HomeCircolari Nazionali MensiliCircolare nazionale Gennaio 2016

Circolare nazionale Gennaio 2016

Circolare Nazionale Rete Radiè Resch

Gennaio 2016

scrive un gruppo di laici e preti, in dialogo su fatti e problemi del nostro tempo, alla ricerca del bene comune:

OSSERVATORIO SUL FENOMENO MIGRATORIO (novembre 2015)

La diffusa disinformazione di chi non si assume alcuna responsabilità o deforma la realtà per motivi ideologici è un crimine che generando paura sopprime la libertà di comprendere e impedisce alla gente comune di cogliere la dimensione drammatica di tante situazioni umane, favorendo giudizi superficiali e pretestuosi di tipo egoistico. E’ quello che sta accadendo per la straordinaria crisi umanitaria delle migrazioni di massa provenienti soprattutto dal vicino Oriente e dall’Africa sconvolti dalla guerra e dalla povertà e dirette verso l’Europa attraverso il Mediterraneo e i Balcani. Un sondaggio dell’IPSOS, agenzia europea di rilevazione, evidenzia come gli italiani siano fra i peggio informati sul fenomeno migratorio: statistiche infondate, confusione nei numeri fra immigrati in fuga e immigranti stanziali integrati da anni che contribuiscono col loro lavoro alla previdenza sociale e alla ricchezza del paese che li ospita; non conoscenza della provenienza europea dei fondi destinati all’Italia per l’emergenza migratoria, che pertanto non grava sulle casse dello Stato italiano, timori per pericoli inesistenti di epidemie e così via …. Una recente lettera pastorale dei vescovi di Treviso e Vittorio Veneto cerca di “dare una risposta che, partendo dalla considerazione essenziale della dignità dell’uomo, possa far superare preclusioni di principio che generano paura nella gente, e quindi recuperare la libertà interiore di pensare ed agire secondo alcuni valori irrinunciabili”. Dimenticare che il “fenomeno migratorio”, esperienza costante dell’umanità di tutti i tempi, è fatto da uomini in carne ed ossa, con le loro storie drammatiche, le loro speranze, le loro paure e le loro debolezze, significa regredire all’uomo selvatico, chiuso nel proprio egoismo, nemico di tutti, anche di se stesso e tradire la fede in un Padre comune, come hanno ricordato i nostri vescovi. La Fondazione Leone Moressa della CGIA di Mestre monitorando 846 articoli pubblicati nel 2014 dai principali giornali italiani (Il Sole 24 Ore, La Repubblica e il Corriere della Sera) dedicati all’immigrazione, ha evidenziato che essi nell’88% dei casi si dedicano agli aspetti negativi dell’emergenza, ai pericoli sanitari, alle proteste e alla criminalità, e solo nel 12% ai bisogni della persona e agli aspetti positivi del fenomeno: quali la necessità crescente di un rinnovo generazionale che contrasti l’attuale “trend” negativo delle nascite in tutta Europa e soprattutto in Italia, che ci condurrà nel prossimo futuro verso una società di anziani bisognosi di assistenza, il rilevante contributo previdenziale degli immigrati stanziali, che in Italia ammonta a più di 10 miliardi, (fonte INPS 2014) e, non per ultima, la ricchezza dell’incontro vitale fra culture diverse … Qualche Numero: La stessa fondazione Moressa e l’INPS rilevano (nel 2014) che gli immigrati stanziali nel nostro paese (“nuovi italiani”) sono circa 5 milioni, di essi 3,5 milioni lavorano e dichiarano al fisco redditi di lavoro per 45,6 miliardi di euro, pagando 6,8 miliardi di euro di IRPEF, cui si aggiungono 10,3 miliardi di contributi INPS; se calcoliamo che lo stato spende per loro 12,6 miliardi per servizi, scuola, sanità, etc. resta un saldo attivo di 4,5 miliardi indispensabili per pagare la pensione a 625 mila anziani italiani. Non possiamo dimenticare che noi Europei nella Storia, più che l’esperienza dell’incontro e dello scambio con gli altri popoli, abbiamo sempre privilegiato la conquista, di cui il mercato degli schiavi e il colonialismo sono l’esempio più eclatante. Per anni li abbiamo colonizzati spogliandoli della propria