HomeCircolari Nazionali MensiliCircolare nazionale Marzo 2020

Circolare nazionale Marzo 2020

Lettera circolare Rete Radiè Resch del mese di Marzo 2020.
Barala kwè! Un grande e caro saluto!
Si intende per “zona rossa” un’area soggetta ad un alto rischio di carattere sociale, ambientale o d’altro genere, può essere istituita temporaneamente o definitivamente e può essere interdetta al pubblico.(Wikipedia)
Queste righe sono scritte dopo aver trascorso dieci giorni a Bangui ed essere tornati in un Italia che ha dovuto mutare il proprio quotidiano in modo repentino e a noi sconosciuto.
Federico, Morena ed io siamo arrivati a Genova alle 12.40 di martedì 10 Marzo sul primo volo atterrato in Liguria “zona rossa”, dopo aver vissuto dieci giorni in territorio di guerra. Guerra infame, diffusa, invisibile, sfuggente, guerra senza volto e nascosta al mondo.
Tutta la Repubblica Centrafricana è “zona rossa”.
A Parigi ci siamo ritrovati stretti stretti in un ascensore -quindi a rischio di contagio- con un gruppo di persone spaesate ed impaurite abbigliate in foggia musulmana. Federico ha riconosciuto la sigla sui documenti degli accompagnatori: profughi siriani in corridoio umanitario.
La Siria è “zona rossa”.
Il coordinamento della Rete ha inserito il video “La nascita di Zoukpana”, nel programma del prossimo Convegno in qualità di testimonianza dal Centrafrica ed ha finanziato la “produzione” per una cifra pari al costo di un biglietto aereo.
Zoukpana è il gruppo di giovani universitari Centrafricani che siamo andati ad incontrare dopo un anno di lavoro svolto “là” da loro e “qui” dal collettivo SE con la Rete di Quiliano (sito: www.zoukpana.it).
Questa breve lettera non vuole sostituire il “diario di viaggio”che andrà ad integrare quello del 2019 pubblicato sul sito della Rete.
Poche righe per prestarvi i miei occhi mentre guardano Annik, Samba, Morena: le Ragazze; DieuBeni, Bonaventure, Chrisnol, Bienvenu, Federico, Georges, Brice: i Ragazzi.
Ridono mentre camminano lasciandosi fisicamente sfiorare da camionette con mitra montati sopra. Ridono alla veglia funebre della mamma di Annik – mancata a 38 anni- perché fa parte dello stare lì, tutti insieme e del ricordare la Defunta.
Ridono per quelli che nel culmine delle discussioni più tese sdrammatizzano con una battuta.
Ridono condividendo pasti improvvisati, impastati di sudore e polvere.
Ridono a Bangui incandescente, che manifesta contro l’ONU, contro il governo, che lancia pietre, riceve lacrimogeni e spari dalla guardia presidenziale finanziata da ONU, Russia, Cina, Europa, Francia…i nostri soldi.
Dal resto del Paese un bollettino permanente di scontri, incendi e vittime.
Il 70% della popolazione ha meno di 24 anni, cammina sulle strade, compra un frutto, chi può studia, gli altri si arrangiano in microeconomia di sussistenza.
E poi c’è chi veste una divisa ma ha pur sempre meno di 24 anni.
Le studentesse e gli studenti di SE e Zoukpana sono belli, vestiti con cura e colore, emanano forza, hanno sguardi intensi. Sono persone molto intelligenti. Hanno scelto di lottare scrivendo, denunciando. Prendono posizioni forti, si espongono. Chiamano “tiranno” il presidente.
Hanno costruito questa relazione che dura da un anno ed esula da ogni schema strutturato di solidarietà: una delle Storie che piacciono alla Rete la quale ci crede e la sostiene (ancora un invito a visitare il sito www.zoukpana.it che racconta il loro lavoro).
A volte si guardano quasi increduli nell’impossibilità di “definirsi”: ONG, associazioni, religiosi, volontari pullulano in città e loro non sono niente di tutto questo.
Dopo un po’ di giorni non percepisco più che sono bianchi e neri. Non li distinguo. Il virus che ci colpisce è maledetto perché costringe all’isolamento “zona rossa in cui le persone per combattere il pericolo devono stare lontane e tenute nella paura”.
Bangui è “zona rossa in cui le persone per lottare stanno vicine e ridono”.
Le Ragazze ed i Ragazzi del collettivo Zoukpana hanno 52 anni di speranza di vita. Le Ragazze ed i Ragazzi del collettivo SE hanno 82 anni di speranza di vita.
Mi rifiuto di pensarci mentre li divoro con gli occhi e con l’anima, li abbraccio, li coccolo ma Federico e Morena hanno ben chiari gli incontri con i miei amici coetanei Centrafricani ed i lunghi e penosi “censimenti”.
52 vs 82 sono 30 stramaledetti anni di infami “zone rosse”.RESISTERE! RESISTERE! RESISTERE!

Caterina Perata rete di Quiliano con supervisione di
Morena Rossello e Federico Olivieri Collettivo SE

FOLLOW US ON:
Circolare nazionale
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT