HomeCircolari LocaliRete di Quarrata Marzo 2020

Rete di Quarrata Marzo 2020

Lettera Marzo – Aprile 2020
Carissima, carissimo,
il tema che abbiamo scelto per il nostro 28° convegno nazionale “Movimenti popolari di resistenza al neoliberismo per società più giuste ed umane” che dovrebbe svolgersi (coronavirus permettendo dal 17 al 19 aprile prossimi a Rimini mia fa pensare ai grandi movimenti -spesso non raccontati dai media, escluso quelli dei migranti che fuggono verso di noi e di cui abbiamo timore- che sono in atto, penso ai 70 milioni di profughi climatici le cui previsioni ce li danno in continuo aumento.
Penso al progetto Agua Doce nella Baixada Fluminense, grande periferia di Rio de Janeiro; periferie umane dove ci si organizza socialmente per un ambiente più vivibile nonostante le poche risorse, visitare queste realtà, confrontarsi, dialogare come nella mia ultima visita, significa uscire da sé, dal proprio ambiente e riconnettersi con mondi vitali, anche se esclusi, laddove si sente meglio sia l’impatto della solidarietà umana che della globalizzazione. Partire dal basso per arrivare a tutti questa deve essere la nuova vera pratica. Quando ci si mette in relazione con la parte più periferica ed esclusa dell’umanità, si registra meglio ogni cambiamento, ogni alterazione del vivere insieme.

Da noi lo spirito bellicistico ha invaso la mentalità corrente, il termine guerra è usato in ogni occasione. L’opzione militare ci viene presentata è diventata espressività generalizzata di fronte a qualsiasi tipo di difficoltà o contezioso. Nel silenzio totale solo papa Francesco ha avuto il coraggio di denunciare con forza che stiamo vivendo “una guerra mondiale a pezzi”. E la politica? I nostri politici? I media? Si utilizzano sistematicamente bugie e falsificazioni -vedi guerra del Golfo- si fabbricano nemici e capri espiatori per far leva sull’opinione pubblica, eppure ipocritamente nessun leader ammette di scegliere la guerra. E’ così che la guerra e il disprezzo si fanno cultura e da cultura divengono una politica, deformando l’anima e la testa di interi popoli.
Mentre tutto continua nell’indifferenza dei più leggiamo che nel 2019 i miliardari della Lista Forbes (solo 2.153 individui) possedevano più ricchezza di 4,6 miliardi di persone, vale a dire circa il 60% della popolazione mondiale. Lo rileva puntualmente ogni anno Oxfam alla vigilia del meeting annuale del World Economic Forum a Davos dove si sono incontrati gli uomini più ricchi o più potenti del pianeta.
Cresce la fame nel mondo: 850 milioni di persone soffrono di malnutrizione, l’11% della popolazione mondiale.
Solo papa Francesco ha il coraggio di ripetere spesso che “questa economia predatoria uccide”, nessun politico mette in discussione l’attuale economia basata sulla massificazione dei profitti che spesso riduce a scarti, a non contabilizzati gli esseri umani e lo stesso pianeta.

Ricordo quando nacque il governo Lula -gennaio 2003- per la prima volta fu messo in piedi il “Ministero Fame Zero” retto e pensato da Josè Graziano insieme a Frei Betto -consigliere presidenziale- per togliere dalla povertà 50 milioni di brasiliani. Subito l’ONU sposò questa causa per di arrivare entro il 2030 all’obiettivo “Fame Zero”. A tutt’oggi non esiste nessuna politica in merito ma solo il mantenimento del sistema economico attuale.

Tra qualche giorno sarà l’8 marzo, mi è tornata in mente una serata del 1992 quando invitati dall’allora vescovo di Massa, don Binini, accompagnai Leonardo Boff, noto teologo brasiliano, a tenere una conferenza. Il tema era: Chiesa, carisma e potere, libro a causa del quale Leonardo fu sottoposto a processo dal dicastero della Dottrina della Fede. Avvicinandosi al termine della conferenza iniziò a parlare della donna. Iniziò richiamando noi uomini ad una relazione paritaria, perché da ciò diventeremo tutti più completi e umani. Continuò: più la metà dell’umanità sono donne. E sono le madri e le sorelle dell’altra metà che siamo noi uomini. Come non trattarle con la dolcezza e la delicatezza che meritano? Sono state loro che ci hanno messi al mondo, stiamo sempre nel loro cuore e di lì non uscire mai più. Terminò dicendo con forza: le donne sono le madri di noi sacerdoti, dei vescovi, dei cardinali, del Papa, come pensare che non siano degne di essere sacerdotesse? Dall’auditorium stracolmo sali un applauso interminabile ma ciò che notai furono tante suore che non solo applaudivano in piedi, saltellavano, si agitavano come ad un concerto rock, sorprese e felici per la riflessione finale di Leonardo. Che serata!
Siamo ormai in Quaresima, mi chiedo, di fronte a tutto ciò che accade perché mai sui banchi di teologia nei seminari e nelle università pontificie è stato consumato tanto tempo per studiare l’eguaglianza delle persone divine, se poi non si studia -come afferma papa Francesco- per mettere in discussione questo sistema economico che fa morire di fame ogni anno cinquanta milioni di fratelli?. Sì. La fame nel mondo è già di per sé un segno dell’assenza di Dio, dell’esilio a cui l’abbiamo condannato, attraverso il Sistema che domina il mondo. E, allora, è tempo di far sentire la nostra voce, elevarla con forza, in solidarietà con i cinquanta milioni di Cristi, messi a morte ogni anno, “solo della fame”. La Quaresima, se presa sul serio, può aiutarci.

FOLLOW US ON:
Circolare nazionale
Rete di Quarrata Pas
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT