Home2019febbraio

Venerdì 25 gennaio si è svolto all’Università Roma Tre un seminario di studi dal titolo “Ettore Masina (1928-2017), un cattolico ‘errante’”.

Alla giornata di studi ha portato il saluto della Rete Radiè Resch il nuovo portavoce nazionale, Fulvio Gardumi, il quale ha sottolineato che la Rete è molto interessata all’avvio di un percorso di approfondimento della figura e dell’opera del suo fondatore.

In occasione del seminario è stata anche annunciata l’istituzione, presso la Fondazione Basso, di un Fondo archivistico dedicato a Masina e alla Rete. Al Seminario era presente anche la famiglia Masina, con Clotilde Buraggi, i tre figli e i nipoti.

I lavori sono stati aperti da Matteo Mennini, Storico del Cristianesimo all’Università Roma Tre, autore di uno studio su Ettore Masina. Mennini ha illustrato le fonti e alcune ipotesi per una ricerca biografica più completa.

L’attività di Masina come giornalista, scrittore, politico e animatore di iniziative di solidarietà internazionale, è stata analizzata da alcune relazioni, a cominciare da quella di Giorgio Del Zanna dell’Università del Sacro Cuore di Milano, che ha tracciato un quadro del mondo cattolico milanese nel secondo dopoguerra. In particolare ha ricordato l’amicizia di Masina con l’allora arcivescovo di Milano card. Montini, poi diventato Papa Paolo VI.

La fondazione e la storia della Rete Radié Resch, definita una “anomalia resistente”, è stata al centro della relazione di Ercole Ongaro, dell’Istituto Lodigiano per la storia dell’età contemporanea. Ongaro è lo storico della Rete, alla quale ha già dedicato tre pubblicazioni: una nel 1994 in occasione del 30° di fondazione, una nel 2004 per il 40° e una nel 2014 per il 50°.

L’attività giornalistica di Ettore Masina, prima al “Giorno” come inviato speciale e informatore religioso, poi alla Rai, come conduttore del TG2 e di programmi di approfondimento, è stata analizzata da Federico Ruozzi dell’Università di Modena-Reggio Emilia nella sua relazione “Mass media e cattolici in Italia tra Vaticano II e anni Ottanta”.

Il particolare clima sociale ed ecclesiale che si era venuto a creare con il Concilio e che è proseguito con la stagione del Dopoconcilio è stato il tema dell’intervento di Giovanni Turbanti, della Fondazione per le Scienze Religiose Giovanni XXIII di Bologna.

Infine l’impegno di Masina per i popoli oppressi dell’America Latina attraverso il Tribunale Russell II è stato analizzato da Giancarlo Monina dell’Università Roma Tre e rappresentante della Fondazione Basso.

Era prevista anche una relazione sull’attività parlamentare di Masina, svolta dal 1983 al 1992 nella Sinistra Indipendente: avrebbe dovuto tenerla Giancarla Codrignani, anche lei più volte parlamentare e “collega” di Masina nella Commissione Esteri, ma per motivi di salute non ha potuto essere presente ed ha quindi inviato un testo da allegare agli atti.

Nel dibattito è intervenuto anche Raniero La Valle, anche lui giornalista cattolico e parlamentare della Sinistra Indipendente. Per La Valle, Masina era un grande giornalista “non solo perché raccontava le cose, ma perché raccontava sé stesso, mettendo in gioco sé stesso e la sua vita”. La Valle ha sottolineato il momento storico straordinario del Concilio, quando la Chiesa era “diventata notizia”. Fino a quel momento ciò che veniva discusso all’interno della Chiesa era rigorosamente segreto. L’arrivo a Roma di cardinali da tutto il mondo, con le loro istanze e richieste, di teologi d’avanguardia, portatori di nuove visioni come la teologia della liberazione o la “Chiesa dei Poveri”, la messa in discussione di dogmi ritenuti immutabili per secoli, sono tutti aspetti di un fenomeno nuovo, che il giornalismo di quegli anni ha colto al balzo per trasformare le vecchie cronache stantie, filtrate dai salotti vaticani, in notizie vive e attraenti per il grande pubblico. Quella interpretata da Masina in quel periodo “non era solo storia ecclesiale ma una nuova dinamica sociale della modernità”.

Clotilde Buraggi è intervenuta nel dibattito per ricordare la sua vita con Ettore Masina, un uomo che l’ha fatta aprire agli altri, ad altri mondi, e le ha fatto capire l’uguaglianza e la dignità di tutti gli uomini. Così, ha detto, abbiamo dato vita alla Rete Radié Resch, su suggerimento del prete operaio francese ed amico Paul Gauthier.

Al seminario erano presenti anche i figli e i nipoti di Ettore. Uno dei tre figli, Pietro, ha portato all’inizio dei lavori il saluto della famiglia Masina ed è intervenuto poi anche nel dibattito, ricordando, tra l’altro, come la scelta di Ettore di farsi da parte per “demasinizzare” la Rete, cioè per evitare che la Rete si identificasse con una persona, sia stata una scelta molto lungimirante, anche se sofferta. Pietro ha commentato che quella scelta si è dimostrata vincente, come dimostra la vitalità della Rete nei decenni successivi al “ritiro” del fondatore, con il passaggio da una guida centralizzata a una gestione partecipata.

Le conclusioni del seminario sono state affidate a Roberto Rusconi, dell’Università Roma Tre. “Ettore era un cristiano che faceva l’esame di coscienza davanti alla carta geografica”, ha detto Rusconi citando una definizione di Padre Ernesto Balducci. E l’apertura al mondo è stato uno dei caratteri più innovativi del giornalismo di Masina e del suo impegno internazionale. Un impegno e una visione da cui è nata la Rete Radié Resch, che ancora oggi è viva e attiva e cerca di attualizzare le intuizioni del suo fondatore.

Saluto del portavoce nazionale della Rete, Fulvio Gardumi

Porto a questo seminario di studi “Ettore Masina, un cattolico ‘errante’” il saluto della Rete Radié Resch, l’associazione di solidarietà internazionale che Ettore Masina fondò nel 1964 – 55 anni fa – e che rappresenta sicuramente una delle più solide concretizzazioni del pensiero e dell’azione di Masina. Una realtà che gli è sopravvissuta, che è tuttora viva e presente in una quarantina di città italiane, che ha contatti e relazioni con molte comunità e movimenti popolari nel Sud del Mondo e che cerca continuamente di attualizzare le intuizioni del fondatore.

La nascita della Rete Radié Resch di solidarietà internazionale, di cui parlerà nel corso del Seminario il prof. Ercole Ongaro, si inserisce in quel filone del dibattito conciliare che non è riuscito a concretizzarsi in un documento ufficiale, ma che ha influenzato profondamente la storia contemporanea: questo filone è conosciuto come “Chiesa dei poveri”.

La Rete Radié Resch è stata fin dall’inizio particolarmente interessata all’avvio di un percorso di studio e di approfondimento della figura e dell’opera di Ettore Masina, nella sua multiforme attività di giornalista, scrittore, politico e fondatore/animatore di iniziative di solidarietà internazionale: tutti aspetti di una personalità che nel titolo di questo seminario di studi viene presentata, come quella di un “cattolico errante” (riprendendo il titolo di un libro dello stesso Masina del 1997). La sua storia si intreccia con quella del Concilio e del Dopoconcilio, con la storia politica e sociale dell’Italia del Dopoguerra e, più in generale, con la Storia della seconda metà del Novecento.

La fondazione della Rete, di cui Masina è stato per decenni l’anima, è una testimonianza viva della lungimiranza del suo pensiero e della sua azione. Tanto più in tempi come quelli attuali, in cui i concetti stessi di solidarietà e di opzione preferenziale per i poveri della Terra, così centrali in Masina, sono messi pesantemente in discussione e addirittura additati come reati. Proprio l’anno scorso la Rete Radié Resch ha titolato il suo 27/o convegno nazionale “La solidarietà non è reato”, sottotitolo “ReSIstiamo umani”. Un titolo e un sottotitolo che si possono leggere come una sintesi del pensiero e della prassi di Ettore Masina e dell’eredità che lui ha lasciato alla Rete, la quale ancora oggi cerca di declinare concretamente e di adeguare al mutato contesto storico e politico i valori di solidarietà, umanità, resistenza, coscientizzazione, formazione, informazione e controinformazione. In altre parole, come recita il titolo dell’intervento di Ercole Ongaro previsto nella mattinata di oggi, la Rete fondata da Ettore Masina cerca anche oggi di vivere come una “anomalia resistente”.

A nome della Rete Radié Resch ringrazio quindi l’Università Roma Tre, in particolare il Dipartimento di Studi Umanistici, e la Fondazione Basso, che assieme alla Rete ha collaborato con questa Università alla promozione del Seminario odierno. La Fondazione Basso sta organizzando l’istituzione di un Fondo archivistico della Rete Radié Resch che confluirà nel Fondo archivistico Ettore Masina, con la donazione dei documenti di cui è stato ricercatore e collettore il prof. Ercole Ongaro – storico della Rete – accanto a quelle già raccolte dal dott. Matteo Mennini attraverso la famiglia Masina e altre persone che hanno interagito negli anni con Ettore Masina.

A tutte queste persone ed istituzioni va quindi il ringraziamento della Rete, con l’auspicio che il percorso per una ricerca biografica su Ettore Masina si sviluppi positivamente e contribuisca a mettere a fuoco un periodo storico e una temperie culturale e politica di cui Masina è stato un protagonista di primo piano.

La Rete “Radié Resch”: un’anomalia resistente di Ercole Ongaro

Lo storico francese Marc Bloch ha osservato che “un fenomeno storico non è mai compiutamente spiegato se si prescinde dallo studio del tempo in cui avviene”1. Tuttavia nessun evento e nessuna associazione sono figli unicamente del proprio tempo: ci vuole sempre qualcuno che sappia leggere i “segni del proprio tempo”, rispondere a una chiamata, decidere di dedicarsi a far nascere il nuovo, portare alla luce il non-ancora. Anche la Rete RR ne è una dimostrazione2: per capire la sua nascita e il suo sviluppo non si può prescindere dal tempo in cui avvenne a Roma l’incontro tra Ettore Masina3, giornalista del quotidiano “Il Giorno”, e padre Paul Gauthier4, prete operaio a Nazareth e in quel momento perito del Concilio Ecumenico Vaticano II5.

Era il tempo del Concilio, di Giovanni XXIII che voleva una Chiesa che si facesse conoscere “come la Chiesa di tutti, e particolarmente dei poveri”, che sollecitava i credenti a “considerare il superfluo con la misura delle necessità altrui”6; era il tempo dell’apertura del dialogo tra Chiesa e mondo, tra cristiani e marxisti, tra cattolici e cristiani di altre confessioni religiose; era il tempo della Pacem in terrris, la prima enciclica rivolta a tutti gli uomini di buona volontà, che invitava a saper leggere i “segni dei tempi” e dichiarava “irrazionale” la guerra; era il tempo delle lotte del movimento nonviolento di Martin Luther King per i diritti dei neri, del processo di decolonizzazione e di indipendenza dei popoli africani ancora sotto il giogo coloniale; era il tempo di una domanda sempre più forte di giustizia in masse di lavoratori e di poveri ai margini della storia.

L’incontro tra Masina e Gauthier avvenne il 4 dicembre 1963: si stava chiudendo la seconda sessione dell’assemblea ecumenica e veniva annunciato il viaggio di Paolo VI in Terra Santa. A quell’incontro, avvenuto nella sala stampa vaticana, sarebbe seguito il decisivo incontro a Nazareth il 31 dicembre prima in un cantiere edile poi nella baracca di Paul: Gauthier e Masina, uno di fronte all’altro, capaci di scrutarsi nell’intimo, di condividere le proprie inquietudini, di immaginare un cammino comune per rispondere alla domanda di giustizia dei poveri.

Il rapporto tra Gauthier e Masina era un rapporto asimmetrico: per la differenza di età, per la storia che avevano alle spalle, per il ruolo che stavano svolgendo. Paul, dotato di una personalità carismatica, esercitava un forte fascino su chi lo avvicinava o lo ascoltava: da docente di teologia nel seminario di Digione a prete operaio a Nazareth, dove attorno a lui si era raccolto un gruppetto di uomini e donne – compagnons e compagnes – assetati di radicalità nell’attuare il Vangelo nella propria vita; come perito conciliare Paul stava svolgendo un imprevisto ruolo di coordinatore di un gruppo di vescovi che si erano autoconvocati fin dalle prime settimane del Concilio in risposta a un suo dossier, “Gesù, la Chiesa e i poveri”, da lui distribuito a decine di vescovi, che poneva l’urgenza che la Chiesa abbandonasse ogni segno di ricchezza per poter incontrare i lavoratori e i poveri7.

Ettore, più giovane di 14 anni, sposato con Clotilde e padre di due figli (poi divenuti tre), era un cattolico alla ricerca di un impegno coerente con la propria fede: la sua professione di “inviato speciale” di un grande quotidiano l’aveva messo sovente a contatto con l’umanità sofferente delle periferie urbane, umiliata da condizioni di vita e di lavoro precarie. Ma fu l’impatto con la sofferenza delle masse povere della Palestina a travolgere gli argini del suo stile di vita borghese: l’aver visto a Nazareth e Betlemme famiglie che vivevano in grotte, al freddo, come ai tempi di Cristo.

Ettore e sua moglie Clotilde decisero di accogliere l’invito di Gauthier a costituire una “rete di amici” che si autotassassero ogni mese per dare concretezza alla “condivisione con i fratelli bisognosi e lontani”8. Gli aiuti inviati a Nazareth sarebbero serviti a fornire prestiti per la costruzione di case per i lavoratori. Vi erano già due gruppi che da alcuni anni convogliavano somme di denaro a sostegno dell’attività di Gauthier e dei suoi compagnons: uno costituito da un parroco in Belgio, laltro costituito da un giornalista in Francia. Ma solo quello che stava sorgendo in Italia ad opera di Ettore e Clotilde Masina fu denominato “Rete”, che traduceva il termine francese “reseau”, utilizzato per indicare i gruppi di sostegno ai resistenti in lotta contro il nazismo. Un nome originale, anomalo in quegli anni, che sarebbe divenuto usatissimo soltanto alcuni decenni dopo.

I due gruppi di sostegno in Belgio e Francia si esaurirono presto, mentre si andava propagando la Rete italiana, intitolata a una bambina palestinese morta di polmonite in una grotta mentre la sua famiglia era in attesa di abitare una casa – Masina, per costituire la Rete, aveva indirizzato un appello a tanti suoi amici: a Milano dove abitava con la famiglia, a Varese dove aveva vissuto l’adolescenza e la giovinezza, a Roma dove soggiornava per seguire lo svolgersi del Concilio e in altre città e paesi. Tra i destinatari dell’appello non c’erano soltanto persone con una fede religiosa, ma anche atei o agnostici, perché la sensibilità di rispondere alla domanda di giustizia dei poveri non ha connotazione religiosa. La Rete Radié Resch è stata quindi fin dalle origini composta da credenti e non credenti, uniti dalla consapevolezza che bisognava cessare ogni approccio assistenziale verso i poveri, interrogarsi sulle cause della povertà, sostenere il povero nella sua lotta per uscire dal degrado e dall’emarginazione.

Per unire e aggiornare i gruppi locali e i singoli aderenti senza gruppo, Masina prese a scrivere una lettera circolare con cadenza quasi mensile: un impegno che onorò per trent’anni, facendone uno strumento di educazione politica, di controinformazione, di lettura critica e profetica della realtà. E nell’ottobre 1965 invitò gli aderenti o simpatizzanti cui veniva indirizzata la circolare ad un convegno a Roma: fu il primo convegno nazionale della Rete Radié Resch, che avrebbe in seguito, dal 1976, preso una cadenza biennale. La relazione di Masina in apertura del convegno definì le prime caratteristiche della Rete: presenza di credenti e non credenti; adesione in base a una presa di coscienza dell’ingiustizia sociale e alla volontà di avviare un cambiamento partendo dalle proprie scelte di vita; condivisione del proprio denaro con i poveri non saltuaria ma costante. L’intervento di Gauthier al convegno illuminò una questione decisiva:

Ciò che è importante è che mentre noi là viviamo tra gli operai, voi qui agiate sulle strutture sociali per impedire che si fabbrichino ancora dei poveri. (…) Voi non potete dare parte della vostra intelligenza, della vostra preghiera, del vostro denaro per aiutare i poveri se nello stesso tempo non lottate con tutte le vostre forze per sopprimere le strutture che fabbricano i poveri”9.

Un’eco di queste espressioni usate da Gauthier sarebbe risuonata qualche settimana dopo nel testo noto come “Il Patto delle catacombe”, dove una quarantina di vescovi si impegnava a “rinunciare per sempre all’apparenza e alla sostanza della ricchezza” e a chiedere agli organismi internazionali “l’adozione di strutture economiche e culturali che, anziché fabbricare nuove nazioni proletarie in un mondo sempre più ricco, permettano alle masse povere di uscire dalla miseria”10.

Invece la doppia categoria del “là” e del “qui” coniata da Gauthier, il considerare sia i Paesi ricchi che i Paesi sottosviluppati come realtà interconnesse, entrambe bisognose di cambiamento, è stata un’acquisizione che ha orientato tutta la vita della Rete.

Masina sul finire dell’estate 1968, rileggendo il proprio itinerario spirituale e quello della Rete, non soltanto ribadiva che “un primo elementare impegno [era] quello di dividere i propri beni (non soltanto economici, ma anche culturali o di tempo) con i poveri”, ma anche che tra i poveri andavano privilegiati “quelli che non hanno alle spalle nessuna organizzazione sociale e, ancora, fra essi, quelli che prendono coscienza di una civiltà che li opprime e tentano di opporvisi”; e ciò implicava, da parte di noi occidentali che godevamo i frutti di quello sfruttamento, “una serie di coerenti rifiuti, di contestazioni del sistema, espresse nel colloquio con gli altri uomini e in atti concreti”11. Una tale consapevolezza si rivelava selettiva – faceva perdere aderenti alla Rete – ma era irrinunciabile. Accusata di essere una impostazione politica, e quindi guardata con sospetto, essa era la sola che, in un mondo diviso tra Est e Ovest in base a ideologie contrapposte, riusciva a far cogliere che la divisione più radicale era quella tra ricchi e poveri, tra oppressori e oppressi12.

La novità dei discorsi che circolavano nella Rete, riguardo il fenomeno della povertà e delle sue cause, risalta dal confronto con il dibattito interno a “Mani tese”, nata lo stesso anno della Rete, dove nel congresso del 1969 prevalse la linea di coloro che consideravano il sottosviluppo del Terzo Mondo come conseguenza dellarretratezza delle culture locali invece che delle politiche del colonialismo.

La Rete nel frattempo, al seguito dei compagnons di Gauthier, era approdata in America Latina, dove aveva iniziato operazioni di solidarietà con gruppi di operai e di contadini in Brasile e con chi sosteneva i prigionieri politici nei Paesi oppressi da dittature militari. In Medio Oriente e in America Latina il filo diretto era con gli oppressi che non desistevano nella lotta per la propria liberazione: i loro messaggi, ripresi e commentati nelle circolari di Masina, costituivano una inedita controinformazione, che ha inciso nella educazione politica degli aderenti e li ha mobilitati nelle campagne condotte in Italia in appoggio alla resistenza latinoamericana: l’esempio più evidente fu l’appoggio economico e organizzativo dato dalla Rete al Tribunale Russel II contro la repressione del regime militare brasiliano, promosso da Lelio Basso e Linda Bimbi13.

Masina seppe valorizzare la ricchezza di umanità, di dignità, di lotta, di coscienza politica che derivava dalla relazione con i prigionieri politici, con i gruppi di lotta operaia e contadina – tra questi il Movimento dei Sem Terra – e con le comunità ecclesiali di base dei Paesi latinoamericani. Minoranze che operavano non semplicemente per migliorare le proprie condizioni di vita, ma per un radicale cambiamento del sistema di oppressione, ossia per la liberazione dallo sfruttamento.

Dopo 15 anni di vita della Rete, Masina riuscì a far partire un processo di condivisione delle decisioni interne all’associazione attraverso la struttura di un Coordinamento nazionale, cui partecipavano i rappresentanti delle reti locali. E dal 1982 cominciò a essere pubblicato il Notiziario della RRR, su iniziativa ed a cura della rete di Quarrata, in anni recenti trasformato in rivista trimestrale con il titolo “In dialogo”14. Oltre a condividere le notizie delle reti locali, il “Notiziario” è stato uno strumento di approfondimento e di interpretazione delle trasformazioni nei Paesi del Sud del mondo.

I convegni nazionali della Rete, con cadenza biennale, sono stati soprattutto un momento di ascolto delle testimonianze del Sud e delle analisi di esponenti della Teologia della Liberazione e di scrittori organici ai movimenti di lotta e di coscientizzazione (Leonardo e Waldemar Boff, Marcelo Barros, dom Tomás Balduino, Rigoberta Menchú, Arturo Paoli e tanti altri). La ricchezza delle esperienze dei testimoni si è intrecciata con la periodica riflessione sul tema della solidarietà, che costituisce la ragion d’essere della Rete. Su questo tema la lucidità di analisi di Linda Bimbi, “cuore pensante” della Fondazione “Basso”, ha costituito un apporto prezioso fin dal 1984. La sua lettura dell’esperienza della Rete ha rimarcato l’originalità della Rete nel panorama associativo della solidarietà. La solidarietà attuata dalla Rete si connotava, per la Bimbi, come “pratica tesa a favorire una progressiva presa di coscienza”, “un’operazione pedagogica di rieducazione permanente”, un cammino accanto ai nuovi soggetti di liberazione (contadini senza terra in lotta, minoranze sindacali, comunità ecclesiali di base, donne autorganizzate delle favelas)15.

Per conservare questa originalità Masina ha sempre contrastato l’ipotesi che la Rete si trasformasse in “organizzazione non governativa”: avrebbe significato cancellare la sua identità. Dare continuità alla Rete non doveva comportare dotarla di una sede, di personale e di strutture, di un fundraiser, bensì accrescere la capacità di coinvolgimento da persona a persona, di condivisione di responsabilità.

Nel 1992 Masina annunciò che, al compimento dei 30 anni della Rete (nel 1994), si sarebbe ritirato, perché la sua presenza non avrebbe consentito “la libera crescita, espansione e manifestazione dei carismi altrui”16. Il Coordinamento nazionale venne così assumendo un ruolo più forte di elaborazione e di indirizzo e al suo interno si costituì una segreteria operativa di tre persone.

La scelta di Masina, fortemente sostenuta da Clotilde, fu una scelta di coraggio e lungimiranza, che è stata compresa nella Rete soltanto anni dopo. La comprese invece subito Linda Bimbi, che esortò la Rete – nel momento del ritiro di Masina – a non cadere nella tentazione di istituzionalizzarsi, a mantenersi allo stadio di movimento, camminando con gli altri nell’ascolto dei più deboli:

Quando gli ispiratori scompaiono o si allontanano, è l’ora della fraternità contro la tentazione di istituzionalizzarsi. (…) L’istituzione (che pure ha i suoi ruoli) in definitiva spegne lo spirito. (…) La vostra grande fortuna durante questi decenni è stata di aver mantenuto sguardo e mani fuori dall’Europa, tra i popoli oppressi ma pieni di speranza. Avete attinto linfa vitale nei campi palestinesi, nelle prigioni brasiliane, nell’utopia sandinista. L’avete attinta anche, misticamente, dall’amicizia con i sofferenti di casa vostra. Questo convivere con l’alterità vi ha salvato dall’essere assimilati alla cultura dei vincitori, maturare nella coscienza e nella speranza”17.

La conduzione collegiale ha favorito la responsabilizzazione delle reti locali e ha operato con metodo partecipativo diretto: le decisioni sono prese con il metodo del consenso dal Coordinamento. Tutto questo è avvenuto in un tempo in cui la democrazia è spesso un rito formale.

La Rete ha vissuto la cesura dell’abbandono di Masina, del passaggio da una conduzione personale a una collegiale, conservando la sua specificità:

-è tuttora un gruppo senza strutture burocratiche, senza una sede, senza personale, con una organizzazione leggera su base volontaria;

-sceglie di praticare la solidarietà, attraverso un’autotassazione intesa come “restituzione” ai poveri, in sostegno a comunità o gruppi del Sud del mondo che lottano per un cambiamento dal basso delle comunità cui appartengono;

-sceglie di legarsi a gruppi di base, a gruppi di poveri di cui nessuno si occupa, accogliendo i loro “progetti” e cercando di costruire (tra loro e la rete locale referente) un rapporto di reciproca conoscenza;

-ritiene prioritaria una presa di coscienza personale dei meccanismi di ingiustizia che dominano i rapporti tra Nord e Sud del mondo e incoraggia a praticare stili di vita alternativi alla logica del profitto, della competitività, del consumismo;

-si propone all’esterno con iniziative (dibattiti, incontri con testimoni…) di controinformazione, ma la sua diffusione è soprattutto affidata al rapporto personale, da persona a persona.

La Rete Radié Resch continua a esistere e a resistere camminando nel solco tracciato da Masina e condiviso da Clotilde: il suo sostegno è rivolto a gruppi o comunità, la cui vita quotidiana è una resistenza: in Palestina, in America Latina e in Africa (dal 2000).

In uno scritto, inedito, datato 9 novembre 1993, Masina affermò:

Io vedo nella Rete RR un seme di politica e di cultura che deve svilupparsi come appello e prassi di una nuova resistenza. Circondati dalla dittatura della politica-spazzatura o, ben che vada, della politica-spettacolo, della politica-rabbia; aggrediti ogni ora dagli agenti della sfiducia e dell’egoismo, anche noi – in maniera ben diversa ma non del tutto dissimile da quella dei compagni brasiliani, cileni e uruguaiani di cui negli anni ’70 corremmo in sostegno – dobbiamo scoprire in noi stessi (e più nel nostro stare insieme) la bellezza di una lotta che si ribella agli istinti di morte che ci vengono suggeriti ed amplificati”.18

In questo pensiero di Masina leggiamo in filigrana la storia della Rete, le tensioni e la realtà greve del nostro oggi, ma anche la traccia del cammino futuro di questa “anomalia resistente”.

————————————————–

1 M. Bloch, Apologia della storia o mestiere di storico, Einaudi 1969, p. 48.

2 Sulla vicenda storica della Rete Radié Resch sono stati pubblicati i seguenti saggi: Carla Grandi, Radié Resch. Una storia di solidarietà, Borla, roma 1992, pp. 286; E. Ongaro, Nel vento della storia, 30 anni della Rete Radié Resch di solidarietà internazionale, Cittadella Editrice, Assisi 1994, pp. 238; Idem, a cura di, Nord e Sud, cambiare insieme. Lettere nella Rete Radié Resch, Rete Radié Resch di Quadrata 2004, pp. 407; Idem, Rete Radié Resch. Solidarietà per la liberazione 1964-2014, Rete Radié Resch di Quadrata 2014, pp. 145.

3 Ettore Masina era nato a Breno (Brescia) il 4 settembre 1928; residente a Milano dai primi anni 50 fu giornalista prima su diversi periodici (tra cui Il Giorno) poi alla Rai, saggista e poeta. Fondò nel 1964, con la moglie Clotilde Buraggi, lassociazione di solidarietà internazionale Radié Resch, da lui coordinata fino al 1994. Dal 1983 al 1992 fu deputato alla Camera nel gruppo della Sinistra indipendente. Successivamente continuò la sua attività di saggista e collaboratore di riviste. Morì a Roma, dove risiedeva dal 1964, il 27 giugno 2017.

Su Ettore Masina si veda il profilo biografico e bibliografico, presente nel dossiersul sito internet della Rete Radié Resch: E. Ongaro, Ettore Masina. Un testimone coerente, luglio 2017, pp. 11.

4 Paul Gauthier era nato a La Flèche il 30 agosto 1914; divenuto sacerdote, dal 1947 fu docente di Teologia nel seminario di Digione. Nel 1957, lasciato linsegnamento, decise di trasferirsi in Palestina, a Nazareth, per fare loperaio in un cantiere edile, dove Gesù aveva vissuto lavorando come falegname. La sua testimonianza attrasse altri uomini e donne, di diverse nazionalità, desiderosi di vivere testimoniando il Vangelo: insieme costituirono unassociazione denominata Compagnons et compagnes de Jésus. Fu perito al Concilio Ecumenico Vaticano II (1962-65), dove funse da ispiratore e segretario di un gruppo di vescovi sensibili al tema della povertà della Chiesa e della relazione tra Chiesa e poveri. Con accanto Marie Thérèse Lacaze, sua compagna di vita, visse i drammi dei profughi palestinesi in Giordania e in Libano (1969-1975). Autore di testi sulla tematica del rapporto tra Chiesa e poveri, è ritenuto un precursore della Teologia della Liberazione. Ispiratore della associazione italiana di solidarietà internazionale Rete Radié Resch, ne ricevette il sostegno per i suoi progetti di testimonianza evangelica. Morì a Marsiglia il 25 dicembre 2002.

5 Era stato il vescovo di Akka, George Hakim, divenuto poi patriarca di Antiochia, di Gerusalemme e di tutto lOriente col nome di Maximos V, a scegliere p. Gauthier come collaboratore al Concilio in quanto esperto di problematiche relative al rapporto tra Chiesa e mondo operaio e tra Chiesa e poveri.

6 Giovanni XXIII, Nuntius radiophonicus, 11 settembre 1962.

7 Al riguardo si veda lapprofondito studio di M. Mennini, La Chiesa dei poveri. Dal Concilio Vaticano II a Papa Francesco, Guerini e Associati 2016, pp. 251.

8 Lettera di P. Gauthier a E. Masina, Nazareth 17 febbraio 1964, in E. Ongaro, a cura di, Nord e Sud, cambiare insieme, cit., pp. 41-42.

9 E. Ongaro, Nel vento della storia, cit., p. 43.

10 M. Mennini, Paul Gauthier e la povertà della chiesa durante il Vaticano II. La faticosa ricerca di un consenso, in Cristianesimo nella storia, n. 34, aprile 2003, pp. 357-388; Idem, Il Patto delle catacombe e leredità della Chiesa dei poveri, in Credere oggi, marzo 2013, pp. 1-8.

11 E. Ongaro, Nord e Sud, cit., p. 60.

12 Risuonava qui la lezione di don Lorenzo Milani, amico di Ettore e Clotilde Masina, nella lettera Ai cappellani militari toscani del 23 febbraio 1965: Se voi avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dallaltro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri(Don Lorenzo Milani, Obiezione di coscienza, La Locusta, Vicenza 1965, p. 11).

13 Si veda il saggio di Simona Fraudatario, Le reti di solidarietà per il Tribunale Russell II negli archivi della Fondazione Lelio e Lisli Basso, in Giancarlo Monina, a cura di, Memorie di repressione, resistenza e solidarietà in Brasile e America Latina, Ediesse, Roma 2013, pp. 315-357 (in particolare paragrafo 3.3.3. La Rete Radié Resch e il Manifesto dei diecimila).

14 Un precedente strumento informativo e di autoriflessione interno alla Rete era stato il mensile Camminare, a cura della rete di Firenze, che proseguì per alcuni anni anche accanto al Notiziario.

15 E. Ongaro, Nel vento della storia, cit., p. 162. Una parte dellintervento della Bimbi, in cui racconta il suo rapporto con la Rete, è stato pubblicato in: Linda Bimbi, Tanti piccoli fuochi inestinguibili. Scritti sullAmerica Latina e i diritti dei popoli, Nova Delphi Academia, Roma 2018, pp. 176-181.

16 E. Ongaro, Nel vento della storia, cit., p. 222.

17 Rete Radié Resch. Solidarietà per la liberazione, cit., p. 41.

18 E. Masina, Lettera, 9 novembre 1993. Il testo, pur non iniziando rivolgendosi agli amici della Rete, è comunque rivolto a essi, sia per il richiamo al sostegno dato ai militanti latinoamericani sia perché si conclude con il consueto congedo delle lettere circolari: Un saluto affettuoso e riconoscente dal vostro Ettore Masina.