Home2016novembre

Lettera circolare della Rete di solidarietà internazionale

 Radiè Resch di Verona – Novembre 2016

Cari amici della solidarietà della Rete Radié Resch di Verona, la circolare nazionale degli amici di Castelfranco ci propone un racconto molto interessante sulla solidarietà concreta, vissuto dai congolesi e da Fabio e Marta, veneti, con tutti i problemi legati a costruire una nuova forma di sostegno, un vero progetto per costruire un centro di salute e di aggregazione sociale in una zona dell’Africa molto difficile per un mucchio di ragioni, ma soprattutto perché è una zona da sempre depredata di tutte le ricchezze che ci sono e ci sono state. Siamo ancora tutti colpiti dall’elezione del nuovo presidente USA, Donald Trump, che non sembra davvero orientato ad una condotta solidale nel mondo, anzi. Ricordiamo che nella storia solo i presidenti democratici hanno permesso dei miglioramenti nei paesi più poveri, soprattutto dell’America Latina. Col Messico c’è già ora un alto muro per impedire lo sconfinamento incontrollato di chi fugge da povertà e miseria, vedremo ora cosa sorgerà e succederà. Ma ne parleremo più diffusamente nel 2017, vediamo intanto anche cosa succede in Europa e in Italia, se quel populismo, quel rifiuto di accordi e di accoglienza, continuerà anche nelle prossime votazioni. E intanto a New York sfilano cortei contro Trump, che non è il presidente di tutti, e, dicono alcuni, i cortei sfileranno per 4 anni, il tempo della presidenza negli USA. Le mie considerazioni di questo mese sono orientate al discorso di papa Francesco rivolto ai movimenti popolari, il cui testo è girato anche nella lista postale della rete a inizio novembre, che richiede comunque una grande riflessione per la pregnanza dei contenuti. Che sembrano banali e semplici, ma sono centrali per la vita, e per la vita di tutti gli uomini. Ecco una breve sintesi di quel discorso, fatto a Roma il 5 novembre 2016; erano presenti anche alcuni rappresentanti dei gruppi locali della Rete Radié Resch. Mettere l’economia al servizio dei popoli, costruire la pace e la giustizia, difendere la Madre Terra: sono la base di qualsiasi discorso di solidarietà: senza un’economia che non sia di rapina e di discriminazione, senza una giustizia che assicuri il rispetto dei diritti di tutti, e senza un’attenzione alle risorse naturali, di cui tutti devono poter usufruire, non può esserci solidarietà. Il papa distingue nella sua analisi 3 punti fondamentali, intorno ai quali sviluppare la riflessione solidale, pregni di molti significati, e cioè 1. il terrore e i muri, 2. l’amore e i ponti, e infine 3. bancarotta e salvataggio. Nel 1° punto parla della enorme forza del denaro, che governa tutto il mondo col terrore, con la frusta della paura, della disuguaglianza, della violenza, economica, sociale, culturale e militare. E’ una vera dittatura economica globale, che si sostiene col terrore, con massacri, saccheggi, oppressione e ingiustizia, e con la guerra e con i muri. Occorre coraggio e misericordia per opporsi a tutto questo, perché tutti i muri sono destinati a cadere, cadranno: il 9 novembre 1989 cadde il muro di Berlino! Quando cadrà il muro di Gerusalemme? Il 2° punto si focalizza sull’Amore, sulla forza dell’amore, che giudica anche tutte le religioni, i sistemi ingiusti, e ipocriti. Cita il racconto del vangelo e l’esempio di Gesù (è il papa!), con la sua critica ai farisei ipocriti che si opponevano alle guarigioni in nome delle regole, in nome della legge. Il vero sviluppo dell’uomo non è la crescita economica, poter comperare le ultime novità tecnologiche, buttando le precedenti, che vanno scartate. Il vero sviluppo rispetta l’uomo nella sua interezza e rispetta il creato, la casa comune. Nel 3° punto parla del dramma dei migranti, dei rifugiati, degli sfollati, lui che ha incontrato personalmente i rifugiati a Lampedusa e a Lesbo, quelli che soffrono 3 drammi, lo sradicamento della loro patria, i rischi del viaggio (quanti morti!) e il rifiuto dell’accoglienza. La paura impedisce di vedere quelle tragedie, quei volti, quel sangue, è la bancarotta dell’umanità, che non vuole spartire niente, non vuole salvare l’altro, sporcarsi, perdere le proprie ricchezze. E queste riflessioni portano alla crisi della politica, al rapporto offuscato fra popolo e democrazia, che occorre sia rinfrescato e rinnovato. E sta parlando ai movimenti popolari, che costruiscono ogni giorno una politica vera e concreta, dalla parte di cose piccole e spesso degli esclusi, quindi movimenti che rinnovano la politica, rifondano le democrazie. Perché il futuro dell’umanità non è nelle mani dei grandi leader, delle élites, ma nelle mani dei popoli. Il rischio di chi si impegna in politica è di farsi incasellare in ideologie e dimenticare le persone, o di lasciarsi corrompere; e la corruzione si trova certo nella politica, ma anche nelle organizzazioni sociali e popolari, dimenticando il vincolo dell’onestà e la scelta dell’austerità. L’esempio di una vita austera al servizio del prossimo, scrive papa Francesco, è il modo migliore di promuovere il bene comune. Anche sbagliando, ma perseverando, presto o tardi vedremo i frutti di questa azione. Contro il terrore il miglior rimedio è l’amore, l’amore guarisce tutto. E il papa ha citato il pastore Martin Luther King: “se rispondi ad un colpo con un altro colpo, si continua all’infinito e non si finisce mai. La persona forte è quella che è capace di spezzare questa catena dell’odio”. Vi ricordo il nostro prossimo appuntamento del 29 novembre, l’incontro a Sezano con un palestinese particolare, di Gaza, il dottor Deeb Albulahisi, medico che lavora a Verona da molti anni. Ci parlerà di casa sua a Gaza, dove abita ancora la mamma, era andato a trovarla perché malata e non ha ottenuto per molto tempo il permesso di tornare. Per questo l’appuntamento avviene ora, volevamo incontrarlo l’anno scorso, ma il veto di Israele l’ha fermato. Così la nostra attenzione sarà ancora focalizzata sulla Palestina. Alle 20.45 al Monastero di Sezano, in Valpantena, vicino a Santa Maria in Stelle.

Un caro saluto a tutti, a presto

Dino con Silvana

Lettera circolare della Rete di solidarietà internazionale

 Radiè Resch di Roma – Novembre 2016

Carissimi amici e amiche, Mauro mi ha chiesto di parlarvi del Brasile oggi e io naturalmente non posso che parlare di Brasile e Movimento Sem Terra, anzi di Movimento Sem Terra nell’attuale congiuntura brasiliana e internazionale.

Il Movimento Senza Terra tra repressione e progetti di articolazioni nazionali e internazionali dei movimenti popolari

Il Brasile sta vivendo 4 gravi crisi, ha detto spesso Joao Pedro Stedile nei discorsi degli ultimi mesi. Una crisi economica, che è alla base di tutte le altre, una crisi sociale perché i problemi della popolazione non vengono risolti, una crisi ambientale perché c’è un’aggressione crescente del capitale nei confronti dei beni della natura senza misurarne le conseguenze. Esempio di quest’ultima crisi è il “crimine” di Mariana, la rottura delle dighe del deposito di rifiuti tossici dell’impresa Vale, nelle località di Fundão e Santarem, nel comune di Mariana, che ha prodotto – proprio un anno fa – il maggior disastro ambientale della storia del Brasile. E infine c’è una crisi politica, che è il risultato del fatto che i capitalisti si sono appropriati della democrazia rappresentativa e – attraverso il finanziamento privato delle campagne – eleggono chi vogliono. Il Parlamento quindi è completamente dissociato dalla volontà della popolazione ed è questo Parlamento che ha portato a compimento, alla fine dello scorso agosto, un vero e proprio golpe istituzionale.

Il golpe

L’impeachment di Dilma Roussef – che non ha motivazioni solide dal punto di vista giuridico – e il fango gettato sul PT (presentato dai media come l’unico partito corrotto del paese) sono frutto di un patto tra borghesia, parti della settore giudiziario e mezzi di comunicazione nelle mani delle elite. Le elite non hanno accettato la rielezione di Dilma nel 2014. Avevano fatto di tutto per mettere in crisi la sua leadership. Ma i 40 milioni di brasiliani sottratti alla miseria hanno pesato più dei forti limiti del suo governo (che non ha fatto, come i precedenti governi Lula, riforme strutturali) e della volontà della borghesia che, di fronte alla crisi, voleva riassumere il potere in prima persona, per rilanciare il progetto neoliberista e recuperare i propri margini di profitto, impadronendosi di tutte le risorse del paese, a cominciare dal giacimento del petrolio del pre-sal. Anche agli USA non piaceva un Brasile autonomo, che con i BRICS (Brasile, Russia,India, Cina, Sudafrica) metteva in discussione i suoi interessi geostrategici e lavorava all’integrazione latinoamericana.

Le scelte del governo golpista

Il governo golpista di Temer sta portando avanti il progetto neoliberista tagliando le spese sociali e privatizzando. Una riforma costituzionale – la PEC 241 – metterà un tetto, per 20 anni, alle spese del governo per i servizi pubblici, con effetti drammatici su sanità e educazione. Lo stesso ministero che si occupava di Riforma Agraria è stato abolito e tutti i progetti che sostenevano i piccoli contadini e gli insediati sono stati fortemente ridimensionati o a rischio di totale chiusura.

La repressione dei movimenti sociali

E da qualche mese – già da prima della concreta realizzazione del golpe – è ripresa in modo violento la repressione nei confronti dei movimenti sociali.

Il MST si è speso molto nel tentativo di organizzare la resistenza di fronte al golpe, in particolare con il Frente Brasil Popular. Il Frente, mettendo insieme forze diverse del campo e della città, vuole stimolare la discussione di massa di un nuovo progetto che faccia uscire il paese dalle crisi dal punto di vista della classe lavoratrice, è impegnato nella formazione militante, e nel tentativo di organizzare mobilitazioni di massa.

Il Movimento sta subendo, per questo suo forte impegno, una vera persecuzione: arresti e lunghe detenzioni ingiustificati, tentativi di inquadrarlo nella legge relativa alle organizzazioni criminali, militanti uccisi in aree calde in cui le terre occupate fanno gola a grandi imprese come la Araupel, presente nella zona di Quedas in Paranà, quella della ex-fazenda Giacometti (vi ricordate la foto di Salgado con la catena del cancello spezzata?). Aziende che si erano impadronite delle terre illegalmente. Le avevano grilade, come si dice in Brasile.

L’aggressione alla ENFF (Scuola Nazionale Florestan Fernandes, quella che la Rete appoggia da diversi anni)

E’ di venerdì 4 novembre l’intervento di 10 macchine della polizia alla Scuola Nazionale Florestan Ferandes alla ricerca di militanti del Parana, accusati dei più vari misfatti, come quello di appartenere a una “organizzazione criminale”. I poliziotti sono entrati sparando ad altezza d’uomo contro la vetrata della segreteria della scuola. Il bibliotecario, un signore di 65 anni con il Parkinson è stato spinto a terra e si è rotto una costola.

Mentre in Brasile, a Guararema, vicino a San Paolo, succedeva questo, Joao Pedro Stedile stava partecipando a Roma al 3° Incontro dei Movimenti Popolari in dialogo con Francesco, di cui dalle origini, nel 2013, è stato uno dei principali organizzatori.

Il MST – che ha visto il giorno 5 convenire alla Florestan Fernandes 1000 persone di 36 paesi (e tra questi Lula) per portare la loro solidarietà – continua a lottare, organizzare, articolare a livello brasiliano e internazionale.

Organizzare reti mondiali e offrire ai giovani la possibilità di diventare protagonisti del cambiamento

Stedile, che ho accompagnato, dopo l’incontro con il Papa, a Mondeggi, a Napoli con Zanotelli, a Rosarno parla della necessità di organizzare reti mondiali dei movimenti popolari, che vadano al di là delle “riflessioni” portate avanti con il papa. Un grande incontro dei movimenti popolari di tutto il mondo (non di ong e dei “turisti politici”) dovrebbe realizzarsi a Caracas nell’ottobre del 2017, come sintesi di incontri continentali che ci saranno in America Latina, Africa, Medio Oriente e Asia nei prossimi mesi.

Durante l’iniziativa organizzata da SOS Rosarno, nel comune di Cinquefrondi, il dirigente del MST ha incontrato un gruppo di ragazze siciliane – arrivate qui per conoscerlo – di Contadinazioni nato simbolicamente nel ghetto dei lavoratori stagionali di Campobello di Mazara (TP). Parlando con loro e vedendo il loro impegno e entusiasmo ha proposto a una delle tre ragazze presenti – Franca, che ha il padre americano – di partecipare nei prossimi giorni alla ENFF alla parte conclusiva del corso per formatori di militanti in lingua inglese, perché si renda conto di come si fa formazione alla Scuola (a Mondeggi aveva proposto a giovani laureati in agronomia di andare a lavorare per un anno a sostegno di progetti in Venezuela e Haiti, dopo un periodo di formazione alla ENFF).

Quando Franca tornerà potrà – spera Stedile – con altri, farsi promotrice di un corso di formazione per militanti in Sicilia, con il supporto pedagogico del Movimento Senza Terra.

(per la rete di Roma, Serena Romagnoli)

Lettera circolare della Rete di solidarietà internazionale

 Radiè Resch di Quarrata – Novembre 2016

Carissima, Carissimo, non avendo potuto partecipare ai lavori del convegno dei Movimenti popolari in Vaticano prima -troverete una profonda riflessione di Claudia Fanti, redattrice di Adista- sul numero di dicembre della nostra rivista In Dialogo, oltre al discorso conclusivo di papa Francesco- e poi a seguire gli incontri organizzati con Joao Pedro Stedile, perchè impegnato in giro per l’Italia con Waldemar Boff, nostro referente del progetto Agua Doce, Serena Romagnoli, che ha seguito e coordinato ha scritto una breve riflessione sull’attuale situazione del Brasile e del Movimento Sem Terra nell’attuale congiuntura brasiliana e internazionale. Antonio

Il Movimento Senza Terra tra repressione e progetti di articolazioni nazionali e internazionali dei movimenti popolari

Il Brasile sta vivendo 4 gravi crisi, ha detto spesso Joao Pedro Stedile nei discorsi degli ultimi mesi. Una crisi economica, che è alla base di tutte le altre, una crisi sociale perché i problemi della popolazione non vengono risolti, una crisi ambientale perché c’è un’aggressione crescente del capitale nei confronti dei beni della natura senza misurarne le conseguenze. Esempio di quest’ultima crisi è il “crimine” di Mariana, la rottura delle dighe del deposito di rifiuti tossici dell’impresa Vale, nelle località di Fundão e Santarem, nel comune di Mariana, che ha prodotto – proprio un anno fa – il maggior disastro ambientale della storia del Brasile. E infine c’è una crisi politica, che è il risultato del fatto che i capitalisti si sono appropriati della democrazia rappresentativa e – attraverso il finanziamento privato delle campagne – eleggono chi vogliono. Il Parlamento quindi è completamente dissociato dalla volontà della popolazione ed è questo Parlamento che ha portato a compimento, alla fine dello scorso agosto, un vero e proprio golpe istituzionale.

Il golpe

L’impeachment di Dilma Roussef -che non ha motivazioni solide dal punto di vista giuridico- e il fango gettato sul PT (presentato dai media come l’unico partito corrotto del paese) sono frutto di un patto tra borghesia, parti della settore giudiziario e mezzi di comunicazione nelle mani delle elite. Le elite non hanno accettato la rielezione di Dilma nel 2014. Avevano fatto di tutto per mettere in crisi la sua leadership. Ma i 40 milioni di brasiliani sottratti alla miseria hanno pesato più dei forti limiti del suo governo (che non ha fatto, come i precedenti governi Lula, riforme strutturali) e della volontà della borghesia che, di fronte alla crisi, voleva riassumere il potere in prima persona, per rilanciare il progetto neoliberista e recuperare i propri margini di profitto, impadronendosi di tutte le risorse del paese, a cominciare dal giacimento del petrolio del pre-sal. Anche agli USA non piaceva un Brasile autonomo, che con i BRICS (Brasile, Russia,India, Cina, Sudafrica) metteva in discussione i suoi interessi geostrategici e lavorava all’integrazione latinoamericana.

Le scelte del governo golpista

Il governo golpista di Temer sta portando avanti il progetto neoliberista tagliando le spese sociali e privatizzando. Una riforma costituzionale -la PEC 241- metterà un tetto, per 20 anni, alle spese del governo per i servizi pubblici, con effetti drammatici su sanità e educazione. Lo stesso ministero che si occupava di Riforma Agraria è stato abolito e tutti i progetti che sostenevano i piccoli contadini e gli insediati sono stati fortemente ridimensionati o a rischio di totale chiusura. La repressione dei -già da prima della concreta realizzazione del golpe- è ripresa in modo violento la repressione nei confronti dei movimenti sociali. Il MST si è speso molto nel tentativo di organizzare la resistenza di fronte al golpe, in particolare con il Frente Brasil Popular. Il Frente, mettendo insieme forze diverse del campo e della città, vuole stimolare la discussione di massa di un nuovo progetto che faccia uscire il paese dalle crisi dal punto di vista della classe lavoratrice, è impegnato nella formazione militante, e nel tentativo di organizzare mobilitazioni di massa. Il Movimento sta subendo, per questo suo forte impegno, una vera persecuzione: arresti e lunghe detenzioni ingiustificati, tentativi di inquadrarlo nella legge relativa alle organizzazioni criminali, militanti uccisi in aree calde in cui le terre occupate fanno gola a grandi imprese come la Araupel, presente nella zona di Quedas in Paranà, quella della ex-fazenda Giacometti (vi ricordate la foto di Salgado con la catena del cancello spezzata?). Aziende che si erano impadronite delle terre illegalmente. Le avevano grilade, come si dice in Brasile.

L’aggressione alla ENFF (Scuola Nazionale Florestan Fernandes, quella che la Rete appoggia da diversi anni)

E’ di venerdì 4 novembre l’intervento di 10 macchine della polizia alla Scuola Nazionale Florestan Ferandes alla ricerca di militanti del Parana, accusati dei più vari misfatti, come quello di appartenere a una “organizzazione criminale”. I poliziotti sono entrati sparando ad altezza d’uomo contro la vetrata della segreteria della scuola. Il bibliotecario, un signore di 65 anni con il Parkinson è stato spinto a terra e si è rotto una costola. Mentre in Brasile, a Guararema, vicino a San Paolo, succedeva questo, Joao Pedro Stedile stava partecipando a Roma al 3° Incontro dei Movimenti Popolari in dialogo con Francesco, di cui dalle origini, nel 2013, è stato uno dei principali organizzatori. Il MST – che ha visto il giorno 5 convenire alla Florestan Fernandes 1000 persone di 36 paesi (e tra questi Lula) per portare la loro solidarietà – continua a lottare, organizzare, articolare a livello brasiliano e internazionale.

Organizzare reti mondiali e offrire ai giovani la possibilità di diventare protagonisti del cambiamento

Stedile, che ho accompagnato, dopo l’incontro con il Papa, a Mondeggi (Firenze), a Napoli con Zanotelli, a Rosarno parla della necessità di organizzare reti mondiali dei movimenti popolari, che vadano al di là delle “riflessioni” portate avanti con il papa. Un grande incontro dei movimenti popolari di tutto il mondo (non di ong e dei “turisti politici”) dovrebbe realizzarsi a Caracas nell’ottobre del 2017, come sintesi di incontri continentali che ci saranno in America Latina, Africa, Medio Oriente e Asia nei prossimi mesi. Durante l’iniziativa organizzata da SOS Rosarno, nel comune di Cinquefrondi, il dirigente del MST ha incontrato un gruppo di ragazze siciliane -arrivate qui per conoscerlo- di “Contadinazioni” nato simbolicamente nel ghetto dei lavoratori stagionali di Campobello di Mazara (TP). Parlando con loro e vedendo il loro impegno e entusiasmo ha proposto a una delle tre ragazze presenti -Franca, che ha il padre americano- di partecipare nei prossimi giorni alla ENFF alla parte conclusiva del corso per formatori di militanti in lingua inglese, perché si renda conto di come si fa formazione alla Scuola (a Mondeggi aveva proposto a giovani laureati in agronomia di andare a lavorare per un anno a sostegno di progetti in Venezuela e Haiti, dopo un periodo di formazione alla ENFF). Quando Franca tornerà potrà – spera Stedile – con altri, farsi promotrice di un corso di formazione per militanti in Sicilia, con il supporto pedagogico del Movimento Senza Terra.

Serena Romagnoli

“Se voi però avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri” don Lorenzo Milani, “L’obbedienza non è più una virtù”

CIRCOLARE NAZIONALE NOVEMBRE 2016 – RETE di CASTELFRANCO V.
COME ESSERE SOLIDALI?

Infinite volte ci siamo chiesti quale debba essere la nostra collocazione nelle realtà dove si sviluppano i progetti in cui siamo coinvolti, come rapportarci con le popolazioni del luogo, sino a che punto contaminare e lasciarci contaminare. Certo dipende molto dalle condizioni specifiche del posto, dalle capacità e possibilità del referente e soprattutto dalle difficoltà legate alla situazione politica e organizzativa locali, dal milieu come si dice in francese. La nostra esperienza si sviluppa in un contesto africano estremamente complicato per la totale mancanza di strutture di qualsiasi genere a supporto della popolazione che si trova letteralmente abbandonata e isolata, priva delle condizioni minime di sopravvivenza.
Non è semplice mettersi in sintonia con queste realtà, capire sino a che punto intervenire, decidere, accogliere, astenersi, stoppare il nostro pensiero per dare spazio alle loro idee. Ma per tentare di essere compresi sino in fondo possiamo esporre di seguito alcune situazioni concrete, tratte anche dal recente viaggio.
– A proposito del metodo della partecipazione collettiva: in una situazione di disarmante povertà, siamo sicuri che sia opportuno chiedere lavoro volontario da parte della popolazione per alcune attività nei progetti? Certo non possono aspettarsi tutto dall’esterno, “devono crescere e responsabilizzarsi” si dice, ed è giusto e ovvio, ma in che modo e con che tempi? Con quali sacrifici? E’ più giusto pensare di alleviare il loro carico attraverso un sistema di parziale retribuzione introducendo progressivamente segmenti di partecipazione al bene comune oppure, come sostiene il nostro referente, è giusto richiedere fin da subito un contributo totalmente gratuito come contropartita del nostro impegno? Si è reso necessario avviare il confronto :
– con gli insegnanti presenti nei villaggi per discutere l’argomento ascoltando il loro parere, insistendo sull’importanza del loro ruolo per promuovere, tra studenti e genitori, la presa di coscienza dei problemi che li affliggono, la ricerca di soluzioni comunitarie e la partecipazione collettiva a partire dalle risorse disponibili. Di qui la necessità di sostenere come RRR un percorso di formazione per una categoria tanto importante.
– con il Comitato di sviluppo di Mwamwayi per parlare del significato e del valore dell’Ospedale come Bene Comune e della strategia da adottare per motivare ancora la popolazione alla partecipazione ai lavori di cantiere e successivamente alla gestione del Centro di Sanità;
– con i capi-villaggio invitandoli a superare le storiche distanze tribali, trovare i motivi di aggregazione tra i villaggi per creare una mobilitazione comunitaria attorno al Centro di Sanità. Abbiamo avuto la soddisfazione di sentire che da molti anni non si assisteva ad un confronto tra tutti gli chef dei villaggi del circondario.
É stato difficile estromettere dal cantiere persone provenienti da altri villaggi che chiedevano di far parte della squadra impegnata a realizzare il pozzo, quando questa era già formata e collaudata, perché i pochi giorni a disposizione non ci permettevano rallentamenti. La soluzione è stata quella di chiamare tutti i capi-villaggio e capi-mandamento della zona per spiegare la necessità di contare su una squadra ristretta e consolidata e la proposta di formare piuttosto dei gruppi che potessero assistere ai lavori e ascoltare le istruzioni date dal nostro geologo. Ciò significa organizzare la permanenza (compresi vitto e alloggio) per diversi giorni di parecchie persone provenienti da  zone lontane, anche da due giorni di cammino.
– A proposito della retribuzione degli operai impegnati nella costruzione del pozzo: insistere affinché ciascuno abbia una giusta retribuzione oppure meglio accettare il sistema dell’offerta come vigente in loco: chi affida il lavoro decide quanto pagare e la gestione delle singole retribuzioni viene decisa dal capo? Sembra ovvia la risposta, ma è rischioso compromettere gli attuali equilibri. La soluzione è stata di insistere per incontrare tutti i lavoratori e discutere assieme, come mai prima s’era fatto, per dimostrare la necessità del dialogo per accordarsi e operare in trasparenza.
– A proposito della distribuzione della valigia di farmaci. L’attuale dispensario non è dotato né di attrezzature sanitarie né di medicinali. Con l’aiuto di una Onlus italiana che nella totale gratuità e trasparenza, si occupa della raccolta di farmaci inutilizzati per distribuirli stiamo verificando la possibilità di inviarne a Mwamwayi con una certa regolarità. Una prima fornitura ci è pervenuta alla vigilia della partenza. Arrivati sul posto abbiamo dovuto affrontare il problema delle modalità di distribuzione: nella nostra visione i farmaci, soprattutto salvavita come antibiotici e antimalarici, dovrebbero essere distribuiti dal dispensario gratuitamente ai pazienti, considerata l’estrema povertà in cui vive la gente. “Bravi, così domani mattina ci ritroviamo con decine di migliaia di ammalati provenienti da tutti i villaggi limitrofi che vengono qui a richiedere medicine …..”, è stata la risposta degli amici di Mwamwayi, che avevano invece  stilato un tariffario di poco inferiore al costo ufficiale dei medicamenti, anche per ricavare un minimo di entrate da utilizzare per il fabbisogno del dispensario. Inutile evidenziare il nostro disorientamento e allora ….. il necessario confronto, a più riprese, con il personale del dispensario e con i rappresentanti di Badibam (ong locale con presidente il ns. referente) per cercare una soluzione condivisa: un prezzo ridotto a metà o a un terzo rispetto al prezzo standard e poi affrontare la questione di coloro che non possono pagare nulla, e come? Ipotizzando un lavoro collettivo per creare un’esperienza di mutuo aiuto. Vedremo…..
– A proposito della formazione di leaders. Nel villaggio si respira una cappa d’isolamento paralizzante che avvolge tutto e tutti; nonostante qualcuno abbia frequentato scuole e università, l’assenza di qualsiasi mezzo e opportunità scoraggia ogni novità e regna uno sconforto generale. Allora bisogna cercare di facilitare l’incontro con formatori provenienti da altre realtà, discutere con loro per individuare chi avviare alla formazione per diventare un leader positivo del villaggio con capacità organizzative in grado di farsi portavoce presso i responsabili e le autorità (ad es. quelle sanitarie purtroppo disperate da noi incontrate in due occasioni), o presso la direzione della nuova provincia amministrativa. Supportiamoli, incoraggiamoli, facendo vedere che non sono soli nel confronto con il governatore della provincia, con il vescovo della diocesi, con il responsabile della zona di sanità!
Per tre volte negli ultimi anni abbiamo raggiunto Mwamwayi, immergendoci nella vita del villaggio per cercare di condividere, per comprendere, per conoscere, per insieme decidere e crescere. Un tassello in più guadagnato in ogni missione, in ogni incontro con i numerosi amici africani che la rete di Castelfranco V. ha anche ospitato in Italia nel corso di questi anni. Un cammino ricco di incontri con singole persone e organizzazioni di volontariato impegnati a sostenere  i popoli impoveriti del continente nero, ci ha fatto scoprire con  crescente stupore di non essere soli e di poter contare sul consiglio e l’aiuto di  molti : persone semplici, geometri,  medici del Cuamm, e così via…. E che dire di David, il geologo scozzese che ha accettato di venire nel villaggio per dirigere i lavori della costruzione del pozzo, dandoci una lezione di totale dedizione alla causa e insegnandoci una profondità di lettura degli avvenimenti.
In questi anni di intensi rapporti con l’Africa si è radicata in noi la convinzione che è indispensabile fornire alla popolazione un supporto, un aiuto, per quel poco che possiamo fare, perché da sola non riesce ad innescare nessun movimento di liberazione. Ma per sostenere correttamente il loro tentativo di crescita, ci siamo resi conto che è necessario decidere insieme con loro e per fare questo è d’obbligo un cammino di condivisione e crescita comune, discutendo, lavorando, vivendo insieme, spogliandoci molte volte delle nostre troppe convinzioni. Questo è quello che abbiamo pian piano capito sinora, sperando di procedere con la necessaria determinazione, lucidità e soprattutto umiltà nell’accogliere sempre l’altro ponendoci sullo stesso piano. È un lavoro lungo che richiede costanza, tenacia e molta prudenza nelle scelte e nelle prese di posizione. È un percorso possibile solo in Rete, supportandoci e motivandoci a vicenda, sempre in ricerca insieme di quale solidarietà sia possibile, di come essere solidali.