbiamo inviato 5 membri di diverse comunità che avevano partecipato ai seminari sulla Salute, per partecipare, e tutto è andato bene anche se Anna non ha avuto il tempo di animare l’incontro nazionale a causa dei problemi politici che avevano messo il paese in effervescenza. Spero di aver detto tutto e ti auguro buona lettura per il rapporto. Saluta tutti. Abbracci. Ciao, Ciao. Con molto amore, Jean e Martine, che vi portano nel cuore. Grazie.

DRAMMATICHE NOTIZIE DA HAITI: in questi ultimi giorni il Paese è attraversato da una protesta generale che sta paralizzando la vita quotidiana, in particolare della capitale, e che chiede le dimissioni del presidente Jovenal Moise. Si conta già una decina di morti e molti feriti. Di seguito alcune informazioni

“Salve Tita! Va tutto bene per voi? Sono appena arrivata a casa, ci sono barricate sulle strade dell’Artibonite, Jean ha rischiato di restare sulle montagne di Dofiné e di Katien dove si trovava da 3 giorni. Da 7 giorni il paese è in agitazione. Qui a Haiti non va per niente bene con il governo. Il paese è bloccato, non funziona niente, non si può circolare, il popolo reclama la partenza del governo da 7 giorni e di giorno in giorno è più determinato. Tutti sono bloccati nella loro casa. Ma qui a Dubuisson siamo al riparo da ogni pericolo. Martine.”

“Salve Tita,noi attraversiamo un momento molto difficile nel nostro paese, ci sono proteste dappertutto, è tutto il popolo che si rivolta per dire no al regime di Jovnel Moise simbolo della corruzione, che difende gli interessi dei ricchi a danno dei poveri. Noi da 9 giorni siamo chiusi a casa, perché tutto il paese è bloccato e la vita comincia a diventare ancora più difficile, i più vulnerabili sono diventati ancora più vulnerabili, i bambini, le donne incinte, gli anziani e le persone con mobilità ridotta. Infatti gli uffici, le banche e le case di transfert non funzionano più. Dunque, siamo preoccupati, perché in certi quartieri di Port au Prince, la popolazione è in preda al problema di mancanza di cibo e acqua. Io resto in contatto con le diverse realtà di FDDPA, ma ad ogni modo le rivendicazioni e le proteste restano in ambito urbano. Anche noi nella casa di Dadoue stiamo bene, resistiamo, con noi ci sono due amici che erano di passaggio a casa nostra e che non possono rientrare a Port au Prince. Ciao, ciao Jean che ti abbraccia”

Haiti: il presidente annuncia di non volersi dimettere, di Barbara Castelli
dal sito Vatican News
“Non lascerò il Paese nelle mani di gruppi armati e trafficanti di droga”. Con queste parole il presidente haitiano, Jovenel Moïse, ha palesato la sua intenzione a non dimettersi, all’indomani di violenti scontri a Port-au-Prince tra polizia e manifestanti. Dallo scorso 7 febbraio il Paese caraibico è stato travolto da animate proteste per chiedere la destituzione del capo di Stato. I gruppi di opposizione accusano il governo di corruzione e di aver sottratto denaro per la ricostruzione del Paese, devastato dopo il terremoto del 2010. Le manifestazioni di piazza hanno indotto il Dipartimento di stato americano a richiamare tutto il personale statunitense; mentre il Canada ha chiuso la sua ambasciata a tempo indeterminato.

Dichiarata l’emergenza economica nazionale
Jovenel Moïse ha ribadito che resterà in carica per l’intero mandato di cinque anni, limitandosi a chiedere alprimo ministro, Jean Henry Céant, di decretare l’emergenza economica nazionale. L’opposizione, in particolare, denuncia la scomparsa di quasi quattro miliardi di dollari legati al progetto Petrocaribe di vendita da parte del Venezuela di carburante a basso costo. Il meccanismo prevede che Caracas assicuri forniture di greggio pagate metà a prezzo corrente e l’altra metà in una ventina d’anni, a un tasso tra l’1 e il 2% a seconda degli accordi. Con i soldi risparmiati, i singoli governi possono fare gli investimenti interni di cui hanno bisogno. I problemi di ordine pubblico, intanto, sono ulteriormente aggravati dalla fuga di 78 detenuti della prigione di Aquin, nel sud di Haiti.

Haiti-Cile : 175 migranti haitiani tornano all’ovile
P-au-P, 17 dic. 2018 [AlterPresse]
Un gruppo di 175 haitiani registrati nel programma “Piano di ritorno umanitario”, del governo cileno è rientrato a Port-au-Prince, il 17 dicembre 2018. Il governo cileno, che aveva istituito un programma di ritorno volontario per i migranti in ottobre 2018, ha appena attuato un terzo imbarco di immigrati haitiani dopo aver ricondotto due gruppi di cittadini stranieri lo scorso novembre. I passeggeri che sono stati convocati al dipartimento per l’Immigrazione A Santiago, sono stati imbarcati sullo stesso aereo militare che aveva fatto i due primi viaggi. Secondo il sotto-segretario del ministero dell’interno cileno, Rodrigo Ubilla, la lista degli Haitiani registrati nel programma è ancora molto lunga. Su 2000 persone registrate, ne restano circa 1500 da ricondurre a Haiti. «Ci sono molti cittadini haitiani che vivono in Cile che non si sono ambientati. Anche se molti di loro hanno ottenuto il visto di residenza temporanea, hanno preferito di tornare volontariamente nel loro paese», dichiara questo responsabile cileno alla stampa. Secondo i dati del governo, il Cile conta attualmente circa 1.090.000 immigrati, i più numerosi sono i Venezuelani, i Peruviani, gli Haitiani e i Colombiani. In base alle modalità e alle condizioni di questo programma, coloro che sono stati ricondotti in patria non dovranno ritornare in Cile nei prossimi 9 anni. Questo programma non riguarda esclusivamente gli immigrati haitiani. In questo piano di ritorno volontario, il governo cileno conta 48 cittadini della Colombia, 10 del Venezuela, 8 dell’Ecuador, 9 della Repubblica dominicana, 5 di Cuba e 1 del Peru.

FOLLOW US ON:
Rete di Quarrata Gen
Circolare nazionale
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT