Home2016Dicembre

Rete di Quarrata – Lettera Dicembre – Natale 2016

Carissima, carissimo,
cos’è il Natale? Una coppia di Nazareth, Maria e Giuseppe, vanno a Betlemme. Là sono respinti e convocati per il censimento dell’Impero Romano. Ci sono varie ipotesi circa il motivo per cui furono respinti. La mia è che lo furono perchè Maria era gravida e non erano sposati ufficialmente. Quindi, occuparono una terra che non era loro, privata. Io in genere scherzo, e mi piace teatralizzare ciò che ha fatto Gesù, perciò dico che il giorno seguente il “Quotidiano di Gerusalemme” deve aver titolato in prima pagina: “Famiglia di senza terra e tetto (due delle tre T su cui papa Francesco ha convocato a Roma i rappresentanti dei Movimenti Popolari di tutto il mondo dal 2 al 5 novembre scorso, la terza T era trabalho-lavoro) occupa una proprietà rurale” Gesù è nato in una stalla. Ciò è molto simbolico. All’epoca di Gesù, chi aveva a che fare con gli animali, come il macellaio, era socialmente emarginato. C’è chiaramente nella Bibbia. Ma molti non hanno occhi per vedere e voce per parlare.
Nonostante questo scenario il nostro Natale si è trasformato in una festa di scambio di regali. Il Natale di Gesù ha un significato religioso molto forte ed è molto seducente dal punto di vista del suo simbolismo. Il Mercato è stato elevato a nuovo Dio, sta sempre più oscurando la dimensione liberatrice di Gesù di Nazareth e imporre il Babbo Natale. C’è una “babbonatalizzazione” che trasforma il Natale in una festa di consumo.
Oggi di fronte agli avvenimenti che si susseguono dobbiamo riscattare la spiritualità e il sentimento religioso della festa. Altrimenti, entreremo nel grande paradigma della post-modernità, che è il mercato e non la solidarietà e la complementarietà.
Oggi il mercato vuole imporsi sulla post-modernità con la mercantilizzazione di tutte le dimensioni della vita. Ciò si vede in modo chiaro nelle due grandi feste cristiane, il Natale e la settimana Santa: la Pasqua. Entrambi sono diventati periodi di breve o lunga vacanza. Pochi si ricordano che sono la celebrazione della nascita, della morte e la risurrezione di Gesù.
L’elezione di papa Francesco ha sconvolto lo scenario mondiale, un latino-americano che ha molta sensibilità per la questione sociale, per l’incontro, per la misericordia, per l’accoglienza e la relazione. Quell’accoglienza che era stata negata a Maria e Giuseppe. Ha abbandonato una serie di simboli che erano segno di nobiltà, come la tiara, le scarpe rosse (di Prada) e la croce d’oro. Ha abbandonato titoli che derivavano dall’Impero Romano e non dalla tradizione cristiana, come “sommo pontefice”. E’ interessante il fatto che preferisca abitare alla Casa di Santa Marta, che è una casa che fa ospitalità, con un refettorio usato da persone che lavorano in Vaticano, lasciando la residenza pontificia.
Ha nominato una commissione di otto cardinali, di cinque continenti, per studiare e realizzare la riforma della Curia romana, vorrebbe riformare o addirittura abolire la Banca vaticana, arrivando a dire con forza: ”il denaro è lo sterco del diavolo e Gesù non aveva una Banca!” “De-naturalizzare la miseria, de-burocratizzare la fame.” “I Migranti non sono un pepricolo, ma sono in pericolo!”
Ha messo con forza al centro del suo annuncio, dando segni concreti profondi alla Chiesa: l’importanza dell’opzione per i Poveri, i prediletti di Dio! Denunciandone le forti e inaccettabili disuguaglianze sociali! Ha aperto strade per una nuova teologia, soprattutto rispetto alla morale sessuale, tema congelato all’interno della Chiesa dal 16° secolo. Altre sfide ha aperto, dalla questione dell’ordinazione delle donne alla morale sessuale, dalla questione finanziaria alla corruzione. E ancora: il celibato e il ritorno al ministero dei sacerdoti sposati. La sua teologia è liberatoria, lontana dai fondamentalismi reazionari, una teologia che considera tutti noi cristiani discepoli di un prigioniero politico. Gesù non è morto di epatite nel suo letto, nè perchè investito da un cammello mentre attraversava la strada a Gerusalemme. Gesù è stato arrestato, torturato e giudicato insieme a due ladroni. Condannato a morte dal potere politico, economico e religioso del tempo.
Che tipo di fede in Gesù abbiamo noi cristiani, se non mettiamo in discussione questo disordine stabilito? La fede che Gesù aveva lo ha portato ad essere considerato sovversivo, dunque una minaccia, per questo è stato eliminato. Non è questione di politicizzare la storia, è rileggere il passato come è stato realmente.
Dobbiamo, come ci insegna papa Francesco, vivere la generosità, la solidarietà e la condivisione della vita perchè il nostro desiderio che il mondo cammini verso il meglio diventi veramente efficace.
Accogliere Gesù che nasce e il nuovo anno che arriva come un tempo di cambiamento, di più luce per cogliere i semi di bontà sparsi nella terra durante l’anno passato e garantire che siano seminati nuovi germogli di giustizia e di pace.
Accogliere il nuovo anno come un tempo di profondo rinnovamento della vita. che necessariamente si deve ripercuote nella persone intorno a noi e in tutto l’universo. Dove la diversità non debba più essere avversità, cessando di etichettare le persone senza conoscerle, senza conoscere la loro storia le loro sofferenze, le loro gioie. Perchè le loro sono storie non derive irreversibili. Spesso viviamo accanto alle persone ma non siamo loro vicine. Dobbiamo fare strada ai poveri senza farsi strada, attaccati ai volti e alle storie, perchè quando i poveri diventano solo cifre, statistiche, burocratizziamo il loro dolore. Quando la miseria cessa di avere un volto, possiamo cadere nella tentazione di iniziare a parlare e a discutere  fame. di alimentazione, di violenza, lasciando da parte il soggetto concreto, reale, che oggi bussa alla nostre porte, che sia un vicino od un lontano.
E’ a questo punto che dobbiamo scegliere, fidarsi e affidarsi, un percorso da vivere insieme per dare corpo al “noi” tanto proclamato ma poco attualizzato.
Dobbiamo impegnarci profondamente ad essere sempre di più persone di dialogo con gli altri, anche con coloro che pensano e agiscono a partire da valori che non sono i nostri e con i quali abbiamo difficoltà a dialogare. Il dialogo più fecondo è infatti con coloro che non la pensano come noi.
Termino ricordando ad ognuno di noi, in questo tempo di violenza, di odio, che l’amore e la relazione devono essere riportate al centro della nostra esistenza, perchè il contrario dell’amore non è l’odio, ma l’indifferenza.
Perchè come afferma Frei Betto, domenicano brasiliano, incarcerato e torturato durante la dittatura brasiliana: “l’odio fa male a chi odia, non all’odiato!”
Il mio augurio è che ognuno di noi, crei la condizione di fare spazio all’uomo e all’umanità, al creato e alla natura, per ascoltare con attenzione ciò che papa Francesco nella sua enciclica Laudato si, chiama: ecologia integrale. Cioè ascoltare senza dividerlo: il grido della terra e il grido dei poveri.
Ad ognuno la propria responsabilità: Cainooo? Dov’è tuo fratello!
Buon Natale e buon inizio, Antonio

CIRCOLARE NAZIONALE DICEMBRE 2016 – RETE DEL TRENTINO

UTOPIA E RESPONSABILITÀ

Bisogna coltivare ogni giorno l’utopia e ispirarsi all’utopia in ogni azione quotidiana. Ma ci sono alcuni momenti nella vita in cui su tutto, anche sull’utopia, dovrebbe prevalere il principio di responsabilità.

Non è la massima di qualche filosofo, è una regola personale che mi sono costruito un po’ alla volta, riflettendo sull’impegno sociale e politico che anima anche noi della Rete, e che vorrei condividere con voi, anche se probabilmente non tutti saranno d’accordo con me. Ma è sempre utile confrontarsi. Approfitto della richiesta che mi è stata fatta, un po’ in extremis, di scrivere la circolare di dicembre, per esprimere alcune mie riflessioni personali anziché riferire su cose concrete come quelle raccontate dagli amici di Castelfranco Veneto nella bellissima circolare di novembre.

Anche noi come Rete trentina stiamo portando avanti iniziative concrete, con grande impegno e fatica, per dare il nostro contributo ai progetti di accoglienza dei tanti profughi e richiedenti asilo che arrivano ogni giorno. In questi anni di lavoro, in cui abbiamo incontrato tante difficoltà, burocrazia, ostilità, indifferenza e delusioni, se non fossimo stati mossi dall’utopia probabilmente ci saremmo arresi. E questo vale in generale per tutta la Rete, che da oltre 50 anni continua ostinatamente nella sua utopia nonostante sconfitte, fallimenti, senso di impotenza.

Perché nella mia riflessione iniziale contrappongo l’utopia al principio di responsabilità? Perché l’esperienza dimostra che ci sono momenti in cui si tratta di scegliere tra mali minori e mali peggiori. Il principio di responsabilità, cardine del pensiero del filosofo Hans Jonas, tedesco di origine ebraica, naturalizzato americano, riguarda soprattutto il rapporto tra l’uomo e l’ambiente naturale e si può sintetizzare nella massima: “Agisci in modo che le conseguenze della tua azione siano compatibili con la sopravvivenza di un’autentica vita umana sulla terra”.

Ma questo principio si adatta a tutte le attività umane e in particolare alla politica. Negli ultimi tempi abbiamo assistito a comportamenti elettorali (Trump, Brexit …) in cui si intuisce che l’elemento determinante per la scelta degli elettori è stata la rabbia, un’emozione negativa che sta sostituendo motivazioni che in passato orientavano il voto, come l’idealismo, l’ideologia, il bene comune, o anche semplicemente motivi più terra terra, come l’interesse privato o il tornaconto personale. La democrazia sta attraversando una fase di stanchezza pericolosa: molte persone ritengono che andare a votare non sia poi così importante, che tanto le cose non cambiano mai, che votare l’uno o l’altro sia la stessa cosa. E’ proprio in questa apatia che si inseriscono gli avventurieri e i demagoghi. Si presentano come il pifferaio magico della fiaba, che promette mari e monti ma che alla fine porta tutti alla rovina. La storia è ricca di derive simili: basti pensare all’ascesa al potere di Hitler in Germania e di Mussolini in Italia. Spesso ci chiediamo come sia stato possibile e ci illudiamo che non possa più capitare. La delusione, il rancore, il risentimento si innestano sulla crisi economica, sull’ aumento delle disuguaglianze, sulle frustrazioni personali e sociali. La rabbia è un’emozione che oscura la razionalità. Quanto più il pifferaio urla, tanto più trova seguito in chi è arrabbiato. Tanto più esagerate sono le sue promesse, tanto più gli si crede. Per Grillo le elezioni americane sono state “un vaffa… generale”, un modo divertente per mandare tutto a catafascio. “Dare un calcio al sistema – scriveva tempo fa Ezio Mauro su Repubblica – risponde a un istinto di sovversione e di antagonismo più che a una domanda di politica e tantomeno di governo … Il voto è un rifugio di disagio,di rancore, di pretese più che di diritti, uno sfogo piuttosto che una scelta. Intanto diamo un calcio al tavolo del comando. Cosa ci sarà dopo il calcio? Nessuno se lo chiede. Le proposte del pifferaio non sono mantenibili, la rabbia fatica a trasformarsi in governo. Ma intanto rovesciamo il tavolo e godiamoci lo spettacolo, poi si vedrà”.

Dopo la Brexit e le elezioni americane, in Europa e in Italia tutti i movimenti populisti, razzisti e xenofobi si stanno preparando al loro momento di gloria: hanno capito che spararle molto grosse fa vincere le elezioni. Non importa se poi a pagare le conseguenze saranno proprio i più poveri e i più deboli, che sono anche i più arrabbiati. Domenica 4 dicembre le elezioni presidenziali in Austria sembrerebbero aver invertito questa tendenza, bocciando il candidato razzista e xenofobo. Ma le previsioni per le elezioni politiche austriache della prossima primavera non sono rosee. E’ proprio in vista di questi appuntamenti elettorali che il principio di responsabilità potrebbe fare la differenza. Ad esempio nelle ultime elezioni regionali in Francia, un accordo tra socialisti e centrodestra ha evitato la vittoria di Marine Le Pen e in Spagna il “sacrificio” dei socialisti che hanno accettato di astenersi sul nuovo governo, ha evitato un terzo pericoloso ricorso alle urne. In quest’ultimo caso si è assistito ad un classico esempio di contrapposizione tra utopia e responsabilità: la componente del partito socialista spagnolo che voleva “resistere” sui propri princìpi, insisteva per non offrire un aiuto al partito popolare, avversario storico, mentre la componente che ha optato per il senso di responsabilità ha preferito guardare all’interesse della nazione. Anche in Italia abbiamo avuto vari esempi di questa contrapposizione, ma il più emblematico penso sia stata la sfiducia al governo Prodi del 1998, caduto per un voto di Rifondazione Comunista, che ha aperto la strada ai governi Berlusconi. Sulle vere motivazioni di quel voto, e soprattutto sui registi occulti, molti sono ancora i misteri, ma i dilemmi di coscienza dei senatori del Prc furono reali: sostenere un governo non all’altezza delle aspettative della sinistra o farlo cadere e lasciare via libera alla destra peggiore?

Naturalmente chi sostiene che l’utopia deve sempre prevalere, contesterà questi ragionamenti. Ad esempio dirà che fra Trump e Clinton non c’era poi così grande differenza e che anche Obama non è stato propriamente un pacifista. Con questi ragionamenti, anche Mussolini andò al potere: i contrasti tra socialisti, popolari e liberali favorirono la sua ascesa e all’inizio quasi tutti si illusero che forse non sarebbe stato poi così male … La storia si incaricò di dimostrare il contrario.

Va da sé che il principio di responsabilità dovrebbe valere soprattutto pensando al bene comune e in particolare ai più deboli. Ad esempio, gli ultimi governi italiani a guida Pd non avranno fatto cose meravigliose in materia di immigrazione, anzi, ma di certo possiamo immaginare che cosa farebbero governi a guida leghista.

È evidente che non è sempre facile individuare quando una scelta politica può avere conseguenze talmente negative da richiedere di sacrificare l’utopia al realismo. Le difficoltà sono aumentate in Italia da quando non c’è più il sistema proporzionale, col quale si poteva votare scegliendo il partito o il candidato che ci sembravano migliori. Era un voto di testimonianza. Da quando c’è il sistema maggioritario si deve spesso scegliere tra chi ci sembra meno peggio. E non è proprio una scelta esaltante. Ma ricordo che anche quando vigeva il proporzionale, c’era una quota di maggioritario al Senato (almeno nelle regioni a statuto speciale): e succedeva sempre che i vari partiti a sinistra del Pci, piuttosto che votare il candidato comunista o socialista che aveva chance di riuscita (da notare che i socialisti a quell’epoca non erano ancora craxiani), preferiva disperdere il voto su candidati di bandiera, che regolarmente perdevano, col risultato di regalare tutti i senatori alla Dc.

Questa tendenza a far prevalere l’ideologia e la frammentazione sull’unità è una costante della sinistra e spesso anche dei vari movimenti che coltivano l’utopia. Ma a volte in vista del bene comune sarebbe più saggio cedere su qualche aspetto e cercare punti di incontro. Se l’utopia serve per continuare a camminare, come diceva Eduardo Galeano, e se è solo l’utopia (il miraggio) a mettere in moto le carovane, qualche volta il senso di responsabilità può far sì che le carovane non si perdano nel deserto.

Fulvio Gardumi