Nome dell'associazione

Radié (Radia) Resch è il nome di una bambina Palestinese, morta di polmonite mentre era in attesa di una vera casa: con la famiglia infatti viveva in una grotta a Betlemme. E il nostro primo progetto è stato quello di finanziare la costruzione di case per alcune famiglie Palestinesi. Seguirono poi progetti in molti altri luoghi, soprattutto Sud America e America Centrale, ma anche, più recentemente in Africa.

Rete Radiè Resch

Come agisce

Alla Rete RR aderiscono donne e uomini impegnati nella solidarietà con i popoli del Sud del mondo. La questione delle disuguaglianze tra il NORD e il SUD del mondo è quindi centrale per la Rete.

La Rete vuole porre nel presente segni di umanità futura, attraverso il sostegno a realtà piccole e significative che si pongono in modo alternativo al modello economico dominante. Sono realtà organizzate e autogestite che lottano nei loro paesi contro l’impoverimento, per costruire società fondate sulla giustizia.

Collaboriamo con persone e comunità del Sud del mondo per realizzare un interscambio di amicizia, di valori e di esperienze che contribuiscano alla crescita reciproca.

Periodicamente la Rete invita donne e uomini impegnati in questi progetti, i testimoni, per ascoltare la loro esperienza, rafforzare i vincoli di amicizia e ricevere informazioni dirette.

La Rete collabora anche con quelle realtà che lavorano in Italia e in Europa per la costruzione di un mondo più giusto, cosciente che per costruire la giustizia e la pace occorre un profondo cambiamento dei paesi del Nord del mondo.

La Rete quindi si impegna in iniziative di concreta solidarietà, compiendo un gesto che vogliamo sia di restituzione. Così la Rete sviluppa la consapevolezza dell’interdipendenza e della corresponsabilità: sappiamo infatti che l’impoverimento, i danni ambientali, le guerre e la violenza, più evidenti nel Sud del mondo, sono il risultato del nostro modello di sviluppo.

Chi aderisce alla Rete si impegna personalmente:

ad approfondire le cause della diseguaglianza tra Nord e Sud e divenire fonte di informazione e mezzo di sensibilizzazione, per essere “una voce al servizio di chi non ha voce”.
ad una autotassazione periodica, libera e costante, che consente di programmare e realizzare la collaborazione con le comunità con cui la Rete è in contatto. I fondi raccolti vengono indirizzati quindi direttamente verso situazioni e persone ben conosciute.

Il nostro conto corrente NAZIONALE:

Banca Popolare EticaPiazza Insurrezione 10 35139 Padova PD
ABI: 05018 CAB: 12101
Conto corrente n. : 00000199778Codice BIC: CCRTIT2T84A
IBAN: IT51 X050 1812 1010 0000 0199 778

Intestatario del conto corrente: Rete Radié Resch Marta Bergamin – via Fapanni 4 – 31033 Castelfranco Veneto (TV)

La raccolta viene chiamata “restituzione”, evidenziando un modo che parte innanzitutto da noi stessi, al di fuori dalla logica dell’elemosina.