HomeCircolari LocaliRete di Verona luglio-agosto 2020

Rete di Verona luglio-agosto 2020

 

Cari e care,

vogliamo innanzitutto augurarvi buona estate, in questa particolare estate, sia a chi resterà a casa, sia a chi potrà concedersi un periodo di vacanza.

In secondo luogo, ci pare giusto informarvi su quanto è emerso nei nostri incontri nazionali di Rete, che si sono svolti a distanza, tramite video-conferenza.

Sintetizziamo qui di seguito le decisioni più rilevanti

1 è stato confermato lo spostamento del Convegno al 2021 (rimarrebbe comunque la cadenza biennale)

2 si è discusso a lungo sulla formazione della nuova segreteria e su eventuali cambiamenti delle sue funzioni e modalità di lavoro (fino al coordinamento di settembre rimarrà in carica quella attuale).

Proprio in questi ultimi giorni si è concretizzata la proposta di una segreteria/laboratorio formata da Caterina Perata della Rete di Quiliano (Savona), da Lucia Capriglione della Rete di Salerno, da Antonio Vermigli della Rete di Quarrata (Pistoia) e da Nadia Zamberlan (gruppo giovani), della Rete di Torino

3 è stato riconfermato il progetto sostenuto dalla Rete di Verona in Guatemala di cui, di seguito, troverete la relazione.

4 I prossimi 19 e 20 settembre è stato confermato il coordinamento di Sezano, con la partecipazione fisica dei referenti delle reti locali, e non in video-conferenza. Come rete di Verona, organizzeremo l’ospitalità, salvo eventuali contrordini non dipendenti da noi. A questo proposito si sta pensando di affidare sempre più la preparazione e la gestione dei coordinamenti alle reti locali, in modo da sollevare il lavoro della segreteria.

******

Come ReteRR, ci sembra importante ricordare la situazione veramente drammatica della Palestina, aggravata in questo periodo dall’emergenza Covid.

Il governo Netanyahu ha rimandato l’annessione unilaterale di una buona parte dei Territori Occupati palestinesi che comprende quasi per intero la Valle del Giordano. L’annessione, prevista per il 1° luglio in violazione di tutte le risoluzioni dell’ONU, gode dell’appoggio di Trump. Purtroppo la comunità internazionale sembra ignorare completamente la cosa e la UE non ha preso una posizione tale da incidere a favore dei Palestinesi. Contemporaneamente, però, le grandi manifestazioni contro il razzismo negli USA hanno provocato un lieve indebolimento del clima a favore di Trump e ciò ha sconsigliato, per ora, questa prepotenza ingiustificabile.

Ricordiamo che la Valle del Giordano è una zona strategica per l’agricoltura e il controllo delle riserve idriche di tutta l’area. L’acqua viene quasi completamente sottratta ai Palestinesi, nonostante le costanti azioni di resistenza pacifica della popolazione. Per esempio, provengono da lì i datteri “israeliani”, insieme ad altri prodotti agricoli di esportazione, coltivati sulle terre espropriate ai contadini palestinesi. Anche questa è una violazione delle convenzioni internazionali che riguardano le zone occupate militarmente. Ma purtroppo, Israele viola sistematicamente risoluzioni e convenzioni internazionali.

Alleghiamo questo link che ci ha mandato un’amica dagli USA, e mostra la vita quotidiana nella Palestina occupata. Il commento è in inglese, ma le immagini sono talmente eloquenti che non necessitano di traduzione.

WATCH: Daily Life in Occupied Palestine

******

Il progetto che stiamo seguendo in Ghana e che ha preso il nome di Mama Ageiba (nome della mamma di Olivia), sta dando i suoi frutti. Speravamo, però, di poter avere notizie fresche sull’andamento dell’ultimo anno scolastico e per questo abbiamo chiesto ad Emma, la nostra referente ad Adjumako, un aggiornamento sulla situazione, ma siamo ancora in attesa di una sua risposta.

Purtroppo, a causa della pandemia, è stato rimandato anche il viaggio in Ghana che alcuni di noi avevano programmato per fine agosto.

******

Ed ora, dal Guatemala, qualche nota curata da Dino Poli e Aldo Corradi:

1 – P. Clemente e Nicolasa (i nostri referenti) ci dicono che attualmente il problema più grave è dato dall’aumento delle persone che non hanno la possibilità di alimentarsi. La fame è una tragedia che grava su molte famiglie. E’ causata dalla mancanza di lavoro e dai limiti imposti dall’emergenza Covid-19: il blocco di molte attività, la riduzione dei mercati paesani, l’impossibilità di spostarsi o di recarsi (per molti stagionali) sulla costa del Pacifico per la raccolta dei prodotti agricoli ecc. causano situazioni veramente difficili.

Nicolasa e p. Clemente hanno acquistato (grazie anche al nostro contributo) mais e fagioli che hanno consegnato alle persone più bisognose. P. Clemente ha scritto anche che un tornado ha colpito la loro regione e ha causato danni notevoli: case (catapecchie) crollate, frane, allagamenti.

2 – Una bella notizia, che hanno accolto con grande piacere, riguarda la decisione del Coordinamento Nazionale della Rete RR che ha deciso di sostenere con 3000 euro annui per 2 anni (ma probabilmente saranno tre) il “Progetto del Fondo parrocchiale di Microcredito”. Questo progetto ha soprattutto lo scopo di sostenere iniziative di sviluppo e di formazione dei giovani e delle donne della loro comunità, persone che difficilmente possono ottenere finanziamenti dalle istituzioni. Il sostegno di questo progetto è stato possibile grazie all’interessamento dei nostri amici Dino e Silvana.

3 – Per quanto riguarda l’epidemia del coronavirus, in giugno il Guatemala contava già una decina di migliaia di contagi e qualche centinaio di morti (dati ufficiali). Ma le possibilità di rivolgersi ai centri di salute e di cura sono molto scarse, per cui è anche difficile avere il numero reale delle persone contagiate e dei decessi. Si prevede che, alla fine, i contagiati saranno oltre 40.000.

4 – Ci segnalano, infine, un fatto tragico accaduto sabato 6 giugno: l’assassinio di una persona accusata di “stregoneria”. Episodi come questo ci ricordano quanto sia importante l’attività dei nostri amici guatemaltechi per una promozione umana e culturale che porti a orizzonti di giustizia e di pace.

******

Vi salutiamo e vi auguriamo una buona estate.

Maria, Gianni, Dino, Aldo, Silvana.

FOLLOW US ON:
Rete di Quarrata giu
Rate This Article:
NO COMMENTS

LEAVE A COMMENT