libertà e depredandoli delle loro ricchezze sopra e sotto la terra, e continuiamo ancora oggi corrompendo le loro classi dirigenti. Oggi che sono disperati chiedono il nostro aiuto, ma noi glielo neghiamo …. ci fanno paura, quasi per timore che vogliano restituito quanto abbiamo loro rubato … non ci facevano paura quando li strappavamo alle loro case per venderli come schiavi e li trasportavamo come bestie oltre oceano per lavorare le piantagioni del “nuovo mondo” Né possiamo dimenticare quanto l’Italia nella prima metà del ‘900 fu terra di emigrazione e quanto le “risorse” dei nostri migranti furono importanti per uscire dalla miseria; Castelfranco Veneto non fece eccezione e lo dimostra l’apertura nel 1945 del consolato del Canada per facilitare le pratiche di emigrazione, allora così numerose …. ma a differenza di allora emerge sempre più chiaramente che oggi si tratta di “migranti forzati”, come giustamente li definisce la lettera pastorale, poco importa se fuggono da guerre o persecuzioni (profughi con diritto di asilo politico nel paese in cui vengono identificati ) o spinti da cause ambientali ed economiche invivibili (migranti senza diritto di asilo, “clandestini” perseguibili e rimpatriabili se senza lavoro); in ogni caso si tratta di milioni di disperati (definiti complessivamente ”rifugiati” dalla stampa anglosassone) che rischiano tutto, anche la vita, per un futuro possibile. La guerra siriana e l’espansionismo dell’ISI in Medio Oriente e in Africa, responsabili principali dell’ondata migratoria giunta in Europa nel corso dell’estate attraverso la rotta balcanica e mediterranea, hanno già provocato 150.000 morti e 9 milioni di profughi; critica è anche la situazione in Afganistan, lo stesso in Libia e in altri paesi dell’Africa responsabili dei flussi mediterranei diretti soprattutto in Italia ed in Grecia; in Libano i profughi siriani attualmente sono circa 2 milioni, 2 milioni in Giordania, altri 2 milioni in Turchia, altri ancora in Egitto. SECONDO L’UNHCR (AGENZIA DELL’ONU PER I RIFUGIATI) questi “migranti forzati” o “rifugiati” sono oggi nel mondo circa 58 milioni, compresi quelli ospitati nei “campi profughi” ONU: si tratta della più grande crisi umanitaria dalla seconda guerra mondiale. Essi chiedono ai popoli e ai governi dell’Europa il superamento degli accordi di Dublino, fonte di tale artificiosa distinzione, e chiedono maggiore generosità, non solo riguardo al salvataggio e all’accoglienza immediata, quanto piuttosto alla loro integrazione nel tessuto sociale ed economico europeo. L’OCSE (Agenzia Europea per la Cooperazione e lo Sviluppo) prevede per il 2016 un flusso migratorio verso l’Europa di più di un milione di persone, ma al momento in essa, rispetto a questa tragedia epocale, e soprattutto nei paesi dell’Est, si alzano muri e barriere di filo spinato, si mobilita la polizia e l’esercito, ci si scontra sulle quote di ripartizione e si fomenta irresponsabilmente la paura facendo avanzare i partiti xenofobi. E’ chiaro per tutti che la vera soluzione del problema sta nel risolverne le cause che lo hanno generato: guerre, fame, persecuzioni religiose, desertificazione, espropriazione neocolonialista delle risorse, comprese le terre fertili, inquinamento, corruzione, vendita di armi. Papa Francesco nelle sue encicliche e nel suo recente discorso all’ONU ne ha delineato il quadro e ne ha definito le responsabilità. Un’analisi sociopolitica ed economica seria e non ideologica non potrebbe che ribadire il ruolo rilevante del mondo occidentale, cosiddetto ricco e progredito, cioè di noi stessi, nella genesi di questa catastrofe umanitaria e nel trovarne la soluzione: ignorarlo è ipocrisia, prenderne coscienza ed operare per non ipotecare il futuro è un obbligo morale.

Dagli amici della rete di Castelfranco Veneto

Fabio Corletto e Marta

FOLLOW US ON:
15-12 Num. 110 - Rac
Assemblea Quarrata 2
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT