HomeCircolari LocaliRete di Quarrata Maggio 2020

Rete di Quarrata Maggio 2020

Carissima, carissimo,
uno dei fenomeni più inquietanti degli ultimi anni è l’ascesa spettacolare, in tutto il mondo, di governi di destra, autoritari e reazionari, in alcuni casi con tratti neofascisti: Shinzo Abe (Giappone), Modi (India), Trump (USA), Orban (Ungheria) e Bolsonaro (Brasile) sono gli esempi più noti. Non sorprende che molti di loro abbiano reagito assurdamente alla pandemia di coronavirus, negando o sottovalutando drammaticamente il pericolo. Donald Trump nelle prime settimane ha clamorosamente ignorato le misure da adottare, il suo discepolo inglese, Boris Johnson, proponeva di lasciare che la popolazione nel suo insieme venisse contagiata, al fine di “immunizzare collettivamente” l’intera nazione. Di fronte alle gravi conseguenze, l’aumento vertiginoso delle morti, i due hanno dovuto arretrare, nel caso di Boris Johnson, essendo lui stesso gravemente colpito. Quando si é animati da valori di solidarietà, viene quasi spontaneo volgere lo sguardo verso il sud. E’ una sorta di simpatia immediata verso quelle terre baciate dal sole e da una maggiore spontaneità di relazione e aiuto reciproco. Un Sud del mondo che abbiamo cercato di addomesticare, che ci immaginiamo arcaico e arretrato ma, che è stato rastrellato e spogliato ad arte delle proprie ricchezze. Un Sud esportatore di manodopera a basso costo, un Sud pieno di cultura, di paesaggi, meraviglie dei mari e della terra. Quanta ricchezza consumata per il solo piacere di depauperare intere Nazioni. Il caso del Brasile diventa così speciale, perché il personaggio del Palácio da Alvorada persiste nel suo atteggiamento “negazionista”, caratterizzando il coronavirus come un “gripezinha” “piccola cosa”, una definizione che merita di andare negli annali, non di medicina, ma di follia politica. Questa follia ha la sua logica, che è quella del “neofascismo”. Il neofascismo non è una ripetizione del fascismo negli anni ‘30, è un nuovo fenomeno, con caratteristiche di questo 21° secolo. Non assume la forma di una dittatura della polizia, non si basa su truppe d’assalto armate, come lo erano la SA tedesca o il Fascio italiano. Rispetta alcune forme democratiche: elezioni, pluralismo dei partiti, libertà di stampa, esistenza di un parlamento, ecc. Naturalmente cerca, per quanto possibile, di limitare al massimo queste libertà democratiche, con misure autoritarie e repressive. Questo vale anche per Bolsonaro: il suo neofascismo è pienamente identificato con il neoliberismo e mira a imporre una politica socioeconomica favorevole all’oligarchia, senza nessuna delle pretese “sociali” dell’antico fascismo. Uno dei risultati di questa versione fondamentalista del neoliberismo è lo smantellamento del sistema sanitario pubblico brasiliano (SUS), già molto indebolito dalle politiche dei precedenti governi. In queste condizioni, la crisi sanitaria derivante dalla diffusione del coronavirus può avere conseguenze tragiche, soprattutto per le fasce più povere della popolazione. Un’altra caratteristica del neofascismo brasiliano, nonostante la sua retorica ultranazionalista e patriottica, è di essere completamente subordinato all’imperialismo americano, da un punto di vista economico, diplomatico, politico e militare. Si è visto in particolare nella reazione al coronavirus, quando Bolsonaro e i suoi ministri, seguendo l’esempio di Donald Trump, incolparono i cinesi per l’epidemia. Ciò che Bolsonaro ha in comune con il fascismo classico è l’autoritarismo, una preferenza per le forme dittatoriali di governo, il culto del Capo (“Mito”) Salvatore della Patria, l’odio per la sinistra e il movimento operaio. Nonostante l’impegno non è in grado di organizzare un partito di massa. Né è in grado, per il momento, di stabilire una dittatura fascista, uno stato totalitario, chiudendo il Parlamento e mettendo fuori legge i sindacati e i partiti di opposizione. L’autoritarismo di Bolsonaro si manifesta nel suo “trattamento” della pandemia, cercando di imporre, contro il Congresso, i governi statali e i loro stessi ministri, una cieca politica di rifiuto delle misure sanitarie minime, indispensabili per limitare le drammatiche conseguenze della crisi (confinamento, ecc). Il suo atteggiamento evidenzia l’importanza della sopravvivenza del più forte. Se muoiono migliaia di persone vulnerabili -gli anziani, le persone in salute fragile- è il prezzo da pagare, dopo tutto, “il Brasile non può fermarsi!”. Un aspetto specifico del neofascismo bolsonarista è il suo oscurantismo, il suo disprezzo per la scienza, in alleanza con i suoi sostenitori incondizionati, i settori più arretrati del neo-pentecostalismo “evangelico”. E’ il caso di Bolsonaro e dei suoi amici ministri e pastori neopentecostali (Malafala, Edir Macedo, ecc.) per loro è davvero magia o superstizione: fermare l’epidemia con “preghiere” e “digiuni” … Nonostante il comportamento delirante del spregiudicato personaggio, attualmente installato nel Palácio da Alvorada e la minaccia che pone alla salute pubblica, una parte significativa della popolazione brasiliana lo sostiene ancora, in misura maggiore o minore. Secondo recenti sondaggi, solo il 27% degli elettori che hanno votato per lui è dispiaciuto per il loro sostegno. La lotta della sinistra e delle forze popolari brasiliane contro il neofascismo è ancora agli inizi; ci vorranno più di alcune belle proteste in casseruola per sconfiggere questa formazione politica teratologica. Va bene, prima o poi il popolo brasiliano si libererà da questo incubo neofascista ma, quale sarà il prezzo da pagare fino ad allora? Il 20 aprile Bolsonaro ha rilasciato una dichiarazione significativa. Ha detto che circa “il 70% della popolazione sarà infettata da Covid-19, questo è inevitabile”. Naturalmente, seguendo la logica dell’ “immunizzazione di gruppo” (proposta iniziale di Trump e Boris Johnson, successivamente abbandonata), ciò potrebbe forse accadere. Ma sarebbe “inevitabile” se Bolsonaro riuscisse a imporre la sua politica di rifiuto delle misure di confinamento: “Il Brasile non può fermarsi”. Quali sarebbero le conseguenze? Il tasso di mortalità per Covid 19 in Brasile è attualmente del 9% della popolazione contagiata. Un piccolo calcolo aritmetico porterebbe alla seguente conclusione: (1) Se il 90% della popolazione brasiliana fosse contaminata, sarebbero 180 milioni di persone. (2) La mortalità del 9% di 140 milioni produce 13 milioni. (3) Se Bolsonaro riuscisse a imporre la sua guida, il risultato sarebbero (stati) tredici milioni di brasiliani uccisi. Questo è chiamato, in linguaggio criminale internazionale, genocidio. Per un crimine equivalente, diversi dignitari nazisti furono impiccati dal Tribunale di Norimberga. Ecco che si levano dalle spiagge assolate del Sud del mondo rappresentati dei tanti Movimenti Popolari con cui papa Francesco, in particolare i Movimenti Senza Terra, si sta confrontando. Costituiscono quei granelli di sabbia in grado di inceppare gli ingranaggi del potere. Se questa nostra società si vuole salvare dovrà volgere lo sguardo a Sud, per ricucire quello strappo che continua a farci male. Ecco perché noi stiamo combattendo il sistema che consente ad un pugno di uomini sulla Terra di dirigere tutta l’umanità. Oggi urge sostenere il Movimento Sem Terra del Brasile!

Antonio

“Se voi però avete il diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri” don Lorenzo Milani, “L’obbedienza non è più una virtù”

FOLLOW US ON:
Circolare nazionale
Rete di Padova Maggi
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT