Home2018novembre

Mediterranea è una piattaforma di realtà della società civile arrivata nel Mediterraneo centrale dopo che le ONG, criminalizzate dalla retorica politica senza che mai nessuna inchiesta abbia portato a una sentenza di condanna, sono in gran parte state costrette ad abbandonarlo.

Mediterranea ha molte similitudini con le ONG che hanno operato nel Mediterraneo negli ultimi anni, a partire dall’essenziale funzione di testimonianza, documentazione e denuncia di ciò che accade in quelle acque, e che oggi nessuno è più messo nelle condizioni di svolgere.

Al tempo stesso, Mediterranea è qualcosa di diverso: un’ “azione non governativa” portata avanti dal lavoro congiunto di organizzazioni di natura eterogenea e di singole persone, aperta a tutte le voci che da mondi differenti, laici e religiosi, sociali e culturali, sindacali e politici, sentono il bisogno di condividere gli stessi obiettivi di questo progetto, volto a ridare speranza, a ricostruire umanità, a difendere il diritto e i diritti.

Quella di Mediterranea è un’azione di disobbedienza morale ma di obbedienza civile. Disobbedisce al discorso pubblico nazionalista e xenofobo e al divieto, di fatto, di testimoniare quello che succede nel Mediterraneo; obbedisce, invece, alle norme costituzionali e internazionali, da quelle del mare al diritto dei diritti umani, comprese l’obbligatorietà del salvataggio di chi si trova in condizioni di pericolo e la sua conduzione in un porto sicuro se si dovessero verificare le condizioni.

A partire da un nucleo promotore di cui fanno parte associazioni come l’ARCI e Ya Basta Bologna, ONG come Sea-Watch, il magazine on line I Diavoli, imprese sociali come Moltivolti di Palermo, vogliamo costruire, dal centro del Mediterraneo, un nuovo spazio possibile: aperto, solidale e fondato sul rispetto della vita umana.

Il lavoro dei promotori è stato solo il primo passo: tanti incontri e confronti sul progetto sono in corso con realtà del mondo cattolico, dell’associazionismo laico e del volontariato, con rappresentanti degli spazi sociali, con parlamentari nazionali ed europei, con sindaci di importanti città in Italia e in Europa.

Mediterranea ha deciso di mettere in mare una nave battente bandiera italiana, attrezzata perché possa svolgere un’azione di monitoraggio e di eventuale soccorso, nella consapevolezza che oggi più che mai salvare una vita in pericolo significa salvare noi stessi.

L’obiettivo principale è essere dove bisogna essere, testimoniare e denunciare ciò che accade e, se necessario, soccorrere chiunque rischi di morire nel Mediterraneo Centrale, come impongono tutte le norme vigenti.

Mediterranea lavora anche a terra, attraverso la costruzione di una rete territoriale di supporto.

Una vera “piattaforma” di connessione sociale tra realtà esistenti e singoli che vogliono partecipare a questa impresa.

A Mediterranea si può aderire in qualsiasi momento, ognuno dei suoi sostenitori diventa automaticamente un promotore dell’iniziativa.

La rete delle città rifugio, o città dell’accoglienza, è un interlocutore naturale del progetto. Le città europee ed italiane che hanno sviluppato buone pratiche di accoglienza e che si battono per impedire che la chiusura dei loro porti diventi la causa di una strage continua sono la risposta più efficace, razionale ed importante alle politiche irrazionali e spesso illegali dell’Italia e dell’Europa in materia di diritto di asilo, rispetto dei diritti umani, obbligo di salvataggio e soccorso delle persone che rischiano la propria vita.

Mediterranea cura rapporti di collaborazione preziosa con le principali ONG che svolgono attività di Search and Rescue nel Mar Mediterraneo, avvalendosi in particolare della collaborazione di Sea-Watch e Proactiva Open Arms.

Mediterranea è un progetto possibile anche grazie a Banca Etica, che ha concesso il prestito per poter avviare la missione. Banca Etica supporta inoltre le attività di crowdfunding e ha svolto attività di tutoraggio per gli aspetti economici dell’intera operazione.


Brasile all’estrema destra, una vendetta di classe

Rachele Gonnelli

Da Sbilanciamoci.it – 29 ottobre 2018 -| Sezione: Mondo, primo piano

Il Brasile, sesta economia al mondo, in mano a un presidente come Bolsonaro, sodale di Bannon. La classe media l’ha scelto per paura di perdere i “lussi”. E i ricchi per privatizzare terre e servizi.

Il Brasile, la sesta economia del mondo, ha votato e nel secondo turno delle presidenziali di domenica 28 ottobre non ha invertito la rotta che sembra portarlo – e di corsa – verso una democrazia censuaria nel migliore dei casi.

I rischi per la tenuta stessa democrazia, una conquista che risale solo al 1985, rischi insiti nella vittoria dalla peggiore destra del continente incarnata nel capitano Jair Bolsonaro del Partito social liberal – neo liberale, amico di Steve Bannon, nostalgico della dittatura, ostile alle minoranze e in particolare agli indios e a tutte le tematiche ambientali –  non sono riusciti a modificare le intenzioni di voto già registrate dai sondaggi Datafolha.

Lo scarto con il candidato presidente del Pt Fernando Haddad si conferma molto ampio, dal 55,13 di Bolsonaro al 44, 87 per cento di Haddad. Il Pt riesce a conquistare solo quattro governatorati concentrati nel Nord-est del Paese, una zona più povera e tradizionale roccaforte di Pt.

La campagna elettorale si è svolta soprattutto sui social sul modello già sperimentato negli Stati Uniti da Bannon per l’elezione di Donald Trump. Ma comunque la stampa mainstream non ha negato appoggi a Bolsonaro e alla sua retorica “del cambiamento” rispetto al quindicennio di “petismo”, cioè del governo Pt di Luiz Inacio Lula da Silva prima e di Dilma Rousseff dopo. Così proprio il Paese-guida della rinascita dell’America Latina oggi si presenta con il taglio più netto rispetto al recente passato di democrazia sociale.

Non è senza forza che le élite proprietarie sono riuscite a travolgere la sinistra al governo: la magistratura ha operato forzature denunciate anche da organizzazioni internazionali delle procedure legali per mettere Lula e Dilma fuori gioco, uno in galera e l’altra senza possibilità di fare politica dopo la procedura di impeachment che l’ha estromessa dal potere.

La campagna elettorale di Bolsonaro è stata giocata sulla “sicurezza” – in un Paese dove la violenza è diffusa e si verificano circa 70 mila omicidi ogni anno – e sulla “corruzione”, anch’essa assai diffusa. Si dice che siano state messe in campo le tre B: “biblia, boi, bala” intendendo con questi tre termini gli evangelici – il 30% della popolazione e l’elettorato più retrogrado anche sul piano dei diritti civili -, l’agrobusiness di un Paese che è il primo produttore al mondo di carni e il secondo di soia – e i militari e l’industria bellica.

Il vice di Bolsonaro, il generale Hamilton Mourão, accusato di essere stato tra i militari torturatori negli anni della dittatura, ha annunciato a scrutinio ancora in corso quale sarà la prima misura che metterà in atto: confermare la riforma pensionistica voluta da Michel Temer – l’ex vice di Dilma Roussef che l’ha sostituita nel lungo periodo transitorio verso le elezioni – e quindi aumentare i “benefici” dei militari.

A proposito di benefici e beneficiati, a vedere quelli delle politiche inclusive del quindicennio passato e gli spostamenti dei flussi elettorali già al primo turno, è proprio una revanche di classe quella che sembra essere uscita dalle urne brasiliane. A dirlo è l’analisi del centro internazionale di studi sulle diseguaglianze, il World Inequality Database. Anche se serviranno ancora altri strumenti analitici per interpretare lo spostamento dei quasi 10 milioni di voti pari allo scarto tra Bolsonaro e Haddad, quando solo pochi mesi fa le intenzioni di voto sembravano ancora preferire un possibile candidato Lula rispetto agli altri in campo.

Nel rapporto “Il Brasile diviso: ritorno alla polarizzazione crescente delle diseguaglianze” si nota come dal 2002 il 50% dei brasiliani più poveri sono stati più inclini a votare il Pt rispetto al 10% più ricco. Nel periodo di crescita economica trainata dall’export e dai prezzi alti dei prodotti petroliferi, i redditi dei “decili inferiori” sono aumentati due volte più velocemente della media nazionale. Quindi secondo il laboratorio internazionale di ricerche statistiche, sociologiche e politiche basato sulla scuola di economia di Parigi (Wid) non è tanto la “corruzione” e la “sicurezza” ad aver spostato i voti della classe media, quanto la paura di perdere, con la nuova crisi economica degli ultimi tre anni, potere di acquisto e lussi.

In effetti, si dice, il reddito medio pro capite è aumentato del 18% tra il 2002 e il 2014 ma a ben vedere ne hanno beneficiato soprattutto i più poveri, attraverso programmi tipo Bolsa Familia (il tasso di povertà si è ridotto dal 30 al 15% della popolazione) e i più ricchi. Il conflitto strisciante, che ha portato ora alla vittoria dell’estrema destra in un Paese di 147 milioni di elettori, ha quindi riguardato essenzialmente l’impiego delle risorse federali – gli investimenti durante il Milagrinho, il piccolo miracolo economico del 2006, sono stati ingenti, soprattutto in infrastrutture e servizi scolastici e sanitari – e più in generale le politiche pubbliche. Le classi medie urbane con tassi di scolarizzazione medio-alti hanno finito per cambiare schieramento, preoccupate – come si vede dal sondaggio sulle tematiche elettorali – dai servizi sanitari, dalla scuola e dalla creazione di posti di lavoro. E anche dall’inflazione che a partire dal 2013, in virtù dell’aumento dei salari minimi e dall’attivazione di una contrattazione nazionale volute dai governi Pt, hanno aumentato il costo del lavoro, incluso quello domestico.

In ogni caso Haddad ha avuto troppo poco tempo dopo l’esclusione definitiva della candidatura di Lula, ancora in carcere, e troppo poco carisma per mobilitare gli elettori rimasti disorientati e incerti, molti delusi dalle corruttele scoperte nell’apparato del Pt dall’inchiesta Lava Jato. Lo dimostra il grande numero di schede nulle o bianche (addirittura 11 milioni in tutti il Paese) che vanno a sommarsi ai 30 milioni di astenti.

A leggere la ricerca del Wid un “errore” del Pt potrebbe essere stato quello di aver evitato una seria riforma fiscale durante gli anni della prosperità, lasciando invece correre i mercati finanziari e il credito al consumo. Oppure si può dire che la lotta alla povertà sia stato il cruccio fondamentale del Pt al governo, mentre il resto della struttura sociale è rimasto sostanzialmente invariato: un Paese dove le storture sono eclatanti, dove ci sono 12 gruppi patrimoniali a detenere la maggior parte dei capitali e oltre 2.000 imprese e dove il 45% delle terre coltivabili è in mano all’1% dei grandi proprietari latifondisti che producono l’80 per cento del raccolto. Così anche le terre che Lula aveva dato in esclusiva ai popoli indios ora fanno gola alle compagnie dell’agrobusiness (intanto il Brasile con Temer si è tolto dalla Cop21) e ai loro partner internazionali.

Rete di Padova Ottobre 2018

Trova il tempo di riflettere: è la fonte della forza.
Trova il tempo di giocare: è il segreto della giovinezza.
Trova il tempo di leggere: è la base del sapere.
Trova il tempo di essere gentile: è la strada della felicità.
Trova il tempo di sognare: è il sentiero che porta alle stelle.
Trova il tempo di amare: è la vera gioia di vivere.
Trova il tempo d’essere felice: è la musica dell’anima.
Sapienza Irlandese

Carissime/i, apriamo questa circolare con la triste notizia della morte di Riccardo Pergolis, marito di Sandra Romano, alcuni di noi sono stati al funerale e abbiamo dato l’abbraccio della nostra rete di Padova e Battaglia Terme. Vi invitiamo a leggere le numerose comunicazioni da Haiti, la Circolare Nazionale a cura della nostra rete e il breve riassunto dell’ultimo coordinamento.