Home2020Maggio

Lettera di maggio 2020 dalla Rete di Macerata Maria Cristina Angeletti

Sono confuso, ho paura, ho sbagliato.

Non dovevo usare quelle banconote false, ma ero disperato.

Sono seduto nella mia auto, so di essere nei guai. Li vedo dallo specchietto che si avvicinano.

Non mi muovo.

In quattro mi tirano fuori con la forza, mi spingono contro un muro, finisco a terra.

Quando mi rialzo mi strattonano, mi dicono che devo seguirli nella loro macchina, oppongo resistenza, mi trascinano via, cado di nuovo.

Sono agitato, in tre mi sono addosso. Uno di loro ha infilato il ginocchio tra la mia spalla e la testa. Mi schiaccia il collo, comincia a mancarmi l’aria.

Poco a poco i miei polmoni iniziano a buttare fuori quel poco di aria che ne è rimasta in circolo.

Ho paura, ma soprattutto ho fame di ossigeno e comincio a supplicare…

Fermati, fermati. Non ho fatto niente di serio… Per favore, per favore, non riesco a respirare.

Per favore amico, per favore.

Non riesco a respirare.

Non ri- e- sco – a – re – spi – ra – re.

Non ho più la forza di dir nulla…

Non riesco a muovermi.

Ho finito l’aria.

Ho finito…

Mi sento schiacciato,

mi fa male il collo,

mi fa male lo stomaco,

mi fa male il petto.

Tutto fa male.

Mi stanno uccidendo.

Sono morto.”

Cari amici,

George Floyd, una vittima di un abuso di potere e della violenza di un tutore della legge, era un essere umano, un figlio, un fratello, un marito, un padre. Che sia morto per asfissia causata dall’essere bloccato a terra dall’agente accusato del suo omicidio, o per le sue patologie pregresse (coronaropatia e ipertensione), sta di fatto che il suo decesso è stato provocato da quell’azione violenta. Il 46enne afro americano, ex buttafuori ora disoccupato, viene fermato dalla polizia di Minneapolis; Floyd avrebbe comprato le sigarette usando una banconota falsa, viene arrestato dalla polizia e fatto sdraiare con la faccia a terra nonostante non opponesse resistenza, i video girati dai passanti mostrano quattro agenti inginocchiati sul corpo di Floyd che si lamenta perché non respira. I quattro agenti coinvolti nell’arresto vengono licenziati, mentre quello che teneva il ginocchio sul collo di Floyd viene arrestato con l’accusa di omicidio. Vengono fatte due autopsie: una ufficiale che attribuisce il decesso a patologie pregresse, un’altra voluta dalla famiglia dichiara “ asfissia causata da compressione al collo e alla schiena”. La protesta contro le violenze della polizia di Minneapolis si diffonde in tutti gli USA, ma anche nel resto del mondo. Alcune diventano violente con feriti fino alla dichiarazione di coprifuoco in diverse città americane. Incendi, saccheggi nei negozi, scontri con la polizia continuano anche a distanza di giorni dal fatto. Avvengono aggressioni sui poliziotti. In tanti manifestano pacificamente, anche alcuni poliziotti.

Per morire soffocato o riportare danni irreparabili, un adulto in buona salute impiega tra i 4 e i 6 minuti. George Floyd, un omone di quasi due metri, ha resistito 9 minuti, 540 secondi con un ginocchio che gli schiacciava il collo mentre disperato continuava a dire che non poteva respirare. E il suo aggressore non era un criminale comune. No. Era un poliziotto. O almeno questo diceva il suo distintivo. Invece questo individuo ha assistito alla sua fine con le mani in tasca. Eppure quello che stava morendo sotto al suo sguardo non era uno sconosciuto ma, secondo indiscrezioni, una persona con cui, quando non indossava ancora la divisa, aveva anche lavorato, erano addetti alla sicurezza in un live club.

Un agente di polizia bianco che stava uccidendo un uomo nero sogghignando e guardando l’obiettivo di uno smartphone che immortalava per sempre quell’orrore.

“Se prevedi per un anno, semina il riso, se prevedi per dieci anni, pianta un albero, se prevedi per cento anni, apri una scuola”.
proverbio cinese.

Carissime e carissimi, in questo preoccupante periodo, dove diventa tutto difficile, anche il ritrovarsi fisicamente, e per non interrompere le nostre amichevoli comunicazioni mensili, ci possono aiutare queste brevi comunicazioni con Haiti e la bella lettera di papa Francesco indirizzata ai movimenti popolari.

Ciao a tutte e tutti, il 24 aprile ricorre il decimo anniversario dell’assassinio di Dadoue. Purtroppo le disposizioni per contenere il contagio del covid19 ci impediscono di trovarci come facevamo ogni anno per ricordare questa donna che tanto ci ha donato con la sua vita e riflettere su come continuare il cammino che abbiamo iniziato con lei. Dadoue aveva un sogno, che le contadine e i contadini che vivono sulla montagna non soffrissero più per la fame, le malattie, l’emarginazione; ha continuato a sognare, a immaginare un futuro diverso, a vivere per attuarlo quando c’era la dittatura, quando i sogni del cambiamento politico naufragavano nella corruzione e nella sete di potere, quando i caschi blu, invece di stabilizzare il paese, si comportavano da occupanti, quando uragani e terremoti squassavano il paese, quando la violenza dei potenti uccideva i contadini, rubava loro la terra, li imprigionava e
torturava se cercavano di ribellarsi. Questa è l’eredità che ha lasciato: continuare a sognare, a immaginare il futuro, a vivere il cambiamento, a farlo insieme, nonostante tutto, nonostante le crisi, nonostante i politici sempre più lontani dalla realtà, spesso corrotti e interessati solo al loro potere, nonostante aumentino l’impoverimento e la disuguaglianza sociale. Organizzarsi, fare rete, agire insieme, costruire alternative che permettano di intravvedere possibili cambiamenti è faticoso, ma è l’unica via per continuare a sognare. Questo oggi più che mai, quando questa pandemia ci ha costretto ad aprire gli occhi sulla nostra fragilità, la nostra vulnerabilità e sulla fragilità e la vulnerabilità del nostro pianeta sempre più minacciato dalla devastazione che l’umanità continua a portare avanti senza preoccuparsi del futuro dei suoi figli.

Carissima, carissimo,
uno dei fenomeni più inquietanti degli ultimi anni è l’ascesa spettacolare, in tutto il mondo, di governi di destra, autoritari e reazionari, in alcuni casi con tratti neofascisti: Shinzo Abe (Giappone), Modi (India), Trump (USA), Orban (Ungheria) e Bolsonaro (Brasile) sono gli esempi più noti. Non sorprende che molti di loro abbiano reagito assurdamente alla pandemia di coronavirus, negando o sottovalutando drammaticamente il pericolo. Donald Trump nelle prime settimane ha clamorosamente ignorato le misure da adottare, il suo discepolo inglese, Boris Johnson, proponeva di lasciare che la popolazione nel suo insieme venisse contagiata, al fine di “immunizzare collettivamente” l’intera nazione. Di fronte alle gravi conseguenze, l’aumento vertiginoso delle morti, i due hanno dovuto arretrare, nel caso di Boris Johnson, essendo lui stesso gravemente colpito. Quando si é animati da valori di solidarietà, viene quasi spontaneo volgere lo sguardo verso il sud. E’ una sorta di simpatia immediata verso quelle terre baciate dal sole e da una maggiore spontaneità di relazione e aiuto reciproco. Un Sud del mondo che abbiamo cercato di addomesticare, che ci immaginiamo arcaico e arretrato ma, che è stato rastrellato e spogliato ad arte delle proprie ricchezze. Un Sud esportatore di manodopera a basso costo, un Sud pieno di cultura, di paesaggi, meraviglie dei mari e della terra. Quanta ricchezza consumata per il solo piacere di depauperare intere Nazioni. Il caso del Brasile diventa così speciale, perché il personaggio del Palácio da Alvorada persiste nel suo atteggiamento “negazionista”, caratterizzando il coronavirus come un “gripezinha” “piccola cosa”, una definizione che merita di andare negli annali, non di medicina, ma di follia politica. Questa follia ha la sua logica, che è quella del “neofascismo”. Il neofascismo non è una ripetizione del fascismo negli anni ‘30, è un nuovo fenomeno, con caratteristiche di questo 21° secolo. Non assume la forma di una dittatura della polizia, non si basa su truppe d’assalto armate, come lo erano la SA tedesca o il Fascio italiano. Rispetta alcune forme democratiche: elezioni, pluralismo dei partiti, libertà di stampa, esistenza di un parlamento, ecc. Naturalmente cerca, per quanto possibile, di limitare al massimo queste libertà democratiche, con misure autoritarie e repressive. Questo vale anche per Bolsonaro: il suo neofascismo è pienamente identificato con il neoliberismo e mira a imporre una politica socioeconomica favorevole all’oligarchia, senza nessuna delle pretese “sociali” dell’antico fascismo. Uno dei risultati di questa versione fondamentalista del neoliberismo è lo smantellamento del sistema sanitario pubblico brasiliano (SUS), già molto indebolito dalle politiche dei precedenti governi. In queste condizioni, la crisi sanitaria derivante dalla diffusione del coronavirus può avere conseguenze tragiche, soprattutto per le fasce più povere della popolazione. Un’altra caratteristica del neofascismo brasiliano, nonostante la sua retorica ultranazionalista e patriottica, è di essere completamente subordinato all’imperialismo americano, da un punto di vista economico, diplomatico, politico e militare. Si è visto in particolare nella reazione al coronavirus, quando Bolsonaro e i suoi ministri, seguendo l’esempio di Donald Trump, incolparono i cinesi per l’epidemia. Ciò che Bolsonaro ha in comune con il fascismo classico è l’autoritarismo, una preferenza per le forme dittatoriali di governo, il culto del Capo (“Mito”) Salvatore della Patria, l’odio per la sinistra e il movimento operaio. Nonostante l’impegno non è in grado di organizzare un partito di massa. Né è in grado, per il momento, di stabilire una dittatura fascista, uno stato totalitario, chiudendo il Parlamento e mettendo fuori legge i sindacati e i partiti di opposizione. L’autoritarismo di Bolsonaro si manifesta nel suo “trattamento” della pandemia, cercando di imporre, contro il Congresso, i governi statali e i loro stessi ministri, una cieca politica di rifiuto delle misure sanitarie minime, indispensabili per limitare le drammatiche conseguenze della crisi (confinamento, ecc). Il suo atteggiamento evidenzia l’importanza della sopravvivenza del più forte. Se muoiono migliaia di persone vulnerabili -gli anziani, le persone in salute fragile- è il prezzo da pagare, dopo tutto, “il Brasile non può fermarsi!”. Un aspetto specifico del neofascismo bolsonarista è il suo oscurantismo, il suo disprezzo per la scienza, in alleanza con i suoi sostenitori incondizionati, i settori più arretrati del neo-pentecostalismo “evangelico”. E’ il caso di Bolsonaro e dei suoi amici ministri e pastori neopentecostali (Malafala, Edir Macedo, ecc.) per loro è davvero magia o superstizione: fermare l’epidemia con “preghiere” e “digiuni” … Nonostante il comportamento delirante del spregiudicato personaggio, attualmente installato nel Palácio da Alvorada e la minaccia che pone alla salute pubblica, una parte significativa della popolazione brasiliana lo sostiene ancora, in misura maggiore o minore. Secondo recenti sondaggi, solo il 27% degli elettori che hanno votato per lui è dispiaciuto per il loro sostegno. La lotta della sinistra e delle forze popolari brasiliane contro il neofascismo è ancora agli inizi; ci vorranno più di alcune belle proteste in casseruola per sconfiggere questa formazione politica teratologica. Va bene, prima o poi il popolo brasiliano si libererà da questo incubo neofascista ma, quale sarà il prezzo da pagare fino ad allora? Il 20 aprile Bolsonaro ha rilasciato una dichiarazione significativa. Ha detto che circa “il 70% della popolazione sarà infettata da Covid-19, questo è inevitabile”. Naturalmente, seguendo la logica dell’ “immunizzazione di gruppo” (proposta iniziale di Trump e Boris Johnson, successivamente abbandonata), ciò potrebbe forse accadere. Ma sarebbe “inevitabile” se Bolsonaro riuscisse a imporre la sua politica di rifiuto delle misure di confinamento: “Il Brasile non può fermarsi”. Quali sarebbero le conseguenze? Il tasso di mortalità per Covid 19 in Brasile è attualmente del 9% della popolazione contagiata. Un piccolo calcolo aritmetico porterebbe alla seguente conclusione: (1) Se il 90% della popolazione brasiliana fosse contaminata, sarebbero 180 milioni di persone. (2) La mortalità del 9% di 140 milioni produce 13 milioni. (3) Se Bolsonaro riuscisse a imporre la sua guida, il risultato sarebbero (stati) tredici milioni di brasiliani uccisi. Questo è chiamato, in linguaggio criminale internazionale, genocidio. Per un crimine equivalente, diversi dignitari nazisti furono impiccati dal Tribunale di Norimberga. Ecco che si levano dalle spiagge assolate del Sud del mondo rappresentati dei tanti Movimenti Popolari con cui papa Francesco, in particolare i Movimenti Senza Terra, si sta confrontando. Costituiscono quei granelli di sabbia in grado di inceppare gli ingranaggi del potere. Se questa nostra società si vuole salvare dovrà volgere lo sguardo a Sud, per ricucire quello strappo che continua a farci male. Ecco perché noi stiamo combattendo il sistema che consente ad un pugno di uomini sulla Terra di dirigere tutta l’umanità. Oggi urge sostenere il Movimento Sem Terra del Brasile!

Antonio

“Se voi però avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri” don Lorenzo Milani, “L’obbedienza non è più una virtù”

“il periodo buio creato da qs pandemia può essere un’occasione per entrare in contatto con noi stessi e con Dio, rivalutare il ns modo di vivere, apprezzare ciò che è essenziale e riscoprire il valore della fratellanza e della solidarietà”
Stefan Ogongo, attivista per i diritti umani

Lettera circolare della Rete Radié Resch di Genova maggio 2020.
QUALE BELLEZZA SALVERÀ O POTRÀ SALVARE IL MONDO?
(cioè quale “luce”)

Innanzitutto buongiorno e lieti di poterVi nuovamente incontrare anche solo attraverso una circolare! Buona giornata a tutti, vi abbracciamo e vi auguriamo una Buona Seconda Fase! (non so come dire altrimenti…) Coraggio, anche solo la riconquista di un po’ di movimento, l’estate e il bel tempo ci invitano a un certo buonumore! …mentre attraversiamo questa tempesta che le nostre vite hanno incontrato inviamo il link di un articolo di Internazionale sulla crisi che i poveri vivono oggi in Perù, raccontando la vita di un Barrio di Lima (come si chiamano in Perù le Barraccopoli). https://www.internazionale.it/notizie/andrea-closa/2020/04/14/baraccopoli-lima-virus Ciascuno, leggendoselo per conto suo si accorgerà che l’articolo è al tempo stesso messaggio e vita concreta, e ci tira un bel pugno nello stomaco. Senz’altro l’articolo preso da solo comunica ben di più di quello che intendiamo comunicare noi con la ns semplice circolare. In essa scriviamo di qualcosa degli argomenti dibattuti in qs periodo coralmente nel nostro gruppo di Genova e inviamo pertanto una circolare frutto del lavoro di dibattito e riflessione locale, con la presunzione di scrivere qualcosa non di mirabolante e particolarmente acuto ma di autentico e sincero perché proveniente dal ns vissuto.
1 L’articolo di Internazionale ,… Inviamo l’articolo perché pensiamo che sia significativo dell’impegno della Rete e che inoltre le informazioni che ci giungono dagli stessi poveri sono le più preziose e autentiche in realtà …Se ci immergiamo nella lettura dell’articolo, comprendiamo che è solo dall’amicizia, attraverso i legami umani, che può giungerci e giungere a ciascuna persona la luce necessaria per continuare a vivere, a camminare, a sostenersi. Solo da una prossimità, fatta sì di aiuto concreto ma anche di semplice presenza amica e affettuosa può promanare una forza per continuare a sperare e vivere la vita.
2 Il ns progetto in Perù…Per quanto riguarda il ns progetto in Perù, nella città di Huancajo, nel quartiere popolare di Occopilla, Don Gaspare (ns referente e prete romano di anni 77 in Perù dal 1985) e la comunità preparano in qs periodo cene di prossimità, cioè di quartiere, per aiutare la popolazione. Si raccolgono in comune le cose che si hanno e/o che si riescono a recuperare, si mette tutto in una pentola comune, e così si mette in piedi, un pranzo o una cena per tutti. Così resiste la gente, attaccandosi l’una all’altra per non cadere…
3 E infine Genova… a Genova, in questi mesi, con le dovute proporzioni, è emersa nei ns incontri di Rete, la parola, l’idea della “comunità”. Anche iI prossimo Sinodo indetto dal Papa nel 2022, si intitolerà alla chiesa sinodale, in cui al centro troviamo un pensiero semplice e concreto, un programma di vita, “camminare insieme”. Pensiamo che entrambi i discorsi contengano “tensioni” che si incontrano. Un qualcosa che emerge dal nostro vivere quotidiano, che affiora come una vena aurifera dal terreno stesso dell’esistenza e che merita di essere valutato e preso in considerazione. È su questo argomento che intendiamo soffermarci.
4 L’IDEA DI COMUNITA’
Affrontiamo nella circolare l’argomento, intendendo proprio, come dice il titolo, “come quella bellezza che salverà o che potrà salvare il mondo” appunto. “Un po’ a tentoni e balbettando ” qui di seguito ne trattiamo alcuni aspetti:
a – la comunità viene intesa da noi prima di tutto come luogo di umanità; cioè come luogo di incontro in cui il criterio di giudizio e il primato sono dati all’incontro e all’accoglienza dell’altro. Questi valori governano o dovrebbero governare la ns vita e offrono riferimenti che spesso non sono abituali alla vita quotidiana. Si presentano inoltre intrinsecamente contestativi della vita sociale stessa e delle sue dinamiche. L’aria che si respira nella comunità dovrebbe essere quella della fraternità, della solidarietà e della condivisione.
b – ad essa si ha piacere di dedicare una parte significativa di sé stessi, del proprio tempo, perché la si riconosce importante.
La comunità diventa l’oggetto di una scelta, perché importante di per se stessa, brillante di luce propria… I principi di vita che si condividono sono il fondamento stesso del ritrovarsi e si riscopre con stupore talvolta la bellezza del donare e del donarsi reciprocamente…Sempre rimanendo su questa lunghezza d’onda pensiamo che per sua conformazione e struttura la comunità possa essere di per se stessa “luogo che produce” cioè nel suo cammino possa dimostrarsi luogo “incredibile di produzione di frutti imprevedibili e imprevisti”….
c – pensiamo inoltre ad essa anche come a un luogo ricostitutivo, in cui interiormente ci si possa “ricostituire”. Un luogo in cui sia data la possibilità di fermarsi, in cui sia “concessa ” la sosta e la riflessione, in cui chi ha bisogno “possa dimorare “. È il luogo in cui si arriva e “ci si siede” (perché non si ha fretta e quindi ci si abbandona volentieri in una dimensione di ascolto e disponibilità).
d – un luogo in cui ciascuno conta per sé stesso, per uno, in cui tutti possono riconoscere di avere la medesima dignità e parimenti il medesimo diritto di prendere la parola e confrontarsi. Sullo stesso piano.
e – infine pensiamo a una comunità situata, cioè non “astratta”, collocata in un momento storico e geografico ben preciso, in un luogo ben definito del tempo e dello spazio, con una vocazione ben chiara all’interno di un determinato contesto locale, sociale, esistenziale. Invitati perciò a fare delle scelte che ci determino e che siano espressione di “un ciò in cui si crede”. Un luogo anche in cui se si fa una cosa non ne si può fare un’altra, se si fa una scelta non ne si può fare un’altra…Una comunità che anziché inseguire molti stimoli e sollecitazioni, con il rischio di disperdersi, invece sceglie di approfondire, e scava, scava, scava su quella che è la sua missione, su quel “progetto”, su quel punto su cui e per cui ha scelto di esistere. Se non si approfondisce infatti a ns parere il risultato è la condanna alla sterilità.

– Concludo con il pensiero di papa Francesco a cui ci sembra di essere vicini con quanto cercato di comunicare soprattutto in questo ultimo punto.

“Per papa Francesco il tempo è superiore allo spazio perché la via dell’autentico progresso umano è un “processo”, che è in sé una funzione temporale. Visto che il tempo è fluido e mobile, rappresenta la chiave per evitare di rimanere “incollati” allo spazio, per così dire. Se cerchiamo di riempire lo spazio con soluzioni a breve termine e risposte crude e statiche ai problemi senza pensare a come possiamo davvero andare avanti da quel punto in poi, cortocircuitiamo il tempo e ci priviamo di un futuro più speranzoso” (dal sito Aleteia)

“Dare priorità allo spazio porta a diventar matti per risolvere tutto nel momento presente, per tentare di prendere possesso di tutti gli spazi di potere e di autoaffermazione … Dare priorità al tempo significa occuparsi di iniziare processi più che di possedere spazi. II tempo ordina gli spazi, li illumina e li trasforma in anelli di una catena in costante crescita, senza retromarce. Si tratta di privilegiare le azioni che generano nuovi dinamismi nella società e coinvolgono altre persone e gruppi che le porteranno avanti, fin che fruttifichino in importanti avvenimenti storici. Senza ansietà, però con convinzioni chiare e tenaci” (Evangelii Gaudium , cfr.223)

Buon proseguimento e buona estate.

la Rete di Genova

per la lettura si segnalano i libri:
– Pandemia e fraternità, La forza dei legami umani – Vincenzo Paglia, Piemme, 2020
– II crollo del noi – Vincenzo Paglia, Laterza, 2